Echinacea paradoxa

10,00 €
Iva incl.

L'unica Echinacea spontanea a fiori gialli! Originaria di Missouri e Harkansas, tollera abbastanza bene periodi di siccità, anche se le condizioni migliori per lo sviluppo sono in pieno sole e terreno ben drenato, fertile. Ha alti steli rigidi che portano fiori con petali ricurvi verso il basso, gialli, macchiati di arancio in prossimità del disco centrale, marcatamente prominente e brunito. Produce una gran quantità di semi ed è quindi utilissima per nutrire la piccola fauna. Il profumo di miele che emanano i fiori è un chiaro segnale delle sue potenzialità come pianta mellifera.

L'epiteto generico assegnato da Linneo era Rudbeckia in omaggio a Olaus Rudbeck, botanico svedese del XVII sec. Il genere fu poi battezzato da Conrad Moench, nel 1794, con il nome Echinacea, che deriva probabilmente dal greco ἐχῖνος (echînos riccio, porcospino) in riferimento al disco centrale, formato da fiori fertili appuntiti, pungenti.

L'epiteto specifico deriva dal greco παράδοξος (parádoxos, paradosso) termine composto da παρά (pará contro) e da δόξα (dóxa opinione, aspettativa) col significato di 'contro le aspettative'. E' infatti l'unica Echinacea spontanea a fiorire in giallo, diversamente dalle altre, che fioriscono solitamente in toni del rosa.

La pianta è in vaso di 18 cm di diametro

Quantità
Disponibile

  • . .

Consegna prevista indicativamente dal giorno %MINIMAL_DATE% al giorno %MAXIMAL_DATE%.

Scheda tecnica

Nome botanico della specie
Echinacea paradoxa (Norton) Britton
Accentazione e pronuncia
Echinàcea paradòxa
Altezza Massima
100 cm
Esposizione
Sole
Colore
Giallo
Fogliame
Spogliante
Colore fogliame
Verde
Fioritura
Giugno-Agosto

Riferimenti Specifici

16 altri prodotti della stessa categoria:

Hemerocallis 'Big Time Happy'

Hemerocallis registrata nel 1993 da Darrel Apps e Danny Blew con bellissimi fiori giallo limone che si schiudono dall'inizio alla fine dell'estate. Ama terreni fertili, ben drenati e posizioni in pieno sole. Si consiglia di rimuovere gli steli sfioriti per facilitare ulteriori fioriture. Una buona concimazione ad inizio stagione è alla base di un'abbondante fioritura per le Hemerocallis.

I fiori sono commestibili, ottimi crudi, usati su insalate, gelati o per decorare i piatti.

L'epiteto generico è composto dalle parole greche ἠμέρα (eméra giorno) e κάλλος (cállos bellezza) 'bello di un giorno' in riferimento alla durata di ogni singolo fiore.

10,00 €

Pilosella aurantiaca

Erbacea perenne della famiglia delle Asteraceae con stoloni sotterranei e steli che portano alla sommità gruppi di piccole margherite arancioni. Coltivare in pieno sole, in terreno drenato, anche ghiaioso o in prossimità di pietre. Si sviluppa rapidamente formando un tappeto di foglie dalla caratteristica texture 'pelosa'. Molto utile come prima linea o come tappezzante da naturalizzare, dato l'alta germinabilità dei semi.

L'epiteto generico è un diminutivo di pilosa (pelosa): pelosetta, per le foglie basali con una caratteristica peluria.

L'epiteto specifico dal latino moderno malum aurantium (màlum aurànzium, arancia) per il color giallo-arancione del frutto e di conseguenza attribuito come epiteto ad alcuni fiori di questo colore. Il termine Hieracium deriva dal greco ἱέραξ (iérax  sparviero); gli antichi greci infatti credevano che gli sparvieri se ne cibassero per rafforzare la vista.

6,00 €

Liatris spicata 'Kobold'

Erbacea perenne con rizomi tuberosi,originaria degli Stati Uniti, Liatris spicata si trova in terreni ricchi, fertili, non aridi è caratterizzata da una fioritura che si evolve in modo insolito, con i fiori che si aprono a partire dalla sommità, via via verso la parte bassa della spiga. Coltivare in pieno sole o mezzombra, in terreno ricco, ma drenato per evitare ristagni nel periodo invernale.

Liatris spicata 'Kobold' è caratterizzata da portamento compatto.

L'etimologia dell'epiteto generico Liatris è sconosciuta. La letteratura ci dice solo che i generi Liatris, Trilisa e Vernonia erano stati erroneamente riuniti sotto al nome di Suprago da Joseph Gaertner nel 1700 e che sono stati separati in seguito nei generi che conosciamo oggi, ma non si trova traccia sul significato del termine.

L'epiteto specifico 'spicata' deriva dal termine latino spica(spiga), con infiorescenze a spiga.

9,00 €

Alstroemeria 'Sweet Laura'

Varietà rustica di Alstroemeria a stelo alto con fiori gialli macchiati di rosso cupo, ruggine. Le Alstroemeria preferiscono posizioni soleggiate o a mezzombra, purchè ricevano almeno 3 o 4 ore di sole diretto al giorno in terreno ricco di sostanza organica, ben drenato. Le irrigazioni devono essere regolari, perchè le radici tuberose delle Alstroemeria sono abbastanza superficiali e periodi prolungati di siccità compromettono la fioritura.

L'epiteto generico venne assegnato da Linneo in onore del botanico svedese Claes Alströmer, che, durante un viaggio in Sudamerica, raccolse dei rizomi per riportarli in Europa.

Le varietà selezionate dal nostro vivaio sono ibridi con una maggiore resistenza al freddo e quindi adatte alla coltivazione in piena terra, dove si espandono velocemente, formando grandi macchie fiorite per tutta l'estate. Diversamente dalla maggior parte delle Alstroemeria che si trovano sul mercato abbiamo selezionato varietà a stelo alto; le varietà a stelo corto sono infatti il risultato di ibridazioni volte a creare piante adatte alla grande distribuzione e trattate come annuali, senza appunto una specifica attenzione a creare varietà resistenti al gelo.

10,00 €

Verbascum phoeniceum 'Rosetta'

Verbascum perenne a fioritura primaverile. Steli alti che si autosostengono senza bisogno di supporti.

Se gli steli vengono recisi dopo la fioritura le piante producono nuova vegetazione e una fioritura secondaria di altezza più bassa.

Si consiglia di coltivare in pieno sole e terreno drenato.

L'epiteto generico deriva dal latino verbascum, che significa verbasco. L'origine della parola verbascum si trova nel termine latino barbáscum(tasso barbasso, pianta citata da Plinio, probabilmente derivato da barba, per le foglie pelose), o nella parola latina vérber (verga). Volgarmente in francese è detto mollène, per la mollezza delle sue foglie, e allo stesso modo in inglese è tradotto mullein.

L'epiteto specifico ha origine dal termine greco φοινίκιος (foiníchios, porpora) che deriva dai Phoenices, i Fenici, popolazione che commerciava la porpora oppure dal termine φοινος (phoinos rosseggiante), col significato di  color rosso porpora/della Fenicia.

7,00 €

Pycnanthemum tenuifolium

Conosciuto anche come Menta di montagna, ha foglie aromatiche e fiori bianchi. Si adatta a diverse condizioni dal sole alla mezzombra, in terreni più o meno irrigati, rivelando grande resistenza e vigore.

Si consiglia di tagliare ogni primavera per favorire il ringiovanimento della pianta ed evitare un'eccessiva lignificazione.

L'epiteto generico deriva dal greco πυκνός (piuknòs, aggettivo che significa denso) e άνθος (ànthos, fiore), in riferimento alla densa fioritura.

L'epiteto specifico è composto dai termini latini tenuis (tènuis esile, sottile) e folium (fòlium foglia) per la forma delle foglie.

7,00 €

Delosperma 'Fire Wonder'

Perenne succulenta strisciante adatta per posizioni molto soleggiate e ben drenate in vaso o piena terra. I fiori sono rossi, con il centro giallo e quando si chiudono rivelano la pagina inferiore con riflessi fucsia. Molto rustica, fiorisce a lungo con effetti cromatici d'impatto.

I colori accesi di questa cultivar sono tipici di un gruppo di ibridi di Delosperma appartenenti alla serie Wheels of Wonder, sviluppata recentemente da Koichiro Nishikawa, ibridatore giapponese del gruppo Florsaika.

L'epiteto generico deriva dal greco δῆλος (dèlos evidente, visibile) e σπέρμα (spérma seme): col seme visibile, per la conformazione delle capsule dei semi che quando si aprono lasciano completamente in vista i semi, dato che sono sprovviste di coperture membranose.

7,00 €

Veronica 'Abundance'

Una nuova introduzione, ottenuta dall'ibridazione di V.spicata x V.longifolia. Una importante qualità che la differenzia dalla maggior parte delle Veronica è il portamento ordinato, verticale, che la differenzia dalle altre Veronica diffuse sul mercato, caratterizzate da portamento morbido e poco strutturato. Ricca fioritura con pannocchie di fiori che attirano gli impollinatori.

Si consiglia di cimare leggermente la pianta dopo la prima fioritura per favorire una seconda produzione di fiori sugli stessi steli. Un taglio troppo radicale toglie alla pianta l'altezza che la caratterizza e favorisce una fioritura troppo bassa.

Coltivare al sole in terreno fertile, non arido, drenato.

L'epiteto generico ha origine controversa. L'ipotesi più affidabile è quella per cui il nome Veronica deriverebbe dal nome della Betonica, chiamata in lingua celtica bentonic (ben, testa e  ton, buono, buona): se ne apprezzavano infatti le capacità curative per mal di testa e riniti. Successivamente questo nome si è alterato, per un errore di lettura dei testi da parte dei botanici, estendendosi alla Veronica, a cui si attribuivano le stesse proprietà. 

10,00 €

Stokesia laevis 'Blue Star'

Erbacea perenne della famiglia delle Asteraceae, con grandi fiori viola/blu, molto adatti anche per il reciso.

Coltivare in pieno sole, in terreno drenato, ricco, fertile. Recidere gli steli sfioriti favorisce la rifiorenza.

L'epiteto generico ricorda il botanico inglese Jonathan S. Stokes (1877-1968).

L'epiteto specifico in latino ha il significato di liscio, leggero, senza peli, lucido, in riferimento alle foglie.

8,00 €

Lobelia fulgens 'Queen...

Bellissima varietà con fogliame porpora scuro e fiori rossi, prodotti in gran quantità dall'estate all'autunno. Preferisce terreni drenati, fertili, ricchi e posizioni in pieno sole che favoriscano la formazione di fusti ben strutturati. Può essere cresciuta con sostegni (ad esempio un cono di rami a formare un obelisco o cono) oppure lasciata libera. In quest'ultimo caso tenderà a piegarsi e a crescere in mezzo alle altre piante spuntando qua e là con gli steli carichi di fiori.

Il taglio degli steli sfioriti a fine estate favorisce la produzione di nuovi steli floreali e il prolungarsi della fioritura fino a gran parte dell'autunno.

L'epiteto generico fu assegnato da Linneo in onore del botanico fiammingo Mathias de Lobel (o de L'Obel, latinizzato in Matthaeus Lobelius, 1538-1616), medico di corte a Londra e autore di una famosa Historia plantarum.

L'epiteto specifico deriva dal verbo latino fùlgere, splendere, con riferimento al colore acceso dei fiori.

10,00 €

Hemerocallis 'Primal Scream'

Ibrido registrato nel 1994 da Curt Hanson. Varietà vincitrice del Royal Horticultural Society's Award of Garden Merit nel 2012 per i suoi fiori grandi, con petali ricurvi alle estremità e arriccitati sui margini e dal colore sorprendente, un arancio molto acceso venato di giallo. Preferisce terreni fertili, freschi, ben drenati e posizioni in pieno sole, anche se la posizione ideale è ombreggiata nelle ore più calde dei mesi estivi, come per tutte le Hemerocallis. Una buona concimazione ad inizio stagione è alla base di un'abbondante fioritura per le Hemerocallis.

I fiori sono commestibili, ottimi crudi, usati su insalate, gelati o per decorare i piatti.

L'epiteto generico è composto dalle parole greche ἠμέρα (eméra giorno) e κάλλος (cállos bellezza) 'bello di un giorno' in riferimento alla durata di ogni singolo fiore.

10,00 €

Crocosmia 'Mistral'

Bulbosa perenne con foglie a lancia, segnate da evidenti venature a rilievo e fusti rigidi che portano appariscenti fiori con petali arancio carico e gola gialla. Preferisce terreni ricchi e ben drenati in posizioni soleggiate, ma si adatta anche a posizioni a mezzombra. Si consiglia di dividere le piante ogni 3 o 4 anni per evitare sovraffollamento e una riduzione dei fiori. Come per tutte le bulbose, si consiglia di concimare dopo la fioritura per favorire l'accestimento e la fioritura dell'anno successivo.

Crocosmia 'Mistral' è probabilmente nata dall'ibridazione di Crocosmia masoniorum x Crocosmia paniculata. 

L'epiteto generico è composto dalle parole Crocus (croco, zafferano) e ὀσμή (osmé odore): che odora di zafferano, in riferimento alle foglie essiccate che, immerse in acqua calda, emanano un forte odore simile a quello dello zafferano.

9,00 €

Miscanthus sinensis...

Il fogliame verde venato di bianco per tutta la lunghezza crea un effetto finale argentato che ha fatto guadagnare a questa varietà il nome 'Morning Light', luce del mattino. Le spighe sono prima porpora e poi via via che si aprono assumono toni argentati. Richiede posizioni in pieno sole per fiorire adeguatamente e svilupparsi al meglio. Si adatta a diversi tipi di terreno purchè fertile, non arido, drenato.

L'epiteto generico Miscanthus nasce dall'unione delle parole greche μίσχος (míschos stelo) e ἄνϑοϛ (ánthos fiore), cioè 'con fiori portati da peduncolo/steli'  . L'epiteto specifico sinensis invece deriva dal termine latino Sina, Cina, con riferimento alle zone di origine di questa graminacea.

12,00 €

Leucanthemum x superbum...

Ibrido intergenerico(ottenuto dall'incrocio di diverse specie di Leucanthemum) con grandi fiori formati da un centro a pompom bianco, soffuso di giallo al centro. Perenne, resistente e molto vigorosa, può essere coltivata in pieno sole o a mezzombra. Richiede terreno fertile e drenato.

Si consiglia di rimuovere gli steli sfioriti per favorire la produzione di nuove foglie alla fine dell'estate.

L'epiteto generico deriva dal greco λευκός (leucós bianco) e da ἄνϑοϛ (ánthos fiore): per i fiori ligulati bianchi della corona.

L'epiteto specifico deriva dal greco ὑπέρ (iupér più, sopra) e da βία (bía forza o βίος bíos vita): ipervitale.

9,00 €