Heuchera sanguinea 'Leuchtkäfer'

8,00 €
Iva incl.

Le Heuchera più diffuse nei giardini italiani, apprezzate da anni per la loro resistenza, per il vigore e per l'appariscente fioritura estiva con steli carichi di fiori rossi. La posizione ideale è a mezzombra, raggiunte dal sole del mattino, ma tollerano bene il sole anche per un numero maggiore di ore, fiorendo abbondantemente. Il terreno deve essere drenato e fertile, ma anche in caso di periodi di siccità si rivelano molto resistenti.

Il nome della varietà vuol dire 'Lucciola' in tedesco, probabilmente in riferimento alla luminosità della fioritura.

L'epiteto generico ricorda il botanico tedesco Johann Heinrich von Heucher (1677-1747)

L'epiteto specifico deriva dal latino sanguineus (sanguìneus, rossastro) per il colore di alcune parti della pianta.

La pianta è in vaso di 12 cm di diametro

Quantità
Disponibile

  • . .

Consegna prevista indicativamente dal giorno %MINIMAL_DATE% al giorno %MAXIMAL_DATE%.

Scheda tecnica

Nome botanico della specie
Heuchera sanguinea Engelm.
Sinonimo
Heuchera sanguinea 'Firefly'
Accentazione e pronuncia
hèuchera sanguìnea 'Loitkàfer'
Altezza Massima
60 cm
Esposizione
Mezzombra
Colore
Rosso
Fogliame
Sempreverde
Colore fogliame
Verde
Fioritura
Giugno-Luglio

Riferimenti Specifici

Abbinamenti suggeriti

Adenophora 'Gaudi Violet'

Nata come selezione di Adenophora confusa, questa cultivar sorprende per le numerose qualità: dimensioni più contenute e portamento compatto, fioritura lunga e abbondante da inizio estate alla fine dell'autunno, resistenza alle malattie.

Si adatta ad ogni tipo di terreno, purchè sia ben drenato, meglio se ricco di sostanza organica e fresco. La posizione migliore è ad est o ad ovest, dove riceva sole nelle parti meno calde del giorno. Compagni ideali sono Campanula, Geranium, Lychnis.

L'epiteto generico è formata dalle parole greche ἀδήν, -ένος (adén, adénos ghiandola) e φορέω (foréo portare) in riferimento al fiore che ha uno stilo ghiandoloso e uno stimma sporgente che caratterizzano il genere. La famiglia di appartenenza è quella delle Campanulaceae, ma ciò che differenzia le Adenophora dalle campanule è la presenza di un disco che sovrasta l'ovario e circonda la base dello stimma.

10,00 €

Bletilla striata 'Alba'

Orchidea rustica terrestre con foglie a lancia verde, con evidenti venature a rilievo e fiori bianco puro, talvolta leggermente soffusi di rosa, portati da steli rigidi. Adatta alla coltivazione in terra o in vaso, preferisce terreni ricchi e ben drenati e posizioni a mezzombra, dove possa essere raggiunta dal sole per alcune ore, meglio se al mattino.

L'epiteto generico è il diminutivo di Bletia('piccola Bletia, in onore di Don Luis Blet, farmacista e botanico spagnolo), un'orchidea americana con fiori che ricordano quelli della Bletilla, che è però di origine orientale (Cina, Giappone, Corea).

Il genere Bletilla fu creato da Heinrich Gustav Reichenbach nel 1853 e sostituì il nome di Jimensia che era stato assegnato nel 1838 dal botanico americano Constantine Samuel Rafinesque.

L'epiteto specifico deriva dal latino striare (striàre, scanalare) per le striature del labello, il vistoso petalo che nelle Orchidee serve per attirare gli insetti.

12,00 €

Geranium 'Sanne'

Varietà nata spontaneamente dall'ibridazione tra Geranium oxonianum e Geranium sessiliflorum con foglie scure, bronzate e fiori bianchi in gran quantità dall'estate fino all'autunno. Coprisuolo veloce e sempreverde, preferisce posizioni a mezzombra in cui possa essere raggiunto da 3 o 4 ore di sole al mattino o pomeriggio.

L'epiteto generico ha origine dal greco γεράνιον (gherànion geranio) come si trova scritto nel 'De Materia Medica' di Dioscoride. Il nome deriva da γέρανος (ghéranos gru): per i frutti simili al becco delle gru.

9,00 €

Polystichum setiferum...

Bellissima cultivar di questa felce semi-sempreverde diffusa in tutta Italia. Ha fronde che quando nascono sono coperte di una peluria bianco argentata che le rende soffici al tatto. Apprezzata per le dimensioni contenute anche in pieno sviluppo.

Coltivare in terreno fertile, ricco di sostanza organica, ben drenato, evitando i ristagni di acqua ed eccessive irrigazioni. Preferisce posizioni ombreggiate, ma tollera alcune ore di sole al mattino.

L'epiteto generico deriva dal greco πολύ (molte) e στίξ, στιχός (stix, stichòs fila), per i sori disposti in più file.

L'epiteto specifico è formato dalle parole latine seta (setola) e ferere (fèrere, portare) cioè 'dotato di setole', per le 'squame' marroni che ricoprono i fusti.

12,00 €

16 altri prodotti della stessa categoria:

Phyllitis scolopendrium

Felce sempreverde diffusa quasi in tutta Italia, soprattuto vicino a ruscelli e in boschi umidi, specialmente boschi di faggio. Ama i terreni ricchi di sostanza organica, fogliosi, ma drenati, non stagnanti e posizioni in ombra luminosa.

L'epiteto generico Asplenium deriva dal greco ἄσπληνον (asplènon) composto da a- privativa e σπλήν(splèn, milza), per la supposta efficacia di Asplenium ceterach (stessa specie di A. scolopendrum, ma genere diverso) nella cura delle patologie di quest'organo. Il sinonimo Phyllitis ha origine dalla parola greca φύλλον (fiùllon foglia: perché è una felce costituita solo da grandi foglie a lamina intera).

L'epiteto specifico 'scolopendrium' deriva dal greco σκολόπενδρα (scolopèndra), per l'aspetto dei sori( i sori sono raggruppamenti di sporangi, che nelle felci sono i ricettacoli delle spore) sulla pagina inferiore delle foglie, simili alle lunghe zampe di questi artropodi.

12,00 €

Hakonechloa macra 'Aureola'

Graminacea perenne della famiglia delle Poaceae che si allarga lentamente formando dei cuscini di foglie arcuate, lunghe fino a 25cm. Le foglie sono gialle con striature verdi e diventano rossastre in autunno. Produce pannocchie allargate di spighe lunghe fino a 18cm. Preferisce un terreno fertile, umido, ma ben drenato, in posizioni a mezzombra, anche se tollera un po' di sole, magari al mattino, purchè abbia sufficienti irrigazioni. Se coltivata troppo in ombra perde le sfumature gialle delle foglie. Si adatta benissimo anche al vaso.

La Royal Horticultural Society ha assegnato a questa varietà il prestigioso Award of Garden Merit.

L'epiteto generico deriva dal nome del monte Hakone (Prefettura di Kanagawa, Giappone) e dal greco χλόα (chlóa erba): erba del monte Hakone, in riferimento alla provenienza dei primi esemplari identificati in natura.

L'epiteto specifico macra deriva dal greco μακρόϛ (macrós lungo, grande) in riferimento alle lunghe foglie di questo genere. 

9,00 €

Ligularia stenocephala...

Una varietà ottenuto da Marco Fransen, ottenuta dall'ibridazione di ‘The Rocket’ x ‘Lanternchen’, caratterizzata da portamento compatto e una gran quantità di fiori. Coltivare in mezzombra o ombra luminosa, in terreno drenato, fertile. Una maggiore quantità di sole richiede maggiori irrigazioni e può danneggiare le foglie in estati particolarmente calde.

Le Ligularia appartengono alla famiglia delle Asteraceae e hanno fiori simili a margherite, con petali gialli e bellissime foglie, molto decorative, che rendono la pianta interessante anche oltre il periodo di fioritura.

L'epiteto generico Ligularia ha origine dalla parola latina lìngula, diminutivo di lingua: linguetta, per la presenza di flosculi ligulati. I flosculi sono i piccoli fiori che compongono il bottone centrale delle Asteraceae( comunemente 'margherite').

L'epiteto specifico deriva dal greco στενός (stenós stretto, piccolo) e da κεφαλή (chephalé testa, capo): con capolini piccoli.

10,00 €

Heuchera micrantha var....

Foglie color vinaccia con la pagina inferiore color porpora. Durante l'estate produce spighe cariche di piccolissimi fiori bianchi sfumati di rosa che creano un bellissimo contrasto con le foglie. Il colore del fogliame è più intenso in primavera, raggiungendo toni scurissimi, violacei. Richiede un terriccio fresco e ben drenato e posizioni a mezzombra o ombra luminosa. Tra le Heuchera che coltiviamo è una di quelle che tollera periodi di minore apporto di acqua.

L'epiteto generico ricorda il botanico tedesco Johann Heinrich von Heucher (1677-1747).

L'epiteto specifico deriva dal greco μικρός (micrós piccolo) e da ἄνϑοϛ (ánthos fiore) 'dai fiori piccoli'.

8,00 €

Anemonoides nemorosa 'Blue...

Erbacea perenne, alta fino a 30 cm, con rizoma da cui spuntano ogni anno fusti eretti che portano un singolo fiore. A sera e anche quando piove gli steli si reclinano per proteggere le parti fertili del fiore. La cultivar 'Blue Eyes' è diffusa da molti anni, ha fiori doppi, color glicine, più scuri al centro. I primi anni i fiori tendono a essere semplici e con un colore meno intenso, ma man mano che l'apparato radicale si sviluppa la pianta produce fiori doppi e di un colore più definito. Coltivare in terreno fertile, drenato, ricco di sostanza organica, foglioso sotto a alberi o arbusti a foglia caduca o comunque in ombra luminosa o mezzombra.

L'epiteto generico significa 'simile ad un'Anemone, dal greco ἄνεμος (ànemos, vento) da cui il termine greco ἀνεμώνη (accentato anemòne, diversamente dall'accentazione latina anemone) e εἷδος (èidos aspetto). Il nome corrente è derivato dal basionimo assegnato da Linneo, Anemone nemorosa, ed è stato assegnato nel 1973 da Josef Ludwig Holub, botanico ceco che ha lavorato sulla riorganizzazione sistematica delle specie.

L'epiteto specifico deriva dal latino nemus -oris (bosco): 'dei boschi', in riferimento all'habitat preferito in cui cresce.

4,00 €

Polemonium reptans...

Un cespuglio morbido di foglie che nascono verdi, fortemente venate di bianco e soffuse sui bordi di rosa per poi maturare in bianco e verde dopo la fioritura.

I fiori, profumati, amati dagli impollinatori, sono azzurri e molto luminosi, portati da rami morbidi e flessuosi.

Coltivare in terreno fertile, drenato, a mezzombra, in posizioni raggiunte da poche ore di sole al mattino. Dopo la fioritura tagliare a metà altezza la vegetazione per favorire la produzione di nuove foglie.

Diminuire le irrigazioni dopo la fioritura.

L'epiteto generico secondo l'Etimologia Botanica di Alexandre de Thèis deriva dal greco πόλεμος (pòlemos, guerra). Plinio (Naturalis Historia XXV, 6) racconta che prende questo nome perchè fu all'origine di una guerra tra due re che si attribuivano la scoperta di questa pianta e delle sue proprietà. Era talmente rinomata che la si chiamava anche chilodiunàmia, da χίλιοι, mille e δύναμις, forza, potere, proprietà, cioè dotata di mille virtù, dal greco chílioi, mille, e dýnamis, potere.

L'epiteto specifico deriva dal verbo latino reptare (reptàre, strisciare a terra) in riferimento al portamento che differenzia la specie rispetto ad altre appartenenti al genere Polemonium, più slanciate e verticali.

9,00 €

Hosta 'Abiqua Drinking Gourd'

Varietà del 1989 (H. 'Tokudama' x H. sieboldiana) registrata da Charles Purtymun di Walden West Hostas in Oregon con foglie glauche dalla forma molto particolare che caratterizza questa cultivar, a coppa, con i margini rivolti verso l'alto quando le foglie si schiudono e che si aprono via via durante la stagione. L'aspetto cerato delle foglie, la consistenza rugosa e la forma a coppa sono i punti di forza di questa varietà, una delle più belle a foglia azzurra. La fioritura, portata da steli relativamente corti, è estiva, in colore bianco. Coltivare in ombra luminosa, in terreno fertile, drenato. 

L'epiteto generico deriva dal nome di Nicolaus Thomas Host (1761-1834), medico dell'imperatore d'Austria, studioso di graminacee e autore di una Flora dell'Impero Austro-Ungarico.

Drinking Gourd significa letteralmente 'mestolo per bere', in riferimento alla forma a coppa delle foglie. Abiqua fa riferimento al fiume americano Abiqua Creek e compare in diversi nomi assegnati a ibridi di Hosta di Walden West Hostas.

Hosta dell'anno nel 2014 Hosta per la American Hosta Growers Association

15,00 €

Persicaria runcinata...

Varietà dal portamento morbido per posizioni ombreggiate e fresche, in terreno fertile, non arido, drenato. Il fogliame è molto decorativo, verde, segnato da una V porpora bordata di argento, molto evidente quando le foglie sono giovani. La fioritura è tipica delle P. microcephala, con capolini bianchi che si aprono durante l'estate. Per mantenere la colorazione del cespuglio si consiglia di cimare periodicamente la pianta, sacrificando anche la fioritura, di poco conto, per favorire la nascita di nuovo fogliame marcatamente colorato.
L'epiteto generico deriva da malus persica (pesco) per le foglie simili a quelle del pesco di molte specie in questo genere.

L'epiteto specifico 'runcinata' fa riferimento alla forma delle foglie che hanno degli 'speroni' con le punte rivolte verso lo stelo (da 'runco, ruconis' roncola).

8,00 €

Euphorbia amygdaloides...

Sempreverde con foglie oblunghe verde scuro, lucide e steli verde chiaro che portano piccoli fiori giallo lime. Si adatta a posizioni in ombra e mezzombra, in terreni di diverso tipo, anche argillosi o poco irrigati. Una pianta che richiede pochissime attenzioni e non delude mai le aspettative. Si sviluppa rapidamente tramite rizomi sotterranei e forma bellissimi cespugli alti circa 30 cm da cui in primavera spuntano gli steli floreali, molto adatti anche per il reciso.

L'epiteto generico deriva da Εὔφορβος (èuforbos) Eufòrbo, medico greco, che secondo Plinio scoprì le proprietà medicinali di questa pianta. Il nome Eufòrbo deriva dal greco "ἐῧ éu" bene e "φέρβω férbo" nutrire: ben nutrito.

L'epiteto specifico è composto dai termini dal greco ἀμυγδάλη (amiugdále mandorla) e εἷδος (èidos sembianza) per la somiglianza delle foglie di questa Euphorbia con quelle di Prunus dulcis (mandorlo).

9,00 €

Anemone hybrida 'Elfin Swan'

Una delle Anemone della serie Swan, selezionata da ibridazioni spontanee da Eizabeth MacGregor nel suo vivaio in Scozia e lanciata dal vivaio Hardy's Cottage Garden Plants nel 2001 al Chelsea Flower Show. 'Elfin Swan' ha fiori semplici formati da sepali bianchi con la pagina inferiore sfumata di rosa e come tutte le altre cultivar di questa serie ha portamento compatto e non si allarga tramite rizomi. La posizione ideale è a mezzombra, dove la pianta possa essere raggiunta da 3 o 4 ore di sole, meglio se al mattino. Rispetto ad Anemone x hybrida (le classiche e più diffuse, conosciute come Anemone giapponese o autunnale) fiorisce più abbondantemente, iniziando già da Giugno. Si raccomanda di irrigare dal basso, senza bagnare fiori e foglie per evitare malattie fungine.

L'epiteto generico deriva dal greco ἄνεμος (ànemos, vento) da cui il termine greco ἀνεμώνη (accentato anemòne, diversamente dall'accentazione latina anemone). I testi riportano diverse ipotesi per l'origine del nome. Viene battezzato Anemone da Teofrasto, filosofo e botanico greco, in riferimento alle fragili corolle, che si rompono nel vento. Ovidio nelle Metamorfosi (X, vv.734-739) ricorda l'origine legata al mito: Adone, abile cacciatore, viene ferito da un cinghiale durante una battuta di caccia. Venere, che ne era innamorata, lo vede morente e decide di rendere eterno il suo ricordo, trasformando in fiori il sangue dell'amato che cade a terra.

'' ...Nemmeno un'ora era passata: dal sangue spuntò un fiore del suo stesso colore;

un fiore, come quello del melograno, i cui frutti celano

sotto la buccia sottile i suoi semi. Ma è fiore di vita breve:

fissato male al suolo e fragile per troppa leggerezza,

deve il suo nome al vento, e proprio il vento ne disperde i petali.''

12,00 €

Polemonium yezoense 'Purple...

Steli e foglie scuri, violacei e fiori blu viola profumati, molto amati dagli impollinatori. Coltivare a mezzombra(sole del mattino) in terreno fertile e ben drenato.

L'epiteto generico secondo l'Etimologia Botanica di Alexandre de Thèis deriva dal greco πόλεμος (pòlemos, guerra). Plinio (Naturalis Historia XXV, 6) racconta che prende questo nome perchè fu all'origine di una guerra tra due re che si attribuivano la scoperta di questa pianta e delle sue proprietà. Era talmente rinomata che la si chiamava anche chilodiunàmia, da χίλιοι, mille e δύναμις, forza, potere, proprietà, cioè dotata di mille virtù, dal greco chílioi, mille, e dýnamis, potere.

L'epiteto specifico indica la provenienza geografica, di Yezo (o Ezo), antico nome dell'attuale isola di Hokkaido in Giappone.

9,00 €

Campanula 'Summertime Blues'

Varietà di recente introduzione con alti steli rossastri che portano una gran quantità di fiori viola tubulari, campanulati, pendenti. Non si autodissemina.

Coltivare a mezzombra in terreno fertile, drenato. Si consiglia di tagliare gli steli dopo la fioritura, per favorire la produzione di nuovi getti che portano inverdimento e nuovi fiori, anche se in quantità minore.

L'epiteto generico è il diminutivo del termine latino campana( campàna, campanella), in riferimento alla forma dei fiori.

8,00 €

Carex testacea 'Prairie Fire'

Perenne sempreverde della famiglia delle Cyperacee molto simile alle graminacee nell'aspetto. La varietà 'Prairie Fire' è un miglioramente della specie. Le foglie spuntano verdi e assumono i toni dell'arancio col procedere della stagione, fino ad avere le colorazioni più intense in autunno e in inverno. Preferisce posizioni in pieno sole o mezzombra e forma cespugli uniformi e molto decorativi. I semi sono portati su steli lunghi, che appoggiano a terra o, se coltivata in vaso, spuntano dal cespuglio, penduli. Fornire irrigazioni regolari e terreno ben drenato. Non si taglia in primavera, ma si ripulisce dalle foglie secche, se necessario. 

L'epiteto generico deriva dal nome classico latino carex (càrex carice, come si trova utilizzato da Virgilio nelle Bucoliche), derivato dal greco κείρω (keíro io taglio), per il bordo tagliente di molte specie di questo genere.

L'epiteto specifico deriva dal latino testa (tèsta, vaso di terracotta) per il colore delle foglie.

Anche il nome della varietà, traducibile come 'Fuoco della prateria', fa riferimento al colore intenso che caratterizza questa perenne.

9,00 €

Astrantia major 'Roma'

Un ibrido del 2000 di Aad Geerlings di Future Plants, con alti steli che portano fiori rosa dalla fine della primavera all'inizio dell'estate. L'infiorescenza è composta da piccoli fiori simili a spilli appuntati sul bottone centrale, circondati da brattee cartacee sfumate di rosa. L'effetto finale è un colore rosa traslucido che aumenta con la maturazione del fiore e con una maggiore esposizione al sole. Preferisce terreni ricchi e freschi, ma ben drenati. Si consiglia di ridurre le irrigazioni durante l'estate, perché dopo la fioritura ha bisogno di una minore quantità di acqua.

L'epiteto generico deriva dal greco αστήρ (astér stella, astro) e ἄνϑοϛ (ánthos fiore) in riferimento alla forma delle infiorescenze.

L'epiteto specifico è formato dal comparativo di magnus (grande), quindi 'maggiore, più grande', rispetto ad Astrantia minor. Il termine in latino sarebbe scritto maior, ma in latino botanico è stato utilizzato nella forma major ed è da considerarsi quindi valido, anche se linguisticamente scorretto.

La cultivar 'Roma' fiorisce in modo abbondante e prolungato. Consigliamo di recidere gli steli sfioriti per favorire la rifiorenza.

9,00 €

Lamprocapnos spectabilis...

Il genere Dicentra è originario dell'Asia. I primi esemplari furono introdotti in Inghilterra a metà del 1800 da Robert Fortune, botanico scozzese e appassionato ricercatore di piante insolite. Questa varietà è caratterizzata dalla bellezza e dal vigore della specie, solitamente con fiori rosa carico o bianchi, uniti ad un colore intenso e insolito e a fusti e foglie soffusi di rosso. I fiori hanno la tipica forma a cuore che le ha fatto guadagnare il nome di 'Bleeding Heart' all'estero e 'Cuore di Maria' in Italia. E' conosciuta anche come 'Lady-in-a-bath' perché capovolgendo i fiori e aprendo i sepali rossi si può vedere una figura femminile bianca in una 'vasca da bagno'. Coltivare in ombra luminosa o mezzombra in terreno drenato e fertile. Talvolta la pianta va in riposo vegetativo durante l'estate per poi germogliare nuovamente all'inizio dell'autunno.

L'epiteto generico Lamprocapnos è formato dai termini greci λαμπρός (lamprós splendido, raggiante) e καπνός (kapnόs il nome della Fumaria in Dioscoride 4.109). E' stato scelto come nuovo nome da Tatsundo Fukuhara, ricercatore del Dipartimento di Botanica di Kyoto. Il significato del nome è incerto e non si trovano indicazioni, ma è stato scelto probabilmente  col significato di Fumaria dai fiori splendenti. Fumaria spectabilis è infatti il nome con cui Linneo registrò il Lamprocapnos spectabilis (come si trova nell' erbario di Linneo, LINN 881).

Il sinonimo ( e precedente nome generico) Dicentra deriva dal greco δίς (dìs doppio, due volte) e da κέντρον (chéntron sperone), per i sepali che si prolungano in due lunghi speroni.

L'epiteto specifico in latino significa spettacolare, ammirevole.

Varietà vincitrice dell' Award of Garden Merit della Royal Horticoltural Society nel 2014.

10,00 €

Hosta ventricosa

Hosta originaria della Cina con foglie verdi e fiori viola. Si adatta bene a posizioni mediamente soleggiate, per favorire la fioritura, in terreno drenato, fertile, non arido. E' stata la prima Hosta ad essere coltivata in Europa, introdotta da George Hibbert nel 1790.

L'epiteto generico deriva dal nome di Nicolaus Thomas Host (1761-1834), medico dell'imperatore d'Austria, studioso di graminacee e autore di una Flora dell'Impero Austro-Ungarico.

L'epiteto specifico ha origine dalla parola latina vénter, véntris (ventre): rigonfio in qualche parte come una vescica, con riferimento alla forma del perianzio(l'insieme di calice e corolla).

La storia del nome di questa pianta è stata abbastanza particolare e frutto di errori di identificazione: H.C.Andrews la battezzò Hemerocallis caerulea ( comunemente Hemerocallide del Giappone) nel 1805, il botanico austriaco Leopold Trattinnick invece la chiamò Hosta caerulea nel 1812. Solo nel 1931 W. Stearn applicò l'epiteto ventricosa (dal basionimo Bryocles ventricosa) a questa pianta, battezzandola Hosta ventricosa. Questo nome venne poi accettato e utilizzato da F. Maekawa (1937, 1940, 1969), M. G. Chung (1990) e W.G. Schmid (1991) ed è diventato di uso comune.

12,00 €