Echinacea paradoxa

10,00 €
Iva incl.

L'unica Echinacea spontanea a fiori gialli! Originaria di Missouri e Harkansas, tollera abbastanza bene periodi di siccità, anche se le condizioni migliori per lo sviluppo sono in pieno sole e terreno ben drenato, fertile. Ha alti steli rigidi che portano fiori con petali ricurvi verso il basso, gialli, macchiati di arancio in prossimità del disco centrale, marcatamente prominente e brunito. Produce una gran quantità di semi ed è quindi utilissima per nutrire la piccola fauna. Il profumo di miele che emanano i fiori è un chiaro segnale delle sue potenzialità come pianta mellifera.

L'epiteto generico assegnato da Linneo era Rudbeckia in omaggio a Olaus Rudbeck, botanico svedese del XVII sec. Il genere fu poi battezzato da Conrad Moench, nel 1794, con il nome Echinacea, che deriva probabilmente dal greco ἐχῖνος (echînos riccio, porcospino) in riferimento al disco centrale, formato da fiori fertili appuntiti, pungenti.

L'epiteto specifico deriva dal greco παράδοξος (parádoxos, paradosso) termine composto da παρά (pará contro) e da δόξα (dóxa opinione, aspettativa) col significato di 'contro le aspettative'. E' infatti l'unica Echinacea spontanea a fiorire in giallo, diversamente dalle altre, che fioriscono solitamente in toni del rosa.

La pianta è in vaso di 18 cm di diametro

Quantità
Disponibile

  • . .

Consegna prevista indicativamente dal giorno %MINIMAL_DATE% al giorno %MAXIMAL_DATE%.

Scheda tecnica

Nome botanico della specie
Echinacea paradoxa (Norton) Britton
Accentazione e pronuncia
Echinàcea paradòxa
Altezza Massima
100 cm
Esposizione
Sole
Colore
Giallo
Fogliame
Spogliante
Colore fogliame
Verde
Fioritura
Giugno-Agosto

Riferimenti Specifici

16 altri prodotti della stessa categoria:

Anemone x hybrida 'Honorine...

Perenne rustica, resistente e molto vigorosa con fiori bianchi, semplici, portati da alti steli. Ha radici rizomatose e tende ad allargarsi velocemente formando grandi cespugli. Coltivare a mezzombra in terreno drenato, fertile, irrigato regolarmente. La condizione ideale di coltivazione è con un'esposizione di 3 o 4 ore di sole al giorno perché in posizioni troppo ombreggiate le Anemone tendono a perdere struttura, a piegarsi e a fiorire meno. Si raccomanda di irrigare dal basso, senza bagnare fiori e foglie per evitare malattie fungine.

E' una delle varietà più vecchie e interessanti, scoperta a Verdun in Francia nel 1858. Ha ricevuto il Garden Merit Award della RHS nel 1993 ed è stata scelta come Perennial of the Year nel 2016 dalla Perennial Plant Association.

L'epiteto generico deriva dal greco ἄνεμος (ànemos, vento) da cui il termine greco ἀνεμώνη (accentato anemòne, diversamente dall'accentazione latina anemone). I testi riportano diverse ipotesi per l'origine del nome. Viene battezzato Anemone da Teofrasto, filosofo e botanico greco, in riferimento alle fragili corolle, che si rompono nel vento. Ovidio nelle Metamorfosi (X, vv.734-739) ricorda l'origine legata al mito: Adone, abile cacciatore, viene ferito da un cinghiale durante una battuta di caccia. Venere, che ne era innamorata, lo vede morente e decide di rendere eterno il suo ricordo, trasformando in fiori il sangue dell'amato che cade a terra.

'' ...Nemmeno un'ora era passata: dal sangue spuntò un fiore del suo stesso colore;

un fiore, come quello del melograno, i cui frutti celano

sotto la buccia sottile i suoi semi. Ma è fiore di vita breve:

fissato male al suolo e fragile per troppa leggerezza,

deve il suo nome al vento, e proprio il vento ne disperde i petali.''

Le Anemone vennero introdotte dall' Oriente in Europa dal botanico Robert Fortune nel 1844. Le Anemone x hybrida, chiamate comunemente Anemone giapponesi sono tutte il risultato di ibridazione tra A. japonica e A. vitifolium.

12,00 €

Helictotrichon sempervirens

Graminacea ornamentale rustica e resistente con fogliame caratterizzato da un intenso color azzurro che si accentua in terreni più asciutti. Il fogliame è sempreverde in climi miti e quindi deve essere solo ripulito dalle foglie ormai secche, mentre in climi più freddi si comporta da semisempreverde e può beneficiare di un taglio alla base dopo l'inverno, per favorire la nascita del nuovo fogliame in modo uniforme. E' una 'cool season grass', graminacea che fiorisce all'inizio della stagione e mantiene gli steli fino all'autunno, quando assumono colorazioni dorate. Ricorda una Festuca, sia come forma che come fioritura, ma con dimensioni maggiori. La posizione ideale è in pieno sole, in terreno ben drenato. Le irrigazioni devono essere regolari, moderate, almeno il primo anno, in quanto tollera la siccità, ma periodi troppo lunghi senza irrigazioni possono favorire una dormienza estiva.

L'epiteto generico è composto dai termini greci ἐλικτός (heliktòs intrecciato, torto) e ϑρίξ, τριχóϛ (thríx, trichόs pelo): 'con peli ritorti'.

L'epiteto specifico significa 'sempreverde', da semper (sempre) e da virens (vìrens, verdeggiante).

Premiata nel 1993 con l' Award of Garden Merit dalla Royal Horticoltural Society.

10,00 €

Chaenorhinum origanifolium...

Perenne dal portamento strisciante o ricadente per posizioni soleggiate. Perfetta anche per la coltivazione in vaso, tra le pietre di muretti a secco o in giardino roccioso, richiede un terreno ben drenato, senza ristagni specialmente nel periodo invernale. Il fogliame è minuto, verde in estate con la pagina inferiore sfumata di viola, scuro, porpora in inverno. Fioritura abbondante, con piccoli fiori che ricordano delle bocche di leone, color lavanda e con la gola bianca soffusa di giallo.

La specie è diffusa in Piemonte e viene anche chiamata Linajola piemontese o Linaria a foglie di origano.

Linneo lo battezzò Antirrhinum origanifolium, ma in seguito il nome venne modificato nella forma attuale dal botanico boemo Vincenz Franz Kosteletzky (1801–1887). L'epiteto generico è dubbio, ma crediamo sia composto dai termini greci κενός (chenòs vuoto, privo)(o nella forma dorica κήνος) e da ῥίν, ῥίνός (rín, rinòs naso) per la forma aperta della corolla, come un viso privo di naso.

L'epiteto specifico fa riferimento all'aspetto delle foglie, simili a quelle dell'origano (ma prive di aroma). Il sinonimo glareosum (glareòsum) deriva da glarea (glàrea ghiaia) perché amante dei luoghi ghiaiosi.

8,00 €

Prunella vulgaris

Una perenne autoctona diffusa in tutta Italia utilissima in giardino come veloce tappezzante. Foglie verdi, tondeggianti e fiori tipici della famiglia delle Lamiaceae. Ha proprietà antinfiammatorie e ipoglicemizzanti e da sempre è utilizzata in erboristeria. Si adatta in diversi tipi di posizioni, al sole e a mezzombra, con irrigazioni regolari o più sporadiche, anche se preferisce posizioni in pieno sole e terreno non arido.

L'epiteto generico deriva da una parola tedesca Bräune, angina, come riporta Alexandre de Thèis nella sua Etimologia Botanica. Questa pianta veniva usata come rimedio naturale. I primi riferimenti scritti di questo nome si trovano nell'opera del botanico francese Joseph Pitton de Tournefort , ma come Brunella vulgaris. È stato successivamente Linneo a modificare il nome in Prunella. Sempre Alexandre de Thèis attribuisce questo cambiamento al fatto che i tedeschi pronunciano la labiale dolce B quasi come la labiale forte P.

L'epiteto specifico deriva dal latino vulgus volgo, popolo, nel senso di molto comune, diffuso.

6,00 €

Lychnis flos-cuculi 'Petite...

Una fioritura appariscente e molto abbondante in primavera che prosegue, anche se in tono ridotto, fino all'autunno. Si consiglia di coltivare a mezzombra, raggiunta da almeno 3 o 4 ore di sole diretto per favorire un portamento compatto e una maggiore rigidità degli steli. Si sviluppa velocemente formando un denso cespuglio basale di foglie dalla forma allungata e ogni anno produce un numero maggiore di steli. Preferisce terreno drenato e fertile, non arido, anche se si è rivelata molto più resistente del previsto a periodi di siccità, ovviamente però a discapito della fioritura.

L'epiteto generico deriva dal greco λύχνoς (liùcnos lampada, lucerna): gli steli di alcune piante di questo genere erano impiegati come stoppini per le lucerne. In realtà i Greci attribuivano questo nome a una pianta dalle foglie cotonose che, come dice Plinio (XXV, 10), servono per fare dei lucignoli alle lampade. Secondo lui è una specie di Verbascum e secondo Dioscoride (III, 98) è un Agrostemma, genere con foglie spesse e pelose simili a quelle del Verbascum. In seguito Agrostemma e Lychnis sono diventati sinonimi e quindi è lecito pensare che il riferimento nei testi classici potesse essere alle Lychnis come ad esempio Lychnis coronaria( syn. Agrostemma coronaria). 

L'epiteto specifico ha origine dubbia. E' composto dai termini flos(fiore) e cuculus (cucùlus, cucùlo). Alcuni autori sostengono faccia riferimento alla presenza frequente sugli steli di questa pianta della schiuma della sputacchina, la larva dell’insetto Philaenus spumarius, chiamata anche saliva di cuculo. Altri, come ad esempio Alexandre de Théis (Glossaire de Botanique, 1810) interpretano il nome come un riferimento alla credenza popolare diffusa in tutta Europa per cui al canto del cuculo corrisponda l'arrivo della primavera.

9,00 €

Rudbeckia triloba 'Prairie...

Quello che caratterizza questa varietà sono i petali arancioni con le punte gialle, attorno ad un disco centrale brunito. Portamento leggero e arioso, con steli alti che partono da terra e portano una gran quantità di margherite bicolore. Coltivare in terreno fertile e ben drenato, in pieno sole. La pianta può essere cimata prima della fioritura per favorire l'accestimento e si consiglia di tagliare gli steli sfioriti per stimolare la produzione di nuovi steli floreali. E' una perenne a vita breve, ma si dissemina abbondantemente e quindi ogni anno il numero di piante aumenta!

L'epiteto generico fu dedicato da Linneo ai botanici svedesi Olaus (Olof, Olaf) Johannis Rudbeck sr. (1630-1702) e il figlio Olaus (Olof, Olaf) Olai Rudbeck jr. (1660-1740) che fu professore di botanica a Uppsala e maestro di Linneo.

L'epiteto specifico fa riferimento alla forma delle foglie, trilobate, divisa cioè in tre lobi.

8,00 €

Sorghastrum nutans 'Indian...

Una selezione di Sorgastrum nutans, graminacea originaria del Nord America.

Il fogliame, glauco durante l'estate, diventa giallo oro, con punti di arancio, in autunno. Le spighe sono alte, slanciate e ordinate, e nel momento della fioritura si nota molto bene sulle spighe il giallo degli stami.

Coltivare in terreno non troppo ricco: tollera bene terreni poveri e periodi di siccità, mentre con terreni troppo irrigati tende a perdere compattezza nel portamento.

Tagliare a circa 10/15 cm da terra dopo l'inverno.

L'epiteto generico deriva dal latino, col significato di 'simile al Sorghum'.

L'epiteto specifico invece da nutare (nutàre, ondeggiare): ondeggiante, ricadente, pendente con riferimento al movimento dei rami nel vento. 

9,00 €

Cirsium rivulare 'Frosted...

Perenne cespitosa, con foglie verde scuro e steli eretti che portano fiori bianchi molto resistenti e duraturi. Dopo la fioritura i fiori maturano in batuffoli piumosi, che maturando si aprono lasciando i semi liberi di muoversi nel vento e disseminarsi. E' una pianta rustica che richiede terreni ricchi, ma ben drenati e posizioni in pieno sole. E' una mellifera, attira gli impollinatori e fiorisce fino all' autunno, fornendo nutrimento agli insetti nei momenti di preparazione all'inverno. Recidere gli steli sfioriti per favorire la produzione di nuovi fiori. Diversamente da quanto si crede i Cirsium non tollerano l'arido e anzi, nascono e prosperano in terreni ricchi di sostanza organica e irrigati regolarmente. La specie è diffusa in natura in Francia, Svizzera, Austria e Slovenia e cresce tra i 500 e i 1800 mt, in prati umidi e zone inondate periodicamente, in vicinanza di corsi d'acqua.

L'epiteto generico deriva dal greco κίρσιον (kírsion cardo) a sua volta da κιρσός kirsós varice, ingrossamento delle vene. Alcune piante di questo genere venivano infatti utilizzate per curare le patologie delle vene. Il nome Cirsium è stato utilizzato per la prima volta dal botanico francese Joseph Pitton de Tournefort alla fine del '600, ma è solo ad opera del botanico italiano Carlo Allioni che prese forma il nome completo che è tuttora in uso. Si trova infatti registrato come Cirsium rivulare nel suo 'Auctuarium ad Floram Pedemontanam cum notis et emendationibus' (p. 10 N. 543.) pubblicato nel 1789.

L'epiteto specifico è il diminutivo latino di rivus (rìvus rivo, ruscello) in riferimento al tipo di ambiente preferito da questa specie, terreni ricchi, freschi.

Nella cultura popolare il Cirsium rivulare è considerato un segnale che indica terreno fertile, adatto per la coltivazione.

9,00 €

Achillea millefolium...

Erbacea perenne della famiglia delle Asteraceae con corimbi di piccoli fiori rosa chiaro, adatta a posizioni soleggiate. Rustica e molto robusta, di facile coltivazione e molto decorativa, fiorisce molto a lungo formando fitti cuscini di foglie aromatiche sormontati da steli rigidi carichi di fiori. Per ottenere ottimi risultati si coltiva in terreno ben drenato. Un taglio regolare degli steli sfioriti favorisce la rifiorenza. Un terreno eccessivamente ricco o troppo irrigato può far perdere compattezza alla pianta.

L'epiteto generico ha origine dal nome dell'eroe greco Ἀχιλλεύς (Achilleùs Achille). Plinio (XXV, 5) riferisce che fu così denominata in quanto Achille, discepolo di Chirone, se ne servì per primo per curare alcuni compagni durante l'assedio di Troia, per le proprietà cicatrizzanti di questa pianta.

L'epiteto specifico deriva dal latino mille e da folium (fòlium foglia) in riferimento alle foglie finemente divise.

8,00 €

Fritillaria persica

Perenne bulbosa affascinante e insolita, con steli carnosi che portano fino a 20 campanelle scurissime, praticamente nere. Il contrasto che si crea col fogliame glauco è sorprendente! La posizione ideale è in pieno sole, in terreno molto ben drenato. Si consiglia di aggiungere ghiaia o pomice all'impianto e di ridurre drasticamente le irrigazioni dopo la fioritura. In caso di nuovo impianto si consiglia di interrare i bulbi disponendoli su un fianco, perché data la loro conformazione tendono a raccogliere l'acqua nella parte superiore, spesso aperta e questo può causare marciumi. 

Resistente ad arvicole e cervi.

L'epiteto generico deriva dal termine latino fritillus (fritìllus, scatola per i dadi) in riferimento alla caratteristica reticolatura a scacchi di Fritillaria meleagris.

L'epiteto specifico indica la zona di provenienza, la Persia, o meglio l'attuale Iran e più genericamente il Medio Oriente.

Ogni vaso contiene due bulbi già radicati e pronti a fiorire.

9,00 €

Echinacea hybr. 'Southern...

Questa Echinacea è parte della serie Cone-Fection, lanciata nel 2011 dal vivaio olandese AB Cultivars. La serie Cone-Fection riunisce Echinacea dal fiore a pom pom dai colori molto appariscenti. Echinacea 'Southern Belle' garantisce ottimi risultati: è vigorosa, resistente e longeva, avendo nel suo corredo genetico anche Echinacea tennesseensis. Il disco centrale dei fiori inizialmente è piatto e pian piano che i fiori maturano il disco assume l'aspetto di un pon-pom. I fiori sono magenta e i petali esterni hanno un tono più chiaro. Le Echinacea preferiscono posizioni soleggiate, terreno drenato e fertile, non arido. Si consiglia di recidere i fiori man mano che appassiscono per favorire la produzione di nuovi steli floreali.

L'epiteto generico assegnato da Linneo era Rudbeckia in omaggio a Olaus Rudbeck, botanico svedese del XVII sec. Il genere fu poi battezzato da Conrad Moench, nel 1794, con il nome Echinacea, che deriva probabilmente dal greco ἐχῖνος (echînos riccio, porcospino) in riferimento al disco centrale, formato da fiori fertili appuntiti, pungenti.

12,00 €

Oenothera speciosa 'Siskiyou'

Fiori bianchi soffusi di rosa, intensamente profumati, si susseguono senza sosta su un cespuglio che si allarga senza esitazione anche su terreni difficili e poveri dall'inizio dell'estate all'autunno. In autunno le foglie si sfumano di rosso. Coltivare in pieno sole e terreno ben drenato.

E' originaria del degli Stati Uniti meridionali e del Messico settentrionale. La specie è diffusa anche in Italia, al centro-nord, come alloctona ormai naturalizzata, sfuggita alla coltivazione nei giardini.

L'epiteto generico Oenothera sembra derivare dal greco οἰνοϑήρας (oinotèras) con riferimento al probabile utilizzo che veniva fatto dai Greci della radice per aromatizzare il vino.

L'epiteto specifico 'speciosa' deriva dal latino speciosus ( a sua volta da species, vista/apparenza) col significato di 'bella, appariscente'

9,00 €

Achillea filipendulina

Erbacea perenne della famiglia delle Asteraceae con grandi corimbi di fiori giallo carico tipica di luoghi molto soleggiati e asciutti. Rustica e molto robusta, di facile coltivazione e molto decorativa, raggiunge dimensioni maggiori rispetto ad Achillea millefolium, ma come lei fiorisce molto a lungo con alti steli rigidi. Per ottenere ottimi risultati si coltiva in terreno ben drenato e si irriga con parsimonia.

L'epiteto generico ha origine dal nome dell'eroe greco Ἀχιλλεύς (Achilleùs Achille). Plinio (XXV, 5) riferisce che fu così denominata in quanto Achille, discepolo di Chirone, se ne servì per primo per curare alcuni compagni durante l'assedio di Troia, per le proprietà cicatrizzanti di questa pianta.

L'epiteto specifico si riferisce invece alla somiglianza della pianta con Filipendula vulgaris. perenne con foglie pennate simili a quelle di alcune felci e molto simili a quelle di questa Achillea.

In cucina le foglie di Achillea filipendulina vengono utilizzate per frittate e ripieni, conferendo un gusto simile a quello di Tanacetum parthenium e di Tanacetum balsamita.

10,00 €

Hibiscus 'Kopper King'

Varietà di Hibiscus di forte impatto, con foglie violacee e fiori a coppa, rosa, con il centro porpora, sorprendentemente grandi(25/30 cm). E' un'erbacea e quindi durante l'inverno la pianta secca completamente per poi germogliare tardivamente a primavera. Coltivare in pieno sole, in terreno fresco, anche argilloso, irrigato regolarmente.

E' il risultato del lavoro di ibridazione dei fratelli Fleming in Nebraska, fiorito per la prima volta nel 1987 nella loro tenuta e registrato nel 1997. E' stato ottenuto dall'incrocio di tipologie diverse di Hibiscus tra cui H. moscheutos, H. laevis(precedentemente H. militaris) e H. coccineus. Le caratteristiche principali che lo hanno fatto apprezzare sono le dimensioni contenute, la resistenza a pioggia e vento, il colore delle foglie e dei fiori. La definizione di questa cultivar come Hibiscus moscheutos o come Hibiscus grandiflorus sono da considerarsi errate.

I fiori, come quelli di tutti gli appartenenti al genere Hibiscus, sono commestibili e possono essere consumati crudi, anche se il sapore leggermente amaro li rende più adatti per aromatizzare le tisane in infusione.

L'epiteto generico deriva dal greco ἱβίσκος (ibískos, nome dell'Althaea officinalis in Dioscoride, poi hibiscum in Virgilio, una specie della stessa famiglia).

Il nome della varietà è stato attribuito per il colore rosso, ramato del fogliame.

20,00 €

Stachys byzantina 'Silver...

Varietà bassa e compatta con le foglie soffici e vellutate tipiche delle Stachys, ma con steli floreali corti.

Coltivare in pieno sole e terreno drenato. Ripulire dopo l'inverno dalle foglie secche che si depositano sotto alle foglie nuove.

Si consiglia di recidere gli steli floreali per favorire lo sviluppo delle foglie, il vero punto di interesse di questa erbacea perenne utilizzata come coprisuolo.

In Brasile è conosciuta come Lambari ed è utilizzata in cucina. Le foglie vengono consumate fritte, come si usa fare in Italia con la Salvia.

Un tempo era considerata magica, col nome di Betonica: veniva utilizzata come amuleto e piantata nei cimiteri come difesa contro gli spiriti maligni. Ha anche grande utilizzo come pianta curativa per le proprietà antinfiammatorie ed emollienti: viene utilizzata per calmare la tosse e le infiammazioni della laringe e per curare le ferite.

L'epiteto generico deriva dal termine greco στάχυϛ (stáchius spiga) con riferimento alla disposizione dei fiori lungo il fusto.

L'epiteto specifico byzantina ricorda l'origine geografica, l'antico impero bizantino, oggi Turchia, Armenia, Iran.

8,00 €

Geum chiloense 'Mrs. J....

Fiori semi doppi, rossi, che si schiudono tra la fine della primavera e l'inizio dell'estate. Rustica, molto resistente, da coltivare al sole o mezzombra, in terreno fertile e ben drenato. Si può coltivare in piena terra o in vaso.

L'epiteto generico deriva dal greco γεῦμα (gheúma assaggio, gusto, buon sapore). Plinio (XXVI, 7) dice che il geum ha delle radici di odore e sapore gradevoli e che può curare i disturbi della digestione. Questo gusto aromatico nella botanica antica gli aveva fatto attribuire il nome di caryophyllata, cioè 'erba dall'odore di chiodo di garofano'.

L'epiteto specifico deriva dalla forma latinizzata chilensis, 'del Cile'.

8,00 €