Heuchera 'Marmalade'

8,00 €
Iva incl.

Varietà con bellissime foglie increspate sui bordi. Il colore durante l'anno passa dal bronzo all'arancio acceso sfumato di rosso e la pagina inferiore è di un bel tono rosato. La caratteristica principale è la presenza sulla pianta di foglie nelle sfumature di diversi colori (verde, arancio, bronzo, rosso) in toni delicati. Produce fusti rossastri con spighe di fiori bianchi. Sempreverde, rustica e di rapido accrescimento, richiede terreni freschi, ben drenati e posizioni in ombra luminosa o mezzombra.

Varietà premiata al Royal Dutch Flower Bulb Association show nel 2008.

L'epiteto generico ricorda il botanico tedesco Johann Heinrich von Heucher (1677-1747).

La pianta è in vaso di 12 cm di diametro

Quantità
Disponibile

  • . .

Consegna prevista indicativamente dal giorno %MINIMAL_DATE% al giorno %MAXIMAL_DATE%.

Scheda tecnica

Accentazione e pronuncia
Hèuchera
Altezza Massima
60 cm
Esposizione
Mezzombra
Colore
Bianco
Fogliame
Sempreverde
Colore fogliame
Arancio
Fioritura
Maggio-Giugno

Riferimenti Specifici

Abbinamenti suggeriti

Hosta 'Fire and Ice'

Varietà del 1990 della H. Hansen & Shady Oaks Nursery, con colore del fogliame molto interessante. E' una variazione naturale nata da Hosta 'Patriot' di cui ha gli stessi colori, ma in negativo, invertiti. Ha foglie leggermente arricciate col centro bianco e bordo verde scuro, con fiori color lavanda. Coltiare a mezzombra o ombra luminosa(tollera qualche ora di sole al mattino).

L'epiteto generico deriva dal nome di Nicolaus Thomas Host (1761-1834), medico dell'imperatore d'Austria, studioso di graminacee e autore di una Flora dell'Impero Austro-Ungarico.

10,00 €

Persicaria runcinata...

Varietà dal portamento morbido per posizioni ombreggiate e fresche, in terreno fertile, non arido, drenato. Il fogliame è molto decorativo, verde, segnato da una V porpora bordata di argento, molto evidente quando le foglie sono giovani. La fioritura è tipica delle P. microcephala, con capolini bianchi che si aprono durante l'estate. Per mantenere la colorazione del cespuglio si consiglia di cimare periodicamente la pianta, sacrificando anche la fioritura, di poco conto, per favorire la nascita di nuovo fogliame marcatamente colorato.
L'epiteto generico deriva da malus persica (pesco) per le foglie simili a quelle del pesco di molte specie in questo genere.

L'epiteto specifico 'runcinata' fa riferimento alla forma delle foglie che hanno degli 'speroni' con le punte rivolte verso lo stelo (da 'runco, ruconis' roncola).

8,00 €

Dodecatheon meadia f. album

Erbacea perenne della famiglia delle Primulaceae che fiorisce in primavera con steli rigidi che portano fiori bianchi, simili a quelli del Ciclamino, lunghi circa 2 cm, con i petali ricurvi all'indietro e lunghi stami appuntiti soffusi di giallo. In inglese è chiamata 'Shooting Star' per l'effetto dei fiori che sembrano stelle cadenti seguite da una scia bianca, luminosa. L'effetto in piena fioritura è bellissimo, elegante e molto decorativo. Durante l'estate la pianta va in riposo vegetativo e si devono ridurre drasticamente le irrigazioni. La posizione ideale è in ombra luminosa, in terreno fertile, ricco di sostanza organica, ben drenato.

L'epiteto generico è composto dalle parole greche δώδεκα (dòdeca dodici) e θεός (theós divinità): Plinio (XXV, 4) chiama con questo nome una primula diffusa in Campania, perché, dice, racchiude in sé la bellezza e la maestosità di tutti e 12 gli dei romani. Il Dodecatheon come lo intendiamo oggi non ha nulla a che vedere con la pianta di cui parla Plinio nella sua Naturalis Historia, perché Dodecatheon meadia è originario del Nord America e sembra molto improbabile che Plinio lo conoscesse. Il nome è stato utilizzato in tempi più recenti per chiamare questa perenne che su ogni stelo porta 12 fiori, come 12 divinità.

L'epiteto specifico ricorda il fisico inglese Richard Mead (1673-1754). Mark Catesby nella sua Natural History of Carolina aveva attribuito a questo genere il nome di Meadia. Linneo sostituì questo nome con Dodecatheon (perché Richard Mead non era un botanico) e conservò meadia solo per identificare la specie.

9,00 €

16 altri prodotti della stessa categoria:

Adiantum pedatum

Felce decidua della famiglia delle Pteridaceae con fusti striscianti e foglie dalla tipica forma a mano aperta, leggere e dalla consistenza cartacea. Ideale per la coltivazione in vaso, come punto focale nel giardino ombroso. Per la coltivazione scegliere un angolo del giardino ombroso, con terreno ricco,sciolto e umifero, leggermente acido, ben drenato. Lo sviluppo non è veloce, ma una volta ambientata questa felce si rivela molto resistente e forma delle fitte colonie. Al riposo vegetativo segue il risveglio in primavera, con germogli dalle sfumature rosate. L'altezza finale intorno ai 60/70 cm viene raggiunta in alcuni anni se la pianta dispone di sufficiente terreno e cresce nelle condizioni ottimali.

L'epiteto generico si trova utilizzato già in Plinio (XXII, 21) '...invano si immerge l' adianto nell'acqua, è sempre secco ed è per quello che i Greci lo hanno chiamato così'.' Si trova infatti in Teofrasto il termine άδίαντον (adíanton) formato da α- senza e διαίνειν (diáinein bagnare) per le foglie che non si bagnano, perchè sono idrorepellenti.

L'epiteto specifico è un termine latino che significa in questo caso ' a forma di zampa'.

Le foglie vengono utilizzate in preparazioni erboristiche per il benessere delle vie respiratorie, date le riconosciute proprietà mucolitiche ed espettoranti.

18,00 €

Bletilla striata 'Alba'

Orchidea rustica terrestre con foglie a lancia verde, con evidenti venature a rilievo e fiori bianco puro, talvolta leggermente soffusi di rosa, portati da steli rigidi. Adatta alla coltivazione in terra o in vaso, preferisce terreni ricchi e ben drenati e posizioni a mezzombra, dove possa essere raggiunta dal sole per alcune ore, meglio se al mattino.

L'epiteto generico è il diminutivo di Bletia('piccola Bletia, in onore di Don Luis Blet, farmacista e botanico spagnolo), un'orchidea americana con fiori che ricordano quelli della Bletilla, che è però di origine orientale (Cina, Giappone, Corea).

Il genere Bletilla fu creato da Heinrich Gustav Reichenbach nel 1853 e sostituì il nome di Jimensia che era stato assegnato nel 1838 dal botanico americano Constantine Samuel Rafinesque.

L'epiteto specifico deriva dal latino striare (striàre, scanalare) per le striature del labello, il vistoso petalo che nelle Orchidee serve per attirare gli insetti.

12,00 €

Heuchera sanguinea...

Le Heuchera più diffuse nei giardini italiani, apprezzate da anni per la loro resistenza, per il vigore e per l'appariscente fioritura estiva con steli carichi di fiori rossi. La posizione ideale è a mezzombra, raggiunte dal sole del mattino, ma tollerano bene il sole anche per un numero maggiore di ore, fiorendo abbondantemente. Il terreno deve essere drenato e fertile, ma anche in caso di periodi di siccità si rivelano molto resistenti.

Il nome della varietà vuol dire 'Lucciola' in tedesco, probabilmente in riferimento alla luminosità della fioritura.

L'epiteto generico ricorda il botanico tedesco Johann Heinrich von Heucher (1677-1747)

L'epiteto specifico deriva dal latino sanguineus (sanguìneus, rossastro) per il colore di alcune parti della pianta.

8,00 €

xHeucherella 'Sweet Tea'

Varietà sempreverde con foglie grandi, color arancio bruciato, molto chiare dall'inverno alla fine della primavera, più scure (fino ad un color mattone) in estate. Rustica, resistente e di rapido accrescimento è adatta alla coltivazione in piena terra, ma perfetta anche per il vaso, in posizioni ombreggiate. Rispetto alle Heuchera ha fioritura più abbondante e lunga, portata da steli più alti. Richiede terreno fresco, ricco, ben drenato, non troppo bagnato. Tollera brevi periodi di siccità.

L'epiteto generico è un diminutivo di Heuchera, genere dedicato al botanico tedesco Johann Heinrich von Heucher (1677-1747). Le Heucherella sono il frutto di ibridazione intergenerica (indicata dal simbolo x prima del nome di genere) tra Heuchera e Tiarella e il primo esemplare fu ottenuto nel 1912 da Emile Lemoine, che creò un ibrido sterile tra Heuchera× brizoides e Tiarella cordifolia.

Il nome Heucherella è quello che Lewis Carrol (in 'Through the Looking-Glass, and What Alice Found There') definisce un portmanteau (por'mantò, dal francese in disuso 'attaccapanni') o in italiano una parola macedonia o neologismo sincratico, cioè la parola che nasce dall'unione di due termini tra loro diversi.

8,00 €

Filipendula rubra 'Venusta...

Perenne rizomatosa originaria degli habitat umidi, preferisce un terreno moderatamente fertile in pieno sole, irrigato regolarmente, non arido. In terreni umidi in pieno sole forma grandi cespi di foglie pennate, irregolarmente divise in foglioline dentate. Gli steli sono rossastri e portano fitti corimbi di fiori profumati che sbocciano rosa intenso e maturano diventando rosa più chiaro.

Tra i Nativi americani la specie era utilizzata per trattare i problemi di cuore e come afrodisiaco. Inoltre la radice ha un alto contenuto di tannini e ha forti capacità astringenti.

Assieme al salice, è considerata l' 'aspirina vegetale': l'acido salicilico fu scoperto nel 1839 nei fiori di una Filipendula, a quel tempo inclusa nel genere Spiraea, per cui fu chiamato 'acido spirico', poi battezzato dalla Bayer 'aspirina'.

Questa varietà è stata premiata nel 1993 con il Garden Merit dalla Royal Horticoltural Society.

L'epiteto generico è formato dai termini latini filum (filo) e  pendulus (pendente, penzolante), probabilmente in riferimento agli ingrossamenti tuberiformi che pendono dalle radici di alcune specie.

L'epiteto specifico deriva dal latino ruber (rosso) per il colore degli steli.

Il nome della varietà è sempre in latino: Venusta (bella, da Venus, dea romana della bellezza) e Magnifica (da magnificus, glorioso,eccelso).

18,00 €

Hakonechloa macra 'Aureola'

Graminacea perenne della famiglia delle Poaceae che si allarga lentamente formando dei cuscini di foglie arcuate, lunghe fino a 25cm. Le foglie sono gialle con striature verdi e diventano rossastre in autunno. Produce pannocchie allargate di spighe lunghe fino a 18cm. Preferisce un terreno fertile, umido, ma ben drenato, in posizioni a mezzombra, anche se tollera un po' di sole, magari al mattino, purchè abbia sufficienti irrigazioni. Se coltivata troppo in ombra perde le sfumature gialle delle foglie. Si adatta benissimo anche al vaso.

La Royal Horticultural Society ha assegnato a questa varietà il prestigioso Award of Garden Merit.

L'epiteto generico deriva dal nome del monte Hakone (Prefettura di Kanagawa, Giappone) e dal greco χλόα (chlóa erba): erba del monte Hakone, in riferimento alla provenienza dei primi esemplari identificati in natura.

L'epiteto specifico macra deriva dal greco μακρόϛ (macrós lungo, grande) in riferimento alle lunghe foglie di questo genere. 

9,00 €

Aquilegia vulgaris var....

Una perenne facile, vigorosa e che si dissemina abbondantemente. Ha fiori rosa portati da steli verdi, spesso bruniti. La specie è tipicamente diffusa anche in Italia in zone boschive ombreggiate. In giardino la posizione migliore è in terreno fertile, drenato, a mezzombra, dove la pianta possa essere raggiunta da alcune ore di sole che permettano lo sviluppo di piante sane e forti. In ombra troppo intensa tendono a perdersi nel tempo e disseminandosi cercano posizioni più soleggiate e terreno ben drenato, anche ghiaioso.

L'epiteto generico deriva da 'aquilina' , il nome utilizzato nei suoi testi da Alberto Magno, vescovo domenicano  del 1200 appassionato di botanica. E' nel '500 che Carolus Clusius, nome latinizzato di Charles de L’Écluse  riprende il nome  Aquilina e cita il nome Aquilegia(libro VI, cap. 27), che verrà poi reso ufficiale da Linneo. È derivato dal latino aquila per i suoi nettarii, (le ghiandole che producono il nettare) uncinati come gli artigli dell'aquila.

L'epiteto specifico deriva da vulgus e in latino significa comune, ordinario, in riferimento alla grande diffusione in natura della specie.

L'epiteto varietale fa riferimento alla forma dei fiori, stellati e privi degli speroni, tipici della specie.

8,00 €

Thalictrum ichangense...

Foglie che nascono soffuse di arancio e maturano in verde scuro venato di argento. Dalla primavera porta steli alti circa 30cm con piccoli fiori a piumino rosa/lilla. Si consiglia la coltivazione in ombra luminosa e terreno drenato, fresco, ricco.
L'epiteto generico deriva dal nome di questa pianta in greco, θάλικτρον (thálictron, pigamo), citato da Dioscoride nel De Materia Medica.
L'epiteto specifico deriva dal nome della città-prefettura di Yichang( o Ichang).

10,00 €

Lysimachia congestiflora...

Tappezzante perenne e molto rustica con foglie verde scuro sfumate di color cioccolato. I nuovi germogli sono più scuri e inverdiscono col tempo, per questo un taglio periodico favorisce la produzione di nuovi getti e garantisce una migliore colorazione della pianta. La fioritura è molto appariscente, giallo oro. Diversamente da Lysimachia nummularia tollera meno i ristagni di acqua: ombra o mezzombra e terreno ricco, drenato sono le condizioni ideali per la coltivazione.

L'epiteto generico deriva dal nome greco Λυσίμαχος (Lisìmachos) Lisimaco, generale macedone al seguito di Alessandro Magno, poi re di Tracia, Asia Minore e Macedonia: la leggenda narra che Lisimaco alimentasse i suoi buoi con foglie di Lysimachia per calmarli. Secondo Linneo potrebbe derivare invece da Lysimachus, re di Sicilia, di cui scrive anche Plinio. Il nome Lisimaco deriva comunque da λύσις μάχη (lùsis máche, che scioglie la battaglia), lo stesso significato di loosestrife, nome comune inglese di questo genere.

L'epiteto specifico 'congestiflora' è formato dalle parole latine congestus(compatto, ammucchiato) e flos(fiore) per le infiorescenze formate da numerosi fiori che si schiudono vicinissimi tra loro.

7,00 €

Epimedium 'Arctic Wings'

Nato dall' ibridazione di Epimedium latisepalum ed Epimedium ogisui, ha steli abbastanza corti che portano grandi fiori bianchi a stella. E' uno degli Epimedium con i fiori più grandi e appariscenti. Semisempreverde, è perfetto in ambienti ombreggiati, sia in vaso che in piena terra. Preferisce terreni ricchi e ben drenati. Le foglie hanno forma tondeggiante, nascono ambrate, in modo abbastanza variabile tinta unito o con maculatura e durante l'autunno tutto il cespuglio si colora di porpora.

L'epiteto generico deriva dal termine greco ἐπὶμήδιον (epimédion) che si trova per la prima volta nel De Materia Medica di Dioscoride (IV, 19), usato per identificare una pianta originaria della Media (più o meno l'attuale Iran/Azerbaigian/Armenia). L'Epimedium, come lo intendiamo noi oggi, proviene invece da Cina, Giappone, Korea e Vietnam e sembra quindi improbabile che possa corrispondere a quello citato da Dioscoride, ma Linneo ne utilizzò il nome ed è diventato di uso comune.

Nella cultura orientale diverse specie di Epimedium sono considerate un potente afrodisiaco e una cura per i problemi ossei, per le riconosciute proprietà antiossidanti, cardioprotettive e stimolanti del sistema circolatorio.

9,00 €

Rodgersia podophylla 'Rotlaub'

Perenne con una interessante texture delle foglie e affascinante anche per il loro colore: nascono scure, rossastre, poi passano al verde in estate e in autunno sfumano di nuovo verso il rosso. Richiede posizioni ombreggiate e terreno fresco, ricco, drenato, mai arido. Rispetto ad altre Rodgersia è più vigorosa e più rapida nello sviluppo ed è considerata quella con il colore più intenso del fogliame. In Luglio-Agosto spuntano gli steli floreali, con infiorescenze bianche soffuse di rosa.

L'epiteto generico ricorda John Rodgers (1812-1882) della US Navy che comandò la spedizione americana di ricerca conosciuta come Rodgers-Ringgold Expedition (1853-1856) in Giappone e nel Nord Pacifico e collaborò con i naturalisti presenti nel suo squadrone insieme ai quali raccolse l'olotipo(cioè l'esemplare su cui si basa la descrizione originale di una specie) di Rodgersia podophylla a Hokkaido in Giappone.

L'epiteto specifico ha origine dai termini greci πούς, ποδός (pùs, podós piede) e da φύλλον (fiùllon foglia), cioè 'foglie dalla forma di zampa'.

15,00 €

Isotoma fluviatilis

Erbacea perenne sempreverde tappezzante della famiglia delle Campanulaceae con fiori a stella, azzurri, profumati che si schiudono da Maggio ai primi geli.

Si può utilizzare per colmare zone difficili del prato, purchè siano raramente calpestate, tra le pietre di un selciato in posizioni ombrose o come ricadente in vasi e coppi. Per uno sviluppo ottimale richiede posizioni a mezzombra, in terreno fertile, drenato, mai arido.

La letteratura riporta diversi nomi alternativi: i più diffusi sono Pratia pedunculata, Laurentia fluviatilis, Enchysia gaudichaudii , Lobelia pedunculata, Rapuntium fluviatile e Lobelia fluviatilis. George Bentham nel suo testo Flora Australiensis (1864) ricondusse questa pianta al genere Isotoma. La nomenclatura accettata oggi è quindi Isotoma fluviatilis (R.Br.) F.Muell. ex Benth, con riferimento alla paternità di Bentham nell'identificazione di questa pianta. Gli altri sinonimi sono da considerarsi non validi.

L'epiteto generico deriva dall'unione dei due termini greci ísos (uguale) e tomé (taglio), per il taglio molto netto che suddivide in modo uguale i 5 lobi della corolla. L'epiteto specifico fluviatilis (in latino 'tipico dei fiumi) fa riferimento all'habitat preferito da questa pianta, terreni ricchi e umidi, in vicinanza di corsi d'acqua. 

7,00 €

Tricyrtis formosana 'Dark...

Erbacea perenne della famiglia delle Liliaceae originaria di Taiwan. L'aspetto esotico che ricorda un'orchidea e la resistenza al nostro clima invernale la rendono una pianta interessante per ogni giardino e balcone ombreggiato.

Per mantenere la pianta composta si consiglia di cimarla a fine Maggio per favorire accestimento e una maggiore produzione di fiori.

Può essere lasciata libera di appoggiarsi alla vegetazione circostante, per un effetto naturale, oppure può essere sorretta per aiutare lo sviluppo verticale. Nel primo caso l'altezza sarà di circa 60 cm. Nel secondo potrà raggiungere i 90/100 cm.

Si consiglia di coltivare le Tricyrtis in terreno drenato, fertile, a mezzombra. Una posizione troppo ombreggiata limita la quantità di fiori prodotti.

L'epiteto generico deriva dall'unione del prefisso greco τρι- (tri- tre) e del termine κύρτος (chiùrtos curvo) con riferimento ai tre sepali esterni che hanno le basi ricurve.

L'epiteto specifico ricorda l'origine geografica, l'isola di Formosa (Taiwan).

10,00 €

Begonia grandis subsp....

Perenne vigorosa adatta a posizioni ombreggiate. Preferisci terreni freschi, fertili e ben drenati. E' una delle Begonia rustiche più apprezzate per la bellezza delle foglie, verdi, carnose, con la pagina inferiore rossa e per l'abbondante fioritura, con una gran quantità di fiori rosa portati da rami penduli. Dopo la fioritura si formano bulbilli nelle ascelle fogliari e la pianta si 'dissemina' abbondantemente. Perfetta sia in vaso che in terra e abbastanza resistente a periodi di siccità. Si consiglia di cimare le piante all'inizio della stagione per favorire l'accestimento e una fioritura più ricca.

L'epiteto generico è stato assegnato in onore del governatore delle Antille e grande collezionista di piante Michel Bégon (1638-1710).

L'epiteto specifico in latino significa grande, alto, ma anche considerevole, straordinario. Può fare riferimento quindi sia al portamento di questa specie, con alti fusti verticali e ben strutturati, ma anche alla sua bellezza e allo stupore che suscita alla vista.

L'epiteto 'evansiana' ricorda probabilmente il botanico inglese Thomas Evans (1751-1814) della Compagnia britannica delle India orientali.

9,00 €

Tricyrtis hirta 'Alba'

L'epiteto generico deriva dall'unione del prefisso greco τρι- (tri- tre) e del termine κύρτος (chiùrtos curvo) con riferimento ai tre sepali esterni che hanno le basi ricurve.

10,00 €