• P. 'Bright Eyes' in primo piano con 'Nicky' e 'Brigadier'

Phlox paniculata 'Bright Eyes'

10,00 €
Iva incl.

Una varietà inglese del 1967 di B.H.B. Symons-Jeune dai fiori rosa chiaro con occhio fuchsia. Altezza media, portamento ordinato e panicoli abbastanza rotondi con fiori grandi.

I fiori di Phlox paniculata sono profumati e commestibili, ottimi su gelato, insalate, macedonie e torte. Ogni varietà ha fiori più o meno dolci, più o meno profumati, ciascuna con un sapore specifico.

Coltivare in posizioni soleggiate (da 3 a 5 ore di sole), in terreno fertile, drenato, non arido. Le Phlox possono incorrere in malattie fogliari come l'oidio se soffrono la mancanza di acqua o crescono in terreni poveri o troppo pesanti che causano sofferenza radicale e indebolimento fogliare. Si consiglia di ripulire dai fiori secchi i panicoli sfioriti o cimare la parte terminale dei rami senza però tagliare eccessivamente, per non perdere l'altezza ottenuta dalla pianta.

L'epiteto generico deriva dal greco φλόξ, (flóx, fiamma). L'epiteto specifico da panícula (pannocchia): con infiorescenze a pannocchia.

La pianta è in vaso di 16 cm di diametro

Quantità
Disponibile

  • . .

Consegna prevista indicativamente dal giorno %MINIMAL_DATE% al giorno %MAXIMAL_DATE%.

CR001A003

Scheda tecnica

Nome botanico della specie
Phlox paniculata L.
Accentazione e pronuncia
Flòx paniculàta
Altezza Massima
80 cm
Esposizione
Mezzombra
Esposizione
Sole
Colore
Rosa
Colore
Bicolore
Fogliame
Spogliante
Fioritura
Giugno-Settembre
Famiglia
Polemoniaceae Juss.

Riferimenti Specifici

16 altri prodotti della stessa categoria:

Rudbeckia occidentalis...

Una Rudbeckia dai fiori insoliti: i petali sono assenti e i sepali sono verdi, attorno ad un cono scuro, brunito. Ottima come reciso e per creare contrasti di struttura in giardino. Coltivare in pieno sole e terreno fertile, ben drenato, non arido.

L'epiteto generico fu dedicato da Linneo ai botanici svedesi Olaus (Olof, Olaf) Johannis Rudbeck sr. (1630-1702) e il figlio Olaus (Olof, Olaf) Olai Rudbeck jr. (1660-1740) che fu professore di botanica a Uppsala e maestro di Linneo.

L'epiteto specifico fa riferimento alla zona di origine, l'America Nord-occidentale.

9,00 €

Leucanthemum vulgare...

Leucanthemum vulgare è una perenne largamente diffusa in tutta Italia. Questa varietà fiorisce abbondantemente e ha steli che si autosostengono, mantenendo quindi un portamento ordinato che la rendono adatta sia alla coltivazione in giardino che alla naturalizzazione.

Coltivare in pieno sole, in terreno fertile e drenato. Si autodissemina abbondantemente.

L'epiteto generico deriva dal greco λευκός (leucós bianco) e da ἄνϑοϛ (ánthos fiore): per i fiori ligulati bianchi della corona.

L'epiteto specifico deriva dal latino vùlgus (volgo) col significato di 'comune' per la grande diffusione.

7,00 €

Eutrochium dubium 'Baby Joe'

Ibrido nato dall' incrocio spontaneo tra due varietà di Eutrochium (syn. Eupatorium) purpureum in un vivaio olandese di Rijpwetering, registrato nel 2008 da Future Plants. E' molto simile a Eutrochium maculatum 'Purple Bush', con fusti rossastri e fiori piumosi color glicine, ma ha dimensioni ridotte e per questo ha riscosso grande successo sul mercato. Sul nome si continua a discutere, perché l'ibrido è stato registrato come Eupatorium purpureum 'Baby Joe' (clicca qui), ma la nomenclatura aggiornata e corretta considera come nome valido Eutrochium dubium 'Baby Joe'. Questo è quanto riporta il Missouri Botanical Garden, che insieme a Kew Gardens è uno dei riferimenti per la ricerca e la definizione della corretta nomenclatura delle piante a livello mondiale.

La posizione ideale in giardino è al sole, in terreno drenato, fertile, mai arido.

L'epiteto generico deriva dai termini greci εὖ (èu, qui nel senso di 'molto') e τροχός (trokhòs ruota, spirale) 'simile a una ruota' in riferimento alle foglie verticillate, attaccate cioè attorno al fusto sullo stesso asse (in pratica in cerchio attorno al fusto).

Le piante appartenenti al genere Eupatorium sono state riassegnate negli ultimi anni e battezzate con specifici epiteti generici (Eutrochium, Conoclinium, Ageratina...).

L'epiteto specifico in latino significa 'dubbio, di incerta attribuzione', in riferimento all'origine casuale di questo ibrido, nato in modo incontrollato dall'incrocio di due piante di Eutrochium, senza che sia stato possibile risalire nel dettaglio alle caratteristiche di ognuna.

Il nome della cultivar (letteralmente 'piccolo Joe') fa riferimento al nome comune di Eupatorium purpureum, 'Joe-Pye weed' cioè 'erba di Joe Pye'. Si racconta infatti di un nativo americano che in New Enlgand curava il tifo con questa pianta, battezzata poi col suo nome per ricordarlo (clicca qui per un articolo che approfondisce l'argomento!)

9,00 €

Euphorbia stricta 'Golden...

Una delle poche annuali che abbiamo scelto di coltivare, data la grande capacità di disseminarsi e l'aspetto leggero e insolito della pianta. Gli steli sono alti e rossastri, o meglio color salmone, rosati e portano una gran quantità di piccole foglie verde acido, una vera e propria 'Golden Foam' (spuma dorata). L'aspetto finale è una massa soffice e leggera giallo lime da Maggio alla fine dell'estate. Dopo la fioritura gli steli si seccano e possono essere recisi, lasciando il tempo alla pianta di disseminarsi. Le nuove piante spuntano già all'inizio dell'autunno e si mantengono durante l'inverno per poi fiorire a primavera. In questo senso può essere considerata una biennale o un'annuale rustica. Richiede terreni ben drenati, anche poveri, ghiaiosi e irrigazioni saltuarie, anche molto ridotte. In terreno fertile e ben drenato si sviluppa in modo ottimale formando cespugli di notevole dimensione.

L'epiteto generico deriva da Εὔφορβος (èuforbos) Eufòrbo, medico greco, che secondo Plinio scoprì le proprietà medicinali di questa pianta. Il nome Eufòrbo deriva dal greco "ἐῧ éu" bene e "φέρβω férbo" nutrire: ben nutrito.

L'epiteto specifico deriva dal latino da stríngere (stringere, serrare) in riferimento agli steli dritti o forse al cespuglio, fitto di piccole foglie e fiori. 

9,00 €

Foeniculum vulgare 'Purpureum'

Questa varietà perenne di Finocchio è un esempio di come una pianta umile possa dare grandi risultati in giardino. Adatta al pieno sole, in terreno ben drenato, cresce molto in altezza, formando un cespuglio di foglie piumose che nascono color bronzo porpora e si schiariscono col passare del tempo. Decorativa dalla primavera all'inverno, attire le farfalle, in particolare Papilio Machaon, che depone sulle piante di Foeniculum le sue uova. I bruchi trovano in questa pianta un prezioso nutrimento per crescere e raggiungere lo stadio di crisalide. Le foglie fresche e i semi si utilizzano in cucina per il loro profumo di anice.

L'epiteto generico deriva dal nome latino del finocchio, come si trova in Plinio. Tale nome ha in sè la radice del termine foenum (fènum, fieno), probabilmente per le foglie sottili come quelle del fieno e per il loro aroma.

L'epiteto specifico vulgaris (vulgàris) in latino significa 'molto comune, diffuso', dal termine vulgus (vùlgus), volgo, plebe.

10,00 €

Verbena hastata 'White Spires'

Una Verbena vigorosa e resistente al gelo, originaria delle praterie umide del Nord America, meno conosciuta della già apprezzata Verbena bonariensis.

Steli alti con spighe allungate di fiori bianchi, dall'inizio dell'estate all'autunno. Si autodissemina facilmente senza però disturbare le piante vicine.

Coltivare in pieno sole e terreno ricco fertile, drenato. Recidere gli steli sfioriti per favorire una produzione continua di fiori fino all'autunno.

L'epiteto generico deriva da un' alterazione del suo nome in celtico, Ferfaen ( <Fer, trasportare e < faen, pietra). Tra i Celti veniva infatti considerata utile per far guarire dai calcoli renali. Anche i Romani la consideravano sacra, come testimonia Plinio il Vecchio nella sua Naturalis Historia (XXV, 9).

L'epiteto specifico deriva da hasta (lancia, giavellotto), per la forma delle foglie.

9,00 €

Lobelia x speciosa 'Russian...

Bellissima varietà nata da ibridazione intervarietale con fogliame che nasce porpora scuro e matura durante l'estate in color bronzo. I fiori sono fuchsia, prodotti in gran quantità dall'estate all'autunno. Preferisce terreni drenati, fertili, ricchi e posizioni in pieno sole che favoriscano la formazione di fusti ben strutturati. Può essere cresciuta con sostegni (ad esempio un cono di rami a formare un obelisco o cono) oppure lasciata libera. In quest'ultimo caso tenderà a piegarsi e a crescere in mezzo alle altre piante spuntando qua e là con gli steli carichi di fiori.

Il taglio degli steli sfioriti a fine estate favorisce la produzione di nuovi steli floreali e il prolungarsi della fioritura fino a gran parte dell'autunno.

L'epiteto generico fu assegnato da Linneo in onore del botanico fiammingo Mathias de Lobel (o de L'Obel, latinizzato in Matthaeus Lobelius, 1538-1616), medico di corte a Londra e autore di una famosa Historia plantarum.

L'epiteto specifico deriva da spècies (in latino forma, aspetto) e significa 'di bell'aspetto, vistosa, appariscente'

10,00 €

Iris chrysographes 'Black...

Una Iris originaria di Cina e Birmania, con fiori viola scuro tendenti al nero, vellutati. In natura cresce in prossimità di corsi d'acqua e in prati umidi. In giardino la posizione ideale è a mezzombra, in terreno drenato, fertile, umido prima e durante la fioritura. Dopo la fioritura si possono ridurre le irrigazioni. Cresce bene anche in pieno sole, purchè riceva irrigazioni regolari e abbondanti, ma i raggi diretti del sole per molte ore riducono la durata e la bellezza dei fiori. Si consiglia quindi una posizione ad est, in cui riceva 4 o 5 ore di sole diretto.

L'epiteto generico deriva dal nome della dea Iris (Iride, nella mitologia greca Ἶρις Iris), messaggera degli dei il cui nome deriva da quello dell’arcobaleno (ἶρις, iris).

L'epiteto specifico è composto dalle parole χρυσός (criusòs, oro) e γράφειν(gràfein, scrivere, tracciare, da cui il latino grăphis, tratto) con riferimento ai tratti dorati che segnano i petali in prossimità della gola.

Vedi le altre Iris della nostra collezione

14,00 €

Hemerocallis 'Think Pink'

Varietà registrata da H. Johnson nel 1972. Semi-sempreverde con fiori rosa bordati in color crema e gola giallo verde. Produce fiori grandi, dal colore vellutato. Le Hemerocallis amano terreni fertili, freschi, ben drenati e posizioni in pieno sole, possibilmente ombreggiate nelle ore più calde dei mesi estivi. Si consiglia di rimuovere gli steli sfioriti per facilitare ulteriori fioriture.  Una buona concimazione ad inizio stagione è alla base di un'abbondante fioritura per le Hemerocallis.

I fiori sono commestibili, ottimi crudi, usati su insalate, gelati o per decorare i piatti.

L'epiteto generico è composto dalle parole greche ἠμέρα (eméra giorno) e κάλλος (cállos bellezza) 'bello di un giorno' in riferimento alla durata di ogni singolo fiore.

10,00 €

Chrysanthemum weyrichii

Una specie nana originaria della penisola della Kamčatka (camciàtca), nell' estremo oriente della Russia. E' facile intuire quindi la rusticità che caratterizza questo Chrysanthemum! Rapido tappezzante, fiorisce verso la fine dell'autunno, con grandi fiori bianchi o rosa. Preferisce posizioni in pieno sole e terreno drenato, fertile.

L'epiteto generico è composto dalle parole greche χρυσόϛ (chriusόs oro) e ἄνθεμον (ánthemon fiore): fiore dorato in riferimento alla specie originale, che ha adesso il nome di Glebionis coronaria. Il nome originario assegnato da Linneo era Chrysanthemum indicum, per differenziarlo da Chrysanthemum coronarium (oggi Glebionis coronaria appunto). Nel 1961 Nickolae Tzvelev studiò la conformazione dei fiori del genere e si rese conto che venivano riunite insieme molte tipologie diverse e decise di assegnarle a generi specifici, come Leucanthemum, Tanacetum e Dendranthema. Quest'ultimo identificava i crisantemi da giardino, commercializzati ad uso ornamentale. Purtroppo solo il mercato tedesco adotto questa nuova nomenclatura per i crisantemi e si creò una gran confusione, con doppie nomenclature che tuttora si trovano online. Per semplificare l'identificazione e lo studio su queste piante, nel 1995 il Congresso Internazionale di Botanica decise di cambiare nome a Chrysanthemum coronarium, di battezzarlo Glebionis e di usare il nome di genere Chrysanthemum al posto di Dendranthema, rendendo ufficiale l'utilizzo diffuso in gran parte del mondo di questo nome.

L'epiteto specifico ricorda Heinrich Weyrich (1828-1863), medico navale russo e collezionista di piante.

8,00 €

Echinacea purpurea 'Virgin'

Una selezione di Piet Oudolf apprezzata per il portamento composto, con steli floreali che si mantengono verticali senza bisogno di sostegni, per i fiori profumati e per il bianco puro dei sepali disposti in un doppio giro attorno al disco centrale verde.

Le Echinacea preferiscono posizioni soleggiate, terreno drenato e fertile, non arido. Si consiglia recidere i fiori man mano che appassiscono per favorire la produzione di nuovi steli floreali.

L'epiteto generico assegnato da Linneo era Rudbeckia in omaggio a Olaus Rudbeck, botanico svedese del XVII sec. Il genere fu poi battezzato da Conrad Moench, nel 1794, con il nome Echinacea, che deriva probabilmente dal greco ἐχῖνος (echînos riccio, porcospino) in riferimento al disco centrale, formato da fiori fertili appuntiti, pungenti.

L'epiteto specifico in latino significa purpureo, color porpora, in riferimento al colore dei fiori della specie. L'origine è da ricercare nel termine greco πορφύρεος (porfiùreos di colore rosso porpora).

9,00 €

Geum coccineum 'Borisii'

Una perenne semplice, umile, dal rapido accrescimento, con foglie che ricordano quelle delle fragole( la famiglia di appartenenza è la stessa, quella delle Rosaceae) e bellissimi fiori arancio mattone che si susseguono dalla primavera all'autunno. Rustica, molto resistente, da coltivare al sole o mezzombra, in terreno fertile e ben drenato. Si può coltivare in piena terra o in vaso.

L'epiteto generico deriva dal greco γεῦμα (gheúma assaggio, gusto, buon sapore). Plinio (XXVI, 7) dice che il geum ha delle radici di odore e sapore gradevoli e che può curare i disturbi della digestione. Questo gusto aromatico nella botanica antica gli aveva fatto attribuire il nome di caryophyllata, cioè 'erba dall'odore di chiodo di garofano'.

L'epiteto specifico deriva dal latino coccineus, 'di colore rossastro'.

La cultivar si trova indicata anche con i nomi di 'Tango', 'Queen of Orange' e 'Cooky'.

8,00 €

Oenothera odorata 'Sulphurea'

Ha steli scuri, alti e boccioli rossastri che si aprono la sera, verso le 19, profumando l'aria tutto attorno. I fiori sbocciano color crema, soffuso di giallo tenue e con la gola giallo oro e maturano la mattina successiva in color albicocca. Molto fiorifera e vigorosa, si autodissemina abbondantemente. Coltivare in pieno sole e terreno ben drenato.

L'epiteto generico Oenothera sembra derivare dal greco οἰνοϑήρας (oinotèras) con riferimento al probabile utilizzo che veniva fatto dai Greci della radice per aromatizzare il vino.

L'epiteto specifico deriva dal latino odorare, esalare profumo, in riferimento al dolce profumo dei fiori. Il sinonimo Oenothera stricta 'Sulphurea' ha come epiteto specifico il termine latino stricta, col significato di 'dritta, eretta'.

Il nome della varietà deriva da sulphur, zolfo, per il colore giallo zolfo dei fiori.

8,00 €

Paeonia 'Henry Bockstoce'

Paeonia erbacea del 1955 (Bockstoce) ottenuta dall'ibridazione di P officinalis x P. lactiflora. Ha fiori molto grandi, profumati, rosso intenso. I petali sono così tanti da non permettere di vedere il centro del fiore se non poco prima che sfiorisca. E' considerata una delle migliori Paeonia a fiore doppio rosso.

Bel portamento e molto vigorosa e resistente.

Coltivare in pieno sole o mezzombra, in terreno fertile, drenato. Sopporta anche i terreni argillosi, purchè drenati.

L'epiteto generico deriva dal nome greco παιωνία (paionía), assegnato da Teofrasto in onore di Peone (Παίων Pàion), medico degli dei greci che fu mutato in fiore da Plutone come ringraziamento per averlo curato da una ferita inflittagli da Ercole. Anche Plinio il Vecchio fornisce la stessa etimologia (XXV, 3). Inoltre è probabile che abbia preso il nome dalla regione omonima in cui cresce, a nord della Macedonia. 

30,00 €

Ratibida pinnata

Originaria del Nord America, in particolare del Missouri. Rispetto a Ratibida columnifera preferisce terreni più ricchi e fertili e tollera meno la siccità. Raggiunge inoltre altezze maggiori e i fiori hanno sepali più lunghi e leggeri, sempre rivolti verso il basso.

L'epiteto generico Ratibida fu assegnato dall' esploratore Constantine Rafinesque-Schmaltz (1783-1840) probabilmente senza una ragione precisa se non per similitudine con il termine rathibida (dal sanscrito rattrī notte e weid vedere, cioè che si vede/si fa notare/brilla di notte) , utilizzato dai Daci per indicare Aster amellus, i cui fiori brillano nel buio. Queste notizie, da prendere con la dovuta cautela, ci arrivano dal De materia medica o Περί ύλης ιάτρικης (Perì iùles iatrikès) di Dioscoride, in cui l'autore riporta molti nomi di piante in lingua Daca.

Ratibida pinnata è perfetta per portare slancio verticale in bordure miste, con graminacee ornamentali o altre fioriture in pieno sole e terreno fertile, drenato, non arido. Tollera il terreno mediamente argilloso.

L'epiteto specifico fa riferimento alla forma pinnata delle foglie, simili a piume , dal latino pinna (piuma).

8,00 €

Pennisetum macrourum

Graminacea rizomatosa molto vigorosa e sorprendentemente bella. Portamento a fontana con alti steli che portano spighe lunghe color crema, molto luminose, per tutta l'estate, fino alla fine dell'autunno. Coltivare in pieno sole, in terreno drenato, fertile, irrigato regolarmente. Con irrigazioni meno frequenti si sviluppa meno in altezza e produce una minore quantità di spighe più corte.

L'epiteto generico deriva dal latino penna (piuma) e da seta (setola): con setole piumose.

L'epiteto specifico 'macrourum' ha origine dal greco μακρόϛ macrós grande, lungo e da οὐρά ourá coda, con riferimento alla dimensione delle spighe.

Vedi le altre graminacee della nostra collezione

12,00 €