Delosperma cooperi

7,00 €
Iva incl.

Perenne succulenta strisciante originaria del Sud Africa con fiori color magenta. Nonostante la provenienza da luoghi caldi cresce benissimo nel nostro clima. Ama il sole, non ha bisogno di particolari cure e tollera lunghi periodi senza acqua. E' una tappezzante adatta a giardini rocciosi, muretti, vasi appesi e si sviluppa al meglio in un terriccio ben drenato. Con irrigazioni regolari si sviluppa abbondantemente, producendo foglie molto carnose e una quantità maggiore di fiori. Con un minore apporto di acqua si mantiene più piccola, con fusti e foglie più duri, legnosi. Resiste senza problemi al freddo e durante l'estate regala una fioritura così abbondante da coprire le foglie con un tappeto di fiori.

L'epiteto generico deriva dal greco δῆλος (dèlos evidente, visibile) e σπέρμα (spérma seme): col seme visibile, per la conformazione delle capsule dei semi che quando si aprono lasciano completamente in vista i semi, dato che sono sprovviste di coperture membranose.

L'epiteto specifico probabilmente è dedicato a Thomas Cooper (1815-1913), esploratore e botanico inglese, scopritore di piante sudafricane.

La pianta è in vaso di 12 cm di diametro

Quantità
Disponibile

  • . .

Consegna prevista indicativamente dal giorno %MINIMAL_DATE% al giorno %MAXIMAL_DATE%.

Scheda tecnica

Nome botanico della specie
Delosperma cooperi (Hook.f.) L.Bolus
Sinonimo
Mesembryanthemum cooperi
Accentazione e pronuncia
Delospèrma cùperi
Altezza Massima
10 cm
Esposizione
Sole
Colore
Rosa
Fogliame
Semi-Sempreverde
Fioritura
Maggio-Settembre

Riferimenti Specifici

16 altri prodotti della stessa categoria:

Echinacea hyb. 'Mini Belle'

Questa Echinacea è parte della serie Cone-Fection, lanciata nel 2011 dal vivaio olandese AB Cultivars. La serie Cone-Fection riunisce Echinacea dal fiore a pom pom dai colori molto appariscenti. Echinacea 'Mini Belle' garantisce ottimi risultati: è vigorosa, resistente e longeva, avendo nel suo corredo genetico anche Echinacea tennesseensis. E' in pratica la miniatura di Echinacea hybr. 'Southern Belle', con lo stesso portamento e fiori molto simili, solo più piccoli. Il disco centrale dei fiori inizialmente è piatto e pian piano che i fiori maturano il disco assume l'aspetto di un pon-pom. I fiori sono magenta e i petali esterni hanno un tono più chiaro. Le Echinacea preferiscono posizioni soleggiate, terreno drenato e fertile, non arido. Si consiglia di recidere i fiori man mano che appassiscono per favorire la produzione di nuovi steli floreali.

L'epiteto generico assegnato da Linneo era Rudbeckia in omaggio a Olaus Rudbeck, botanico svedese del XVII sec. Il genere fu poi battezzato da Conrad Moench, nel 1794, con il nome Echinacea, che deriva probabilmente dal greco ἐχῖνος (echînos riccio, porcospino) in riferimento al disco centrale, formato da fiori fertili appuntiti, pungenti.

12,00 €

Gaura lindheimeri 'Rosy Jane'

Varietà di recente introduzione, rustica, molto resistente, con fiori bianchi bordati di rosa in modo irregolare che si susseguono senza sosta dall'inizio della primavera all'autunno. Preferisce posizioni soleggiate e terreni fertili, ben drenati. 

L'epiteto generico deriva dal greco γαῦρος (gàuros altero, orgoglioso, maestoso).
Secondo la classificazione cladistica ( in base alla quale si riuniscono in gruppi, o cladi, ciascun gruppo costituito da organismi aventi un antenato comune) nel 2007 il genere Gaura viene considerato un sottogruppo del genere Oenothera e quindi il nome corretto è da considerarsi Oenothera lindheimeri e Gaura lindheimeri un sinonimo. Data la diffusione del nome Gaura, noi de I Giardini dell'Indaco continuiamo ad utilizzarlo per identificare questo genere, ma ci teniamo a riportare la nomenclatura più recente e corretta.

 L'epiteto specifico ricorda il botanico tedesco Ferdinand Jacob Lindheimer (1801-1879), un esule politico tedesco che raccolse campioni botanici in America.

8,00 €

Fritillaria persica

Perenne bulbosa affascinante e insolita, con steli carnosi che portano fino a 20 campanelle scurissime, praticamente nere. Il contrasto che si crea col fogliame glauco è sorprendente! La posizione ideale è in pieno sole, in terreno molto ben drenato. Si consiglia di aggiungere ghiaia o pomice all'impianto e di ridurre drasticamente le irrigazioni dopo la fioritura. In caso di nuovo impianto si consiglia di interrare i bulbi disponendoli su un fianco, perché data la loro conformazione tendono a raccogliere l'acqua nella parte superiore, spesso aperta e questo può causare marciumi. 

Resistente ad arvicole e cervi.

L'epiteto generico deriva dal termine latino fritillus (fritìllus, scatola per i dadi) in riferimento alla caratteristica reticolatura a scacchi di Fritillaria meleagris.

L'epiteto specifico indica la zona di provenienza, la Persia, o meglio l'attuale Iran e più genericamente il Medio Oriente.

Ogni vaso contiene due bulbi già radicati e pronti a fiorire.

9,00 €

Phlox paniculata 'Cool Water'

Una varietà del 2013 di Verschoor con ottimo portamento e una gran quantità di fiori di piccole dimensioni che nascono bianchi e maturano screziati di rosa. I panicoli sono conici e molto pieni.

I fiori di Phlox paniculata sono profumati e commestibili, ottimi su gelato, insalate, macedonie e torte. Ogni varietà ha fiori più o meno dolci, più o meno profumati, ciascuna con un sapore specifico.

Coltivare in posizioni soleggiate (da 3 a 5 ore di sole), in terreno fertile, drenato, non arido. Le Phlox possono incorrere in malattie fogliari come l'oidio se soffrono la mancanza di acqua o crescono in terreni poveri o troppo pesanti che causano sofferenza radicale e indebolimento fogliare. Si consiglia di ripulire dai fiori secchi i panicoli sfioriti o cimare la parte terminale dei rami senza però tagliare eccessivamente, per non perdere l'altezza ottenuta dalla pianta.

L'epiteto generico deriva dal greco φλόξ, (flóx, fiamma). L'epiteto specifico da panícula (pannocchia): con infiorescenze a pannocchia.

10,00 €

Verbena hastata 'White Spires'

Una Verbena vigorosa e resistente al gelo, originaria delle praterie umide del Nord America, meno conosciuta della già apprezzata Verbena bonariensis.

Steli alti con spighe allungate di fiori bianchi, dall'inizio dell'estate all'autunno. Si autodissemina facilmente senza però disturbare le piante vicine.

Coltivare in pieno sole e terreno ricco fertile, drenato. Recidere gli steli sfioriti per favorire una produzione continua di fiori fino all'autunno.

L'epiteto generico deriva da un' alterazione del suo nome in celtico, Ferfaen ( <Fer, trasportare e < faen, pietra). Tra i Celti veniva infatti considerata utile per far guarire dai calcoli renali. Anche i Romani la consideravano sacra, come testimonia Plinio il Vecchio nella sua Naturalis Historia (XXV, 9).

L'epiteto specifico deriva da hasta (lancia, giavellotto), per la forma delle foglie.

9,00 €

Echinacea tennesseensis...

Varietà con abbondante fioritura rosa nei mesi estivi, da Giugno a Settembre. I fiori si comportano come quelli del girasole, seguendo tutti insieme il movimento del sole durante il giorno. I petali( o meglio i fiori ligulati sterili) sono leggermente curvati verso l'alto, a formare una coppa aperta. Il disco centrale, composto dai fiori fertili, ha toni bruniti e quando raggiunge la maturazione è molto decorativo, persistendo a lungo sulla pianta. Le Echinacea preferiscono posizioni soleggiate, terreno drenato e fertile, non arido. Si consiglia di non recidere gli ultimi fiori per favorire l' autodisseminazione.

L'epiteto generico assegnato da Linneo era Rudbeckia in omaggio a Olaus Rudbeck, botanico svedese del XVII sec. Il genere fu poi battezzato da Conrad Moench, nel 1794, con il nome Echinacea, che deriva probabilmente dal greco ἐχῖνος (echînos riccio, porcospino) in riferimento al disco centrale, formato da fiori fertili appuntiti, pungenti.

L'epiteto specifico indica la provenienza geografica, col significato di ' del Tennessee'. Le Echinacea sono infatti in gran parte originarie del Nord America.

12,00 €

Ceratostigma plumbaginoides

Perenne decidua con steli legnosi e foglie che con l'autunno diventano rosse. Si allarga tramite rizomi, formando un denso e compatto cuscino di foglie su cui tra luglio ed ottobre compaiono i fiori azzurro intenso (uno dei pochi fiori praticamente blu) con sepali rossastri. Preferisce posizioni in pieno sole o mezzombra ed è adatta anche per la coltivazione in vaso. Nel caso di posizioni meno soleggiate la fioritura è meno abbondante e le foglie meno rosse, ma forma comunque dei bellissimi cespugli.

L'epiteto generico è composto dalle parole greche κέρας, -ατοϛ (chéras, chèratos corno) e da στίγμα (stigma. in botanica la parte apicale del pistillo) in riferimento alle escrescenze cornee sullo stigma

L'epiteto specifico ricorda la somiglianza dei fiori di questa perenne con quelli della Plumbago. Il termine εἶδος (èidos), che costuisce la radice della seconda parte della parola plumbaginoides, vuol dire infatti simile, appunto a una Plumbago.

Ha vinto l' Award of Garden Merit della Royal Horticoltural Society nel 1993.

7,00 €

Molinia caerulea 'Heidebraut'

Una delle graminacee più belle, con lunghi steli che in autunno assumono toni giallo-arancio e che persistono per tutto l'inverno. Foglie sottili e portamento fine ed elegante, perfetta anche come prima linea, in quanto gli steli sottili lasciano vedere attraverso, creano bellissimi effetti di schermatura. Coltivare al sole o mezzombra in terreno fertile, umido. Si adatta bene anche in terreno argilloso, purchè non arido.

L'epiteto generico ricorda il botanico cileno Juan Ignacio Molina. L'epiteto specifico (indistintamente caerulea o coerulea) deriva dal latino caeruleus, azzurro, con riferimento al colore dei fiori, violacei. Arundinacea invece fa riferimento all'aspetto 'simile a una canna' (arundo, arùndinis - canna). Il nome della varietà significa 'sposa della brughiera' dal tedesco heide, brughiera e braudt, sposa.

12,00 €

Senecio polyodon

Erbacea perenne della famiglia delle Asteraceae originaria del Sud Africa, rustica e vigorosa. Forma rosette di foglie basali da cui partono steli alti, carichi di fiori rosa scuro. Richiede terreno ben drenato e fertile, non arido, se possibile leggermente acido come per tutte le piante sudafricane.

L'epiteto generico deriva dal latino sénex (vecchio), per i capolini maturi, con semi piumosi, sferici e candidi come la testa di un vecchio.

L'epiteto specifico è formato dai termini πολύς(poliùs molto) οδών (odòn dente), 'dai molti denti', per le foglie, fittamente dentate.

8,00 €

Anemone x hybrida 'Party...

Varietà di Anemone ottenuta da Fredrika Bronsther nel 1997 a Hewlett (New York) con fiori doppi, formati da sepali rosa chiaro arricciati. Coltivare a mezzombra in terreno drenato, fertile, irrigato regolarmente. La condizione ideale di coltivazione è con un'esposizione di almeno 3 o 4 ore di sole al giorno perché in posizioni troppo ombreggiate le Anemone tendono a perdere struttura, a piegarsi e a fiorire meno. Si raccomanda di irrigare dal basso, senza bagnare fiori e foglie per evitare malattie fungine.

L'epiteto generico deriva dal greco ἄνεμος (ànemos, vento) da cui il termine greco ἀνεμώνη (accentato anemòne, diversamente dall'accentazione latina anemone). I testi riportano diverse ipotesi per l'origine del nome. Viene battezzato Anemone da Teofrasto, filosofo e botanico greco, in riferimento alle fragili corolle, che si rompono nel vento. Ovidio nelle Metamorfosi (X, vv.734-739) ricorda l'origine legata al mito: Adone, abile cacciatore, viene ferito da un cinghiale durante una battuta di caccia. Venere, che ne era innamorata, lo vede morente e decide di rendere eterno il suo ricordo, trasformando in fiori il sangue dell'amato che cade a terra.

'' ...Nemmeno un'ora era passata: dal sangue spuntò un fiore del suo stesso colore;

un fiore, come quello del melograno, i cui frutti celano

sotto la buccia sottile i suoi semi. Ma è fiore di vita breve:

fissato male al suolo e fragile per troppa leggerezza,

deve il suo nome al vento, e proprio il vento ne disperde i petali.''

Le Anemone vennero introdotte dall' Oriente in Europa dal botanico Robert Fortune nel 1844. Le Anemone x hybrida, chiamate comunemente Anemone giapponesi sono tutte il risultato di ibridazione tra A. japonica e A. vitifolium.

12,00 €

Phlox paniculata 'Blue...

Una delle Phlox col punto di viola-blu più intenso, introdotta da P.Oudolf nel 1993. Fiori grandi, fortemente profumati, che da viola verso sera si sfumano di azzurro.

I fiori di Phlox paniculata sono profumati e commestibili, ottimi su gelato, insalate, macedonie e torte. Ogni varietà ha fiori più o meno dolci, più o meno profumati, ciascuna con un sapore specifico.

Coltivare in posizioni soleggiate (da 3 a 5 ore di sole), in terreno fertile, drenato, non arido. Le Phlox possono incorrere in malattie fogliari come l'oidio se soffrono la mancanza di acqua o crescono in terreni poveri o troppo pesanti che causano sofferenza radicale e indebolimento fogliare. Si consiglia di ripulire dai fiori secchi i panicoli sfioriti o cimare la parte terminale dei rami senza però tagliare eccessivamente, per non perdere l'altezza ottenuta dalla pianta.

L'epiteto generico deriva dal greco φλόξ, (flóx, fiamma). L'epiteto specifico da panícula (pannocchia): con infiorescenze a pannocchia.

10,00 €

Symphyotrichum ericoides...

Una nuvola di fiori rosa, in fiore da Settembre a fine Ottobre.
Coltivare in terreno fertile e irrigato regolarmente per ottenere una fioritura all'altezza delle aspettative. Puo' sopportare periodi di siccità.
Si consiglia di cimare la pianta a fine Maggio per favorire l'accestimento e la produzione di un numero maggiore di fiori.
L'epiteto generico deriva dal greco σύμφῠσις (siùmfiusis, unione) e da ϑρίξ, τριχóϛ (thríx, trichόs capello, pelo), probabilmente riferito a una cultivar europea con peli uniti alla base, osservata da Christian Gottfried Daniel Nees von Esenbeck, botanico tedesco della prima metà dell' 800.
L'epiteto specifico da Erica e dal termine greco εἷδος (eidos, aspetto): simile all'Erica(per la forma delle foglie).

9,00 €

Astilbe chinensis...

Alta ed elegante, con vistose infiorescenze profumate, color ciclamino, piumose, portate da alti steli rossastri. La posizione migliore è a mezzombra, raggiunta da almeno 3 o 4 ore di sole al giorno, in terreno fertile, fresco, irrigato regolarmente. Si può coltivare anche in posizioni più soleggiate, purchè il terreno non sia mai asciutto.

L'epiteto generico è composto dal prefisso privativo greco α- (alfa, col significato di 'senza') e da στίλβη (stilbe lucentezza), probabilmente in riferimento alle dimensioni dei fiori, molto piccoli.

L'epiteto specifico in latino significa 'della Cina' ad indicare la provenienza dai paesi asiatici.

L'epiteto varietale ricorda il missionario francese Émile Joseph Taquet (1873-1952), che raccolse molte piante in Corea e Cina.

10,00 €

Geum coccineum 'Borisii'

Una perenne semplice, umile, dal rapido accrescimento, con foglie che ricordano quelle delle fragole( la famiglia di appartenenza è la stessa, quella delle Rosaceae) e bellissimi fiori arancio mattone che si susseguono dalla primavera all'autunno. Rustica, molto resistente, da coltivare al sole o mezzombra, in terreno fertile e ben drenato. Si può coltivare in piena terra o in vaso.

L'epiteto generico deriva dal greco γεῦμα (gheúma assaggio, gusto, buon sapore). Plinio (XXVI, 7) dice che il geum ha delle radici di odore e sapore gradevoli e che può curare i disturbi della digestione. Questo gusto aromatico nella botanica antica gli aveva fatto attribuire il nome di caryophyllata, cioè 'erba dall'odore di chiodo di garofano'.

L'epiteto specifico deriva dal latino coccineus, 'di colore rossastro'.

La cultivar si trova indicata anche con i nomi di 'Tango', 'Queen of Orange' e 'Cooky'.

8,00 €

Dracocephalum peregrinum...

Una piccola pianta che dà grandi soddisfazioni! La fioritura continua con fiori tubolari blu-viola da Giugno a Settembre e le piccole foglie aromatiche (ovate e dai bordi segmentati) ne fanno la pianta ideale sia per la coltivazione in vaso che come prima linea in giardino, a mezzombra, in terreno ben drenato, non arido.

Questa varietà è una selezione di Jelitto del 2004 ed è stata trovata si Monti Altaj in Russia.

Da non confondere con Dracocephalum ruyschiana, che ha foglie lineari, aghiformi, simili a quelle del rosmarino e si trova erroneamente proposta online da alcuni come Dracocephalum ruyschiana 'Blue Dragon' per la somiglianza col nome comune dei Dracocephalum, 'testa di drago', per la forma del fiore.

L'epiteto generico infatti deriva dal greco δράκων (drácon drago) e da κεφαλή (chefalé testa).

L'epiteto specifico in latino ha il significato di errabondo, vagante e in questo caso si deve intendere come 'forestiero, esotico' ad indicare la provenienza da paesi lontani (Russia) e differenziare la specie da quelle autoctone europee( es. Dracocephalum austriacum o Dracocephalum ruyschiana).

7,00 €