Alcea ficifolia 'Happy Lights'

10,00 €
Iva incl.

Varietà perenne che si autodissemina facilmente, ama posizioni molto soleggiate e terreni ben drenati. Produce fiori nei colori dal bianco al rosso in tutte le sfumature pastello portati da alti steli rigidi. Per uno sviluppo ottimale si consiglia di cimare la pianta all'inizio della stagione, favorendo l'accestimento e la produzione di un numero maggiore di steli floreali. In zone ventose è necessario fornire dei sostegni. I fiori sono commestibili e possono essere usati crudi, anche se non apportano un particolare gusto, ma solo colore.
Spesso le Alcea vengono definite annuali o biennali, ma in realtà si rivelano perenni a vita breve, talvolta superiore ai 3 o 4 anni. Si disseminano facilmente e quindi negli anni le piante vecchie vengono rimpiazzate da quelle nuove.
La radice e i fiori sono usati in erboristeria per le numerose proprietà terapeutiche e alla pianta sono riconosciute capacità depurative dei terreni con presenza di metalli pesanti.
L'epiteto generico deriva dal termine greco ἀλκέ(alkè rimedio)usato da Dioscoride (medico del I secolo dC considerato il padre della farmacologia) per indicare una varietà di malva, considerata anticamente il rimedio per un gran numero di mali.

La specie ficifolia è meno conosciuto di Alcea rosea. E' originaria della Siberia e dell'Asia occidentale ed è più resistente a malattie come la ruggine(Puccinia malvacearum) che spesso affligge le altre tipologie. Le foglie hanno una forma inusuale, con sette lobi dentati e i fiori sono singoli, grandi e luminosi. 

La pianta è in vaso di 18 cm di diametro

Quantità
Disponibile

  • . .

Consegna prevista indicativamente dal giorno %MINIMAL_DATE% al giorno %MAXIMAL_DATE%.

Scheda tecnica

Nome botanico della specie
Alcea ficifolia L.
Altezza Massima
200 cm
Esposizione
Sole
Colore
Mix
Fogliame
Semi-Sempreverde
Fioritura
Maggio-Ottobre

Riferimenti Specifici

16 altri prodotti della stessa categoria:

Sedum 'José Aubergine'

Varietà con foglie scure, color melanzana e fiori rosa molto intenso. Coltivare in pieno sole e terreno ben drenato, anche povero.

L'epiteto generico Sedum deriva dal latino sédo (calmare), per le proprietà calmanti delle foglie di alcune specie o dal latino sèdere (sedere) per il portamento di molti Sedum, che crescono appoggiati direttamente sui terreni sassosi ( in inglese stone-crop, pianta che si raccoglie sulla pietra).

L'epiteto generico Hylotelephium, sinonimo da preferire per questo genere, è composto dalle parole ΰλη (iùle foresta, bosco) e da telephium (dal greco τηλεφιον telèfion portulaca) col significato di Portulaca dei boschi.

9,00 €

Rudbeckia triloba 'Prairie...

Quello che caratterizza questa varietà sono i petali arancioni con le punte gialle, attorno ad un disco centrale brunito. Portamento leggero e arioso, con steli alti che partono da terra e portano una gran quantità di margherite bicolore. Coltivare in terreno fertile e ben drenato, in pieno sole. La pianta può essere cimata prima della fioritura per favorire l'accestimento e si consiglia di tagliare gli steli sfioriti per stimolare la produzione di nuovi steli floreali. E' una perenne a vita breve, ma si dissemina abbondantemente e quindi ogni anno il numero di piante aumenta!

L'epiteto generico fu dedicato da Linneo ai botanici svedesi Olaus (Olof, Olaf) Johannis Rudbeck sr. (1630-1702) e il figlio Olaus (Olof, Olaf) Olai Rudbeck jr. (1660-1740) che fu professore di botanica a Uppsala e maestro di Linneo.

L'epiteto specifico fa riferimento alla forma delle foglie, trilobate, divisa cioè in tre lobi.

8,00 €

Patrinia scabiosifolia

Erbacea perenne della famiglia delle Caprifoliaceae originaria del Giappone, con alti steli che portano corimbi gialli molto decorativi. Coltivare in terreno fertile, drenato, non arido, in pieno sole.

Le foglie e i fiori sono commestibili e vengono usati cotti. Molte parti della pianta hanno un uso curativo.

L'epiteto generico ricorda il mineralogista e naturalista francese Eugene Louis Melchior Patrin (1742-1815).

L'epiteto specifico fa riferimento alla somiglianza delle foglie con quelle della Scabiosa.

12,00 €

Veronica 'Abundance'

Una nuova introduzione, ottenuta dall'ibridazione di V.spicata x V.longifolia. Una importante qualità che la differenzia dalla maggior parte delle Veronica è il portamento ordinato, verticale, che la differenzia dalle altre Veronica diffuse sul mercato, caratterizzate da portamento morbido e poco strutturato. Ricca fioritura con pannocchie di fiori che attirano gli impollinatori.

Si consiglia di cimare leggermente la pianta dopo la prima fioritura per favorire una seconda produzione di fiori sugli stessi steli. Un taglio troppo radicale toglie alla pianta l'altezza che la caratterizza e favorisce una fioritura troppo bassa.

Coltivare al sole in terreno fertile, non arido, drenato.

L'epiteto generico ha origine controversa. L'ipotesi più affidabile è quella per cui il nome Veronica deriverebbe dal nome della Betonica, chiamata in lingua celtica bentonic (ben, testa e  ton, buono, buona): se ne apprezzavano infatti le capacità curative per mal di testa e riniti. Successivamente questo nome si è alterato, per un errore di lettura dei testi da parte dei botanici, estendendosi alla Veronica, a cui si attribuivano le stesse proprietà. 

10,00 €

Eryngium planum 'Blue Cap'

Bellissima ombrellifera con capolini blu formati da una gran quantità di piccoli fiori, circondati da brattee blu metallizzato. La pianta ha portamento ordinato e i fusti sono ben sostenuti. Tollera bene periodi di siccità e salsedine. Dopo la fioritura la pianta entra in riposo vegetativo e steli e foglie seccano quasi completamente per poi germogliare nuovamente alle fine dell'estate. Coltivare in terreno ben drenato, in pieno sole.

L'epiteto generico deriva dal termine greco ηρύγγιον (erùnghion) il nome con cui viene chiamato il cardo nell' Historia Plantarum di Teofrasto. Dioscoride nel De Materia Medica(III, 21) dice che tra le proprietà dell'Eryngium vi è quella di far 'rendere tutte le ventosità' e attribuisce al nome di questa pianta il significato di 'pianta che fa ruttare' (da ἐρυγεῖν, eriughèin ruttare).

L'epiteto specifico in latino significa piatto, in riferimento alla disposizione delle foglie basali, appiattite sul terreno oppure alla superficie liscia delle foglie, diverse da quelle di altri Eryngium che hanno foglie spinose.

8,00 €

Lobelia x gerardii...

L'epiteto generico fu assegnato da Linneo in onore del botanico fiammingo Mathias de Lobel (o de L'Obel, latinizzato in Matthaeus Lobelius, 1538-1616), medico di corte a Londra e autore di una famosa Historia plantarum.

10,00 €

Echinops ritro 'Veitch's Blue'

La varietà di Echinops con il punto di blu più intenso! Alti steli argentati portano infiorescenze grandi come una pallina da gold, globose, molto durature sulla pianta e persistenti anche una volta recise. Le foglie sono simili a quelle di un cardo, verdi sulla pagina superiore e argentate su quella inferiore. Per uno sviluppo ottimale gli Echinops richiedono sole (almeno 4 ore) e terreno fertile, drenato, ma si adattano facilmente anche a terreni argillosi e, una volta ambientati, tollerano periodi asciutti. Con irrigazioni regolari riescono a fiorire abbondantemente da Giugno a Agosto e un taglio drastico della pianta dopo la fioritura favorisce un'eventuale rifiorenza autunnale.

L'epiteto generico deriva dal greco ἐχῖνος (echînos riccio, porcospino) e da ὄψις (ópsis aspetto, somiglianza) in riferimento all’aspetto dell'infiorescenza spinosa, simile a un riccio.

L'epiteto specifico è stato coniato da Linneo sulla parola greca ῥύτρος (riùtros ritro), nome usato da Teofrasto per indicare Echinops viscosus /syn. Echinops spinosissimus (Historia Plantarum VI,4) diffuso nelle zone occidentali del Mediterraneo.

La cultivar prende il nome dalla famosa famiglia inglese dei Veitch, pionieri nella ricerca e commercializzazione di piante in Europa dal 1800 alla metà degli anni '90. A loro probabilmente si deve l'introduzione sul mercato di questa cultivar nella prima metà del 1900.

10,00 €

Rudbeckia missouriensis

Portamento composto e ordinato e una gran quantità di margherite gialle con il centro marrone. Coltivare in pieno sole in terreno fertile, drenato, non arido. Fioritura lunga, abbondante, molto apprezzata dagli impollinatori.

L'epiteto generico fu dedicato da Linneo ai botanici svedesi Olaus Johannis Rudbeck sr. (1630-1702) e il figlio Olaus Olai Rudbeck jr. (1660-1740) che fu professore di botanica a Uppsala e maestro di Linneo.

L'epiteto specifico fa riferimento all'origine nord americana(Missouri) della specie.

9,00 €

Campanula trachelium 'Bernice'

Una cultivar con steli rossastri che portano fiori doppi, ricchi di petali viola, elegantemente curvati all'indietro. Resistente, vigorosa e affidabile nel tempo, resiste ben al caldo estivo e per un risultato ottimale deve essere coltivata a mezzombra, in terreno drenato, fertile. La specie è diffusa in tutta Italia ed è conosciuta anche con il nome di Campanula foglie di ortica, per la presenza di peluria sui fusti e sulle foglie. Questa cultivar ha steli più corti rispetto alla specie spontanea.

L'epiteto generico è il diminutivo del termine latino campana( campàna, campanella), in riferimento alla forma dei fiori.

L'epiteto specifico deriva dal greco τρἀχηλος (tráchelos gola, collo) dal nome di una pianta che veniva usata per la cura del mal di gola. La pianta in questione è Trachelium, appartenente anche lei alla famiglia delle Campanulaceae e diffusa in diverse zone del Mediterraneo. Un'altra interpretazione indica l'etimologia di trachelium nel termine greco τραχύς (trachiùs rugoso, ruvido) in riferimento alla texture delle foglie di Trachelium.

8,00 €

Penstemon barbatus 'Coccineus'

Alti steli carichi di fiori tubolari rosso scarlatto, su un cespuglio di foglie verde intenso che si allarga velocemente. Coltivare in pieno sole, in terreno fertile, drenato. Molto rustica e vigorosa.

L'epiteto generico Penstemon deriva dal greco πέντε pénte cinque e da στήμων stémon stame: con fiori a cinque stami, di cui uno sterile e quattro fertili.

L'epiteto specifico barbatus, dal latino barba (bàrba, di ovvio significato), fa riferimento alla peluria presente sullo stame sterile del fiore. Coccineus, dal latino coccinus (còccinus, scarlatto) per il colore dei fiori.

Il Missouri Botanical Garden (un'autorità in quanto alla corretta nomenclatura botanica) indica come nome corretto Penstemon barbatus subsp. coccineum, ma Theplantlist.org non riporta questo taxon infraspecifico. Riportiamo quindi questa discrepanza e al momento utilizziamo il nome proposto dalla Royal Horticoltural Society.

9,00 €

Anemone x hybrida 'Honorine...

Perenne rustica, resistente e molto vigorosa con fiori bianchi, semplici, portati da alti steli. Ha radici rizomatose e tende ad allargarsi velocemente formando grandi cespugli. Coltivare a mezzombra in terreno drenato, fertile, irrigato regolarmente. La condizione ideale di coltivazione è con un'esposizione di 3 o 4 ore di sole al giorno perché in posizioni troppo ombreggiate le Anemone tendono a perdere struttura, a piegarsi e a fiorire meno. Si raccomanda di irrigare dal basso, senza bagnare fiori e foglie per evitare malattie fungine.

E' una delle varietà più vecchie e interessanti, scoperta a Verdun in Francia nel 1858. Ha ricevuto il Garden Merit Award della RHS nel 1993 ed è stata scelta come Perennial of the Year nel 2016 dalla Perennial Plant Association.

L'epiteto generico deriva dal greco ἄνεμος (ànemos, vento) da cui il termine greco ἀνεμώνη (accentato anemòne, diversamente dall'accentazione latina anemone). I testi riportano diverse ipotesi per l'origine del nome. Viene battezzato Anemone da Teofrasto, filosofo e botanico greco, in riferimento alle fragili corolle, che si rompono nel vento. Ovidio nelle Metamorfosi (X, vv.734-739) ricorda l'origine legata al mito: Adone, abile cacciatore, viene ferito da un cinghiale durante una battuta di caccia. Venere, che ne era innamorata, lo vede morente e decide di rendere eterno il suo ricordo, trasformando in fiori il sangue dell'amato che cade a terra.

'' ...Nemmeno un'ora era passata: dal sangue spuntò un fiore del suo stesso colore;

un fiore, come quello del melograno, i cui frutti celano

sotto la buccia sottile i suoi semi. Ma è fiore di vita breve:

fissato male al suolo e fragile per troppa leggerezza,

deve il suo nome al vento, e proprio il vento ne disperde i petali.''

Le Anemone vennero introdotte dall' Oriente in Europa dal botanico Robert Fortune nel 1844. Le Anemone x hybrida, chiamate comunemente Anemone giapponesi sono tutte il risultato di ibridazione tra A. japonica e A. vitifolium.

12,00 €

Echinacea hyb. 'Mini Belle'

Questa Echinacea è parte della serie Cone-Fection, lanciata nel 2011 dal vivaio olandese AB Cultivars. La serie Cone-Fection riunisce Echinacea dal fiore a pom pom dai colori molto appariscenti. Echinacea 'Mini Belle' garantisce ottimi risultati: è vigorosa, resistente e longeva, avendo nel suo corredo genetico anche Echinacea tennesseensis. E' in pratica la miniatura di Echinacea hybr. 'Southern Belle', con lo stesso portamento e fiori molto simili, solo più piccoli. Il disco centrale dei fiori inizialmente è piatto e pian piano che i fiori maturano il disco assume l'aspetto di un pon-pom. I fiori sono magenta e i petali esterni hanno un tono più chiaro. Le Echinacea preferiscono posizioni soleggiate, terreno drenato e fertile, non arido. Si consiglia di recidere i fiori man mano che appassiscono per favorire la produzione di nuovi steli floreali.

L'epiteto generico assegnato da Linneo era Rudbeckia in omaggio a Olaus Rudbeck, botanico svedese del XVII sec. Il genere fu poi battezzato da Conrad Moench, nel 1794, con il nome Echinacea, che deriva probabilmente dal greco ἐχῖνος (echînos riccio, porcospino) in riferimento al disco centrale, formato da fiori fertili appuntiti, pungenti.

12,00 €

Scabiosa columbaria subsp....

Una nuvola di fiori di un luminoso giallo tenue. Coltivare in terra drenata in pieno sole. Si dissemina abbondantemente e come tutte le Scabiosa fornisce nutrimento agli impollinatori.

L'epiteto generico deriva dal latino scabies (scàbies scabbia) perché la pianta veniva usata in passato come cura contro la scabbia.

L'epiteto specifico potrebbe derivare da calumbarius (columbàrius, colombaria, sepolcreto, un tipo di sepoltura romana in cui le nicchie, semicircolari, erano sovrapposte a file) e riferirsi alla somiglianza del centro del fiore della Scabiosa a questo motivo geometrico. Un'altra possibile (ma dubbia) etimologia riconduce l'origine del nome alla somiglianza del fiore con una colomba.

Il termine ochroleuca è composto dalle parole greche ὠχρός (ochrós giallastro, ocra) e λευκός (leucós bianco) con riferimento al colore giallo pallido dei fiori.

9,00 €

Phuopsis stylosa

Una coprisuolo veloce e molto decorativa, con foglie sottili e fiori sferici rosa in estate, adatta a terreni ben drenati in pieno sole o mezzombra. Tollera periodi di siccità e fornisce un'ottima copertura con l'aggiunta di una bellissima fioritura. 

L'etimologia del nome è incerta. Probabilmente fa riferimento alla somiglianza di odore con le foglie di Valeriana phu, specie tossica, poco diffusa. Il termine ὄψις òpsis ha infatti il significato di 'simile a'. 

L'epiteto specifico deriva dal greco στῦλος (stiùlos colonna, stilo) per le dimensioni dello stilo, il prolungamento dell'ovario che termina con lo stigma.

8,00 €

Dianthus deltoides 'Brilliant'

Un fitto cuscino di piccole foglie simili a quelle del Timo, coperto in estate da garofanini rosso carminio. Sempreverde, in inverno le foglie assumono sfumature rossastre. Coltivare in vaso o in piena terra, in posizioni soleggiate e terreno ben drenato, preferibilmente acido. Si allarga velocemente ed è perfetto come rapido coprisuolo anche su scarpate e giardini rocciosi, data la buona resistenza alle scarse irrigazioni. Per favorire la rifiorenza autunnale si consiglia di recidere alla base gli steli sfioriti, lasciandone solo alcuni per favorire il naturale processo di autodisseminazione.

La specie è ampiamente diffusa in Europa e Asia occidentale. In Italia è segnalata in tutte le regioni con eccezione di Sardegna, Valle d'Aosta e Puglia.

L'epiteto generico è composto dai termini greci Ζιός (Ziós genitivo di Ζεύς Zeus) e da ἄνϑοϛ (ánthos fiore), fiore di Zeus, nel senso di fiore divino, caro al re degli dei.

L'epiteto specifico in greco significa triangolare ( da nome della lettera delta Δ, la cui maiuscola ha forma triangolare) in riferimento alla forma di alcuni elementi del fiore.

8,00 €

Oenothera speciosa 'Siskiyou'

Fiori bianchi soffusi di rosa, intensamente profumati, si susseguono senza sosta su un cespuglio che si allarga senza esitazione anche su terreni difficili e poveri dall'inizio dell'estate all'autunno. In autunno le foglie si sfumano di rosso. Coltivare in pieno sole e terreno ben drenato.

E' originaria del degli Stati Uniti meridionali e del Messico settentrionale. La specie è diffusa anche in Italia, al centro-nord, come alloctona ormai naturalizzata, sfuggita alla coltivazione nei giardini.

L'epiteto generico Oenothera sembra derivare dal greco οἰνοϑήρας (oinotèras) con riferimento al probabile utilizzo che veniva fatto dai Greci della radice per aromatizzare il vino.

L'epiteto specifico 'speciosa' deriva dal latino speciosus ( a sua volta da species, vista/apparenza) col significato di 'bella, appariscente'

9,00 €