Agapanthus 'Windsor Grey'

15,00 €
Iva incl.

Una gran quantità di fiori grigio azzurri portati da alti steli resistenti. Rustico e molto vigoroso fiorisce da Luglio a Settembre. Preferisce terreni ben drenati e posizioni soleggiate.

La coltivazione in un vaso di dimensioni contenute favorisce una fioritura abbondante degli Agapanthus. Si consiglia una concimazione regolare dal momento della ripresa vegetativa in primavera. Se coltivati in piena terra necessitano di alcuni anni per raggiungere le dimensioni finali e il massimo potenziale di fioritura. Le varietà selezionate dal nostro vivaio sono tra le più rustiche e superano tranquillamente i nostri inverni purchè si fornisca all'impianto un drenaggio adeguato e una buona pacciamatura in autunno.

L'epiteto generico è formato dalle parole greche ἀγάπη (agàpe amore) e ἄνϑοϛ (ánthos fiore), letteralmente 'fiore dell'amore'. Introdotto nel '600 dal Sudafrica divenne di moda a partire dal 1800 e si diffuse abbondantemente nei giardini europei.

Nelle zone di cui è originario ne vengono utilizzati fiori e radici a scopi curativi e si crede che possa favorire la fertilità e la salute dei bambini appena nati.

La pianta è in vaso di 16 cm di diametro

Quantità
Disponibile

  • . .

Consegna prevista indicativamente dal giorno %MINIMAL_DATE% al giorno %MAXIMAL_DATE%.

Scheda tecnica

Nome botanico della specie
Agapanthus 'Windsor Grey'
Accentazione e pronuncia
Agapàntus (maschile)
Altezza Massima
90 cm
Esposizione
Sole
Colore
Bianco
Fogliame
Semi-Sempreverde
Fioritura
Giugno-Luglio

Riferimenti Specifici

16 altri prodotti della stessa categoria:

Euphorbia 'Charam'

Un ibrido di Euphorbia amygdaloides x Euphorbia characias scoperto da Bernard Ticker nel suo giardino di Fullers Mill nel Suffolk, Inghilterra. Ha tutte e qualità dei genitori: sempreverde, vigorosa, resistente. La nuova vegetazione e i fusti sono macchiati di rosso e all'inizio della primavera diventa protagonista del giardino con una appariscente 'fioritura' in cui quelli che sembrano fiori sono in realtà brattee verde lime che portano al centro piccoli fiori rossi. Si coltiva in pieno sole in terreno drenato. 

L'epiteto generico deriva da Εὔφορβος (èuforbos) Eufòrbo, medico greco, che secondo Plinio scoprì le proprietà medicinali di questa pianta. Il nome Eufòrbo deriva dal greco "ἐῧ éu" bene e "φέρβω férbo" nutrire: ben nutrito.

9,00 €

Sedum spectabile 'Autumn Fire'

Una selezione ottenuta come miglioramento di Sedum 'Autumn Joy': ombrelli di fiori più grandi, colori più intensi e portamento ben strutturato. La caratteristica che rende questa varietà insuperabile è il colore: dal rosa chiaro di inizio fioritura fino al rosso mattone in autunno. Coltivare in pieno sole e terreno ben drenato, senza eccedere con le irrigazioni.

L'epiteto generico Sedum deriva dal latino sédo (calmare), per le proprietà calmanti delle foglie di alcune specie o dal latino sèdere (sedere) per il portamento di molti Sedum, che crescono appoggiati direttamente sui terreni sassosi ( in inglese stone-crop, pianta che si raccoglie sulla pietra).

L'epiteto generico Hylotelephium, sinonimo da preferire per questo genere, è composto dalle parole ΰλη (iùle foresta, bosco) e da telephium (dal greco τηλεφιον telèfion portulaca) col significato di Portulaca dei boschi.

L'epiteto specifico in latino significa 'notevole, spettacolare'.

10,00 €

Paeonia 'The Fawn'

Paeonia erbacea insolita e affascinante: i fiori, ricchi di petali, profumati, sono di un bellissimo rosa e presentano una puntinatura in rosa più scuro che ricorda il manto di un cerbiatto (in inglese 'fawn'). Le giovani foglie in primavera sono rosse e creano bellissimi effetti cromatici in giardino.

Coltivare in pieno sole o mezzombra, in terreno fertile, drenato. Sopporta anche i terreni argillosi, purchè drenati.

L'epiteto generico deriva dal nome greco παιωνία (paionía), assegnato da Teofrasto in onore di Peone (Παίων Pàion), medico degli dei greci che fu mutato in fiore da Plutone come ringraziamento per averlo curato da una ferita inflittagli da Ercole. Anche Plinio il Vecchio fornisce la stessa etimologia (XXV, 3). Inoltre è probabile che abbia preso il nome dalla regione omonima in cui cresce, a nord della Macedonia. 

22,00 €

Amsonia tabernaemontana...

Perenne cespugliosa con grandi infiorescenze globose formate da fiori stellati azzurri e foglie che ricordano quelle del salice, verdi in estate e giallo arancio in autunno. Preferisce terreni freschi, sciolti, irrigati regolarmente. Se coltivata in pieno sole mantiene un portamento più ordinato. In posizioni più ombreggiate tende ad essere più disordinata, si consiglia quindi di cimare la pianta dopo la fioritura per favorire l'accestimento.

Il nome del genere è stato assegnato nel 1760 da John Clayton ( autore di un testo sulla flora della Virginia) in onore del fisico e appassionato di botanica John Amson. Si racconta che George Washigton nel 1758, mentre tornava dalla guerra franco-indiana, avesse i sintomi della tubercolosi e che preoccupato si fosse fermato a Williamsburg, dove venne visitato da Amson, che riscontrò una semplice influenza e tranquillizzò il presidente.

L'epiteto scientifico è invece dedicato a Jakobi Theodori Müller, medico e autore di un'importante opera botanica. Il nome deriva dal suo luogo di nascita, Bergzabern in Germania (Bergs tabern, taverna di montagna, da cui Tabaernemontanus).

10,00 €

Prunella vulgaris

Una perenne autoctona diffusa in tutta Italia utilissima in giardino come veloce tappezzante. Foglie verdi, tondeggianti e fiori tipici della famiglia delle Lamiaceae. Ha proprietà antinfiammatorie e ipoglicemizzanti e da sempre è utilizzata in erboristeria. Si adatta in diversi tipi di posizioni, al sole e a mezzombra, con irrigazioni regolari o più sporadiche, anche se preferisce posizioni in pieno sole e terreno non arido.

L'epiteto generico deriva da una parola tedesca Bräune, angina, come riporta Alexandre de Thèis nella sua Etimologia Botanica. Questa pianta veniva usata come rimedio naturale. I primi riferimenti scritti di questo nome si trovano nell'opera del botanico francese Joseph Pitton de Tournefort , ma come Brunella vulgaris. È stato successivamente Linneo a modificare il nome in Prunella. Sempre Alexandre de Thèis attribuisce questo cambiamento al fatto che i tedeschi pronunciano la labiale dolce B quasi come la labiale forte P.

L'epiteto specifico deriva dal latino vulgus volgo, popolo, nel senso di molto comune, diffuso.

6,00 €

Delosperma 'Fire Wonder'

Perenne succulenta strisciante adatta per posizioni molto soleggiate e ben drenate in vaso o piena terra. I fiori sono rossi, con il centro giallo e quando si chiudono rivelano la pagina inferiore con riflessi fucsia. Molto rustica, fiorisce a lungo con effetti cromatici d'impatto.

I colori accesi di questa cultivar sono tipici di un gruppo di ibridi di Delosperma appartenenti alla serie Wheels of Wonder, sviluppata recentemente da Koichiro Nishikawa, ibridatore giapponese del gruppo Florsaika.

L'epiteto generico deriva dal greco δῆλος (dèlos evidente, visibile) e σπέρμα (spérma seme): col seme visibile, per la conformazione delle capsule dei semi che quando si aprono lasciano completamente in vista i semi, dato che sono sprovviste di coperture membranose.

7,00 €

Digitalis x valinii...

Bellissima cultivar con fiori color albicocca, rosati all'esterno e con la gola chiara, maculata, creata da Charles Valin di Thompson&Morgan. Gli ibridi del gruppo 'Illumination' sono caratterizzati da sterilità dei fiori e quindi da una lunghissima fioritura, da una vita superiore ai 2 anni (e quindi perenni) e una migliore resistenza al caldo e sono stati ottenuti dall'ibridazione di Digitalis purpurea(biennale) e Digitalis canariensis (prima Isoplexis canariensis, perenne particolarmente resistente al caldo). Le fonti riportano rusticità fino a -12°C, purchè si fornisca un buon drenaggio. La posizione ideale è in pieno sole, in terreno fertile.

L'epiteto generico fu assegnato da Leonhart Fuchs, botanico del '500, latinizzando il nome comune della digitale in tedesco. Da 'fingerhut', che ha il significato di 'ditale', ottenne Digitalis, da digitus dito, per la corolla a forma di ditale.

Fino al 2004 gli ibridi Digitalis purpurea x Isoplexis canariensis erano stati riuniti in un nuovo genere, chiamato Digiplexis, un portmanteau (por'mantò, dal francese in disuso 'attaccapanni'), o in italiano una parola macedonia o neologismo sincratico, termine ideato da Lewis Carrol (in 'Through the Looking-Glass, and What Alice Found There') per indicare la parola che nasce dall'unione di due termini tra loro diversi. Nel 2004 studi genetici specifici sul genere Isoplexis hanno rilevato la sua parentela stretta con il genere Digitalis e Isoplexis ne è entrato a far parte. Questi ibridi quindi non sono stati più considerati intergenerici, ma interspecifici e oggi la nomenclatura corretta li inserisce tra le Digitalis.

L'epiteto specifico fa riferimento al padre di questo gruppo di ibridi, Charles Valin ed è stato assegnato da James David Armitage, direttore del dipartimento di Tassonomia botanica della Royal Horticoltural Society.

10,00 €

Tanacetum coccineum...

Una perenne col fascino di altri tempi, precedentemente chiamata Chrysanthemum coccineum. Grandi margherite rosa, col bottone centrale giallo, portate solitarie su steli ben strutturati e verticali.
La posizione ideale per la coltivazione è al sole con ombreggiatura nel pomeriggio, in terreno fertile, drenato.
Si consiglia di tagliare la pianta dopo la fioritura a circa 15cm da terra per favorire la produzione di nuove foglie e il rinnovamento della pianta.
L'epiteto generico potrebbe derivare dal greco ἀθανασία (atanasìa, immortalità) per la notevole durata dei fiori una volta recisi dalla pianta.
L'epiteto specifico ha origine latina, da còccĭnus (scarlatto), con riferimento al colore dei fiori, nelle tonalità dal rosso al rosa.

7,00 €

Iris sibirica 'See Ya Later'

Varietà con fiori viola-fuchsia e gola gialla, frutto del lavoro dell'ibridatore Robert Hollingworth, registrata nel 2006. Coltivare in pieno sole o al massimo mezzombra(non meno di 4 o 5 ore di sole al giorno) in terreno fertile, drenato, irrigato regolarmente prima e durante la fioritura. Dopo la fioritura si possono ridurre le irrigazioni.

I fiori sono grandi (12 cm)L'epiteto generico deriva dal nome della dea Iris (Iride, nella mitologia greca Ἶρις Iris), messaggera degli dei il cui nome deriva da quello dell’arcobaleno (ἶρις, iris).

L'epiteto specifico sibirica( dal latino sibiricus, della Siberia) fa riferimento all'origine geografica di questa specie.

18,00 €

Leucanthemella serotina

Una fioritura autunnale che porta uno slancio di colore e luminosità in giardino! Margherite bianche portate da steli alti fino a 150 cm si schiudono dalla fine di Settembre fino a Novembre, formando cespugli fioriti, ben strutturati e verticali, con fiori che seguono il movimento del sole. Si adatta a tutti i tipi di terreno in posizioni soleggiate.

Coltivare in terreno fertile, drenato, in pieno sole.

L'epiteto generico è un diminutivo di Leucanthemum.

L'epiteto specifico invece  deriva dall'avverbio latino sēro (tardi): che fiorisce a stagione avanzata.

10,00 €

Solidago rugosa 'Fireworks'

Una Solidago di origine Nordamericana con rami a palco che si sviluppano orizzontalmente. La fioritura passa dal verde acido dei boccioli al giallo oro in piena apertura. Coltivare in terreno fertile e drenato in pieno sole o mezzombra.

L'epiteto generico deriva dal latino solidare (solidàre, saldare, rassodare, rinforzare) per le sue proprietà cicatrizzanti.

L'epiteto specifico dal latino rùga (grinza) fa riferimento alla texture delle foglie, rugose appunto.

10,00 €

Rudbeckia occidentalis...

Una Rudbeckia dai fiori insoliti: i petali sono assenti e i sepali sono verdi, attorno ad un cono scuro, brunito. Ottima come reciso e per creare contrasti di struttura in giardino. Coltivare in pieno sole e terreno fertile, ben drenato, non arido.

L'epiteto generico fu dedicato da Linneo ai botanici svedesi Olaus (Olof, Olaf) Johannis Rudbeck sr. (1630-1702) e il figlio Olaus (Olof, Olaf) Olai Rudbeck jr. (1660-1740) che fu professore di botanica a Uppsala e maestro di Linneo.

L'epiteto specifico fa riferimento alla zona di origine, l'America Nord-occidentale.

9,00 €

Lobelia fulgens 'Queen...

Bellissima varietà con fogliame porpora scuro e fiori rossi, prodotti in gran quantità dall'estate all'autunno. Preferisce terreni drenati, fertili, ricchi e posizioni in pieno sole che favoriscano la formazione di fusti ben strutturati. Può essere cresciuta con sostegni (ad esempio un cono di rami a formare un obelisco o cono) oppure lasciata libera. In quest'ultimo caso tenderà a piegarsi e a crescere in mezzo alle altre piante spuntando qua e là con gli steli carichi di fiori.

Il taglio degli steli sfioriti a fine estate favorisce la produzione di nuovi steli floreali e il prolungarsi della fioritura fino a gran parte dell'autunno.

L'epiteto generico fu assegnato da Linneo in onore del botanico fiammingo Mathias de Lobel (o de L'Obel, latinizzato in Matthaeus Lobelius, 1538-1616), medico di corte a Londra e autore di una famosa Historia plantarum.

L'epiteto specifico deriva dal verbo latino fùlgere, splendere, con riferimento al colore acceso dei fiori.

10,00 €

Oenothera speciosa 'Siskiyou'

Fiori bianchi soffusi di rosa, intensamente profumati, si susseguono senza sosta su un cespuglio che si allarga senza esitazione anche su terreni difficili e poveri dall'inizio dell'estate all'autunno. In autunno le foglie si sfumano di rosso. Coltivare in pieno sole e terreno ben drenato.

E' originaria del degli Stati Uniti meridionali e del Messico settentrionale. La specie è diffusa anche in Italia, al centro-nord, come alloctona ormai naturalizzata, sfuggita alla coltivazione nei giardini.

L'epiteto generico Oenothera sembra derivare dal greco οἰνοϑήρας (oinotèras) con riferimento al probabile utilizzo che veniva fatto dai Greci della radice per aromatizzare il vino.

L'epiteto specifico 'speciosa' deriva dal latino speciosus ( a sua volta da species, vista/apparenza) col significato di 'bella, appariscente'

9,00 €

Aquilegia chrysantha...

Una perenne di origine nordamericana, vigorosa e che si dissemina facilmente. Ha foglie glauche e fiori gialli, con lunghi speroni, inizialmente piegati verso il basso e poi disposti in orizzontale alla sommità degli alti steli. La specie è tipicamente diffusa anche in Italia in zone boschive ombreggiate. In giardino la posizione migliore è in terreno fertile, drenato, a mezzombra, dove la pianta possa essere raggiunta da alcune ore di sole che permettano lo sviluppo di piante sane e forti. In ombra troppo intensa tendono a perdersi nel tempo e disseminandosi cercano posizioni più soleggiate e terreno ben drenato, anche ghiaioso. Rispetto ad altre specie sopporta bene anche un numero maggiore di ore di sole al giorno.

L'epiteto generico deriva da 'aquilina' , il nome utilizzato nei suoi testi da Alberto Magno, vescovo domenicano del 1200 appassionato di botanica. E' nel '500 che Carolus Clusius, nome latinizzato di Charles de L’Écluse riprende il nome Aquilina e cita il nome Aquilegia(libro VI, cap. 27), che verrà poi reso ufficiale da Linneo. È derivato dal latino aquila per i suoi nettarii, (le ghiandole che producono il nettare) uncinati come gli artigli dell'aquila.

L'epiteto specifico deriva dal greco χρυσόϛ (criusós oro) e da ἄνϑοϛ (ánthos fiore): con fiori giallo oro.

8,00 €