Salvia x jamensis 'Heatwave Glimmer'

8,00 €
Iva incl.

Una delle varietà della serie Heatwave, creata per resistere al caldo estivo, con minori irrigazioni e per mantenere un portamento compatto. Salvia 'Heatwave Glimmer' ha fiori bianco crema e calici neri, un bellissimo contrasto accentuato dalla quantità di fiori, prodotti senza sosta da Maggio a fine Novembre. Le Salvia del gruppo jamensis sono ottenute dall'ibridazione di Salvia microphylla x Salvia greggii. Da queste due tipologie si sono originati tantissimi tipi diversi di Salvia, di diverse altezze, colori e forme. Coltivare in terreno molto ben drenato in pieno sole.

L'epiteto generico deriva dal latino e si trova già in Plinio, usato per la Salvia officinalis, dal verbo salvare (guarire).

L'epiteto specifico identifica gli ibridi interspecifici identificati per la prima volta all'inizio degli anni '90 nei pressi del villaggio di Jame nello stato di Coahuila de Zaragoza (Messico) dal botanico e ricercatore James Compton.

La pianta è in vaso di 16 cm di diametro

Quantità
Disponibile

  • . .

Consegna indicativa da %MINIMAL_DATE% a %MAXIMAL_DATE%

Scheda tecnica

Nome botanico della specie
Salvia x jamensis J.Compton
Accentazione e pronuncia
Sàlvia pér giamènsis
Altezza Massima
80 cm
Esposizione
Sole
Colore
Bianco
Fogliame
Semi-Sempreverde
Fioritura
Maggio-Novembre

Riferimenti Specifici

Abbinamenti suggeriti

Gaillardia aristata...

Erbacea perenne originaria dell'America settentrionale. Forma morbidi cespugli carichi di fiori per tutta la stagione estiva, fino ad autunno inoltrato. La varietà 'Burgunder' ha fiori rosso scuro col centro giallo scuro. Cresce bene in pieno sole, in terreno drenato, fertile. Tollera la salsedine e il calore estivo e periodi di siccità.

Alcune tribù di Nativi nordamericani la utilizzano per curare le ferite e per abbassare la febbre.

L'epiteto generico fu dedicato dal botanico Auguste Denis Fougeroux de Bondaroy (1732-1789) ad Antoine René Gaillard de Charentonneau magistrato francese, naturalista e appassionato di botanica.

L'epiteto specifico deriva dal latino arista (arìsta, filamento e di conseguenza spiga per sineddoche) 'dotata di arìste' in riferimento ala presenza di organi appuntiti, sottili nella parte terminale, in riferimento forse alla forma delle foglie o a quella dei fiori del disco centrale.

8,00 €

Panicum virgatum 'Heavy Metal'

Varietà apprezzata per il fogliame glauco, decisamente azzurro, in primavera e fino all'estate. Dall'autunno assume i toni del giallo. Portamento verticale, ordinato. Coltivare in pieno sole e terreno fertile, non arido.

L'epiteto generico deriva dal latino Panīcum (panìco, erba con spighe a pannocchia, Cato, Caes., Plin.)

L'epiteto specifico dal latino virga(verga, bastone).

Vedi le altre graminacee della nostra collezione

12,00 €

Pennisetum alopecuroides...

Una delle graminacee ornamentali più belle, nella sua semplicità. Spighe in gran quantità da Luglio a Novembre, persistenti per buona parte dell'inverno e molto decorative sia in estate, raggiunte dal sole del mattino e del tardo pomeriggio che le fa illuminare, sia in inverno, quando vengono rivestite dall'umidità e dal ghiaccio. Coltivare in pieno sole, in terreno fertile, non arido, ben drenato. 

L'epiteto generico deriva dal latino penna (piuma) e da seta (setola): con setole piumose.
L'epiteto specifico è formato dalle parole greche dal greco ἀλώπηξ (alópex volpe ), οὐρά (urá coda) ed εἷδος (èidos sembianza): simile ad un Alopecurus, cioè con spighe simili a code di volpe.

Il nome della varietà è quello della città di Hameln, in Germania, conosciuta per la fiaba del Pifferaio magico.

Vedi le altre graminacee della nostra collezione

9,00 €

Aster cordifolius 'Ideal'

Aster con fiori piccolissimi, azzurri, con il disco centrale che da giallo vira al porpora. Fioritura tardiva da Settembre a Ottobre. Coltivare in pieno sole, in terreno fertile. Tollera bene periodi di asciutto e mezzombra. Si consiglia di cimare la pianta a fine Maggio per favorire l'accestimento e una maggiore produzione di fiori.

L'epiteto generico del nome scientifico aggiornato deriva dal greco σύμφῠσις (siùmfiusis, unione) e da ϑρίξ, τριχóϛ (thríx, trichόs capello, pelo), probabilmente riferito a una cultivar europea con peli uniti alla base, osservata da Christian Gottfried Daniel Nees von Esenbeck, botanico tedesco della prima metà dell' 800.
L'epiteto specifico è formato da cor, córdis (cuore) e fólium (foglia) con riferimento alla forma a cuore delle foglie basali.

Vedi gli altri Aster della nostra collezione

9,00 €

16 altri prodotti della stessa categoria:

Lonicera nitida 'Red Tips'

Piccolo arbusto sempreverde con fogliame verde e nuovi germogli rossi. Coltivare in pieno sole o mezz'ombra. Preferisce terreni fertile, drenati, non aridi.

L'epiteto generico fu assegnato da Linneo in onore del medico e botanico tedesco Adam Lonitzer (latinizzato in Lonicerus, 1528-1586), autore di un trattato sulle erbe medicinali.

L'epiteto specifico significa lucido, luminoso(nitidus in latino), con riferimento al colore delle foglie.

9,00 €

Erica x darleyensis 'White...

Varietà dal portamento simile a Erica darl. 'Kramer's Rote', ma con fiori bianchi e foglie che in primavera si sfumano di giallo. Sempreverde, rustica e resistente, crea bellissimi cuscini fioriti e preferisce posizioni soleggiate e terreni ben drenati, con sufficiente irrigazione nel periodo estivo e all'impianto. Posizioni troppo ombreggiate limitano la fioritura.

L'epiteto generico deriva dal greco ἐρείκειν (ereíkein tritare, sbriciolare). In tempi antichi gli veniva infatti attribuita la capacità di frammentare i calcoli, come riporta Pietro Andrea Mattioli (umanista del '500) nella sua traduzione del De Materia Medica di Dioscoride (I, 100).

La specie darleyensis nasce spontaneamente intorno ai primi del '900 nel vivaio di James Smith, nel Derbyshire in Inghilterra, dall'ibridazione tra Erica carnea ed Erica erigena (precedentemente nota come Erica mediterranea). Il primo ibrido venne battezzato Erica 'Darley Dale' (la città del Derbyshire in cui si trova il vivaio). Dal nome di questa cultivar prende nome la specie, darleyensis appunto, col significa di 'proveniente da Darley'.

Rispetto ad altre specie di Erica si rivela molto più resistente e vigorosa, capace di tollerare brevi periodi di siccità e terreni non acidi (esigenza vincolante per la coltivazione delle altre specie di Erica), anche se il terreno ideale è leggermente acido.

4,00 €

Santolina chamaecyparissus

Perenne suffruticosa con foglie aromatiche argentate. Forma cespugli ordinati che si coprono letteralmente di fiori rotondi, giallo oro. Coltivare in terreno drenato in pieno sole. Dopo la fioritura effettuare un taglio deciso della pianta per stimolare la produzione di nuova vegetazione e favorire l'accestimento. Diffusa in Italia allo stato spontaneo veniva utilizzata in passato per profumare la biancheria e gli ambienti. 

L'epiteto generico potrebbe derivare da santonica, femminile di santonicus, cioè dei Santones, antica popolazione dell'Aquitania, regione della Francia sud-occidentale.   Per altri deriverebbe dall'unione delle parole sanctus (santo) e linum (lino), cioè 'lino santo', forse in riferimento alle sue proprietà terapeutiche.

L'epiteto specifico è composto dal prefisso greco χᾰμαι- (chamai- a terra, strisciante) e da κυπάρισσος (kiupárissos cipresso), cioè simile a un cipresso nano.

9,00 €

Salvia microphylla...

Vigorosa e forte, fiori color salmone da Maggio a Novembre. Labbro inferiore grande  Coltivare in pieno sole e terreno ben drenato. Anche se le Salvia tollerano brevi periodi di siccità si consiglia di irrigare regolarmente specialmente in estate per garantire una fioritura soddisfacente.

Come per tutte le Salvia si raccomanda di potare con decisione in Primavera per evitare che la pianta lignifichi. La potatura stimolerà la produzione di nuovi germogli alla base della pianta e sui fusti dell'anno precedente, evitanto che negli anni il cespuglio si spogli alla base e che sia meno resistente al freddo. Nonostante le Salvia semi-arbustive vengano date per rustiche fino a -10°C abbiamo testato la loro rusticità a temperature inferiori. La condizione fondamentale per una buona riuscita e per garantire il superamento di inverni rigidi è il drenaggio, da ottenere con una base di ghiaia nella buca al momento dell'impianto.

L'epiteto generico deriva dal latino e si trova già in Plinio, usato per la Salvia officinalis, dal verbo salvare (guarire).

L'epiteto specifico è composto dalle parole in greco μικρός (micrós piccolo) e da φύλλον (fiùllon foglia): dalle foglie piccole.

8,00 €

Berberis thunbergii...

Varietà con fogliame porpora, molto scuro e d'impatto. Il portamento è ordinato, a colonna ed è bellissimo in abbinamento alle erbacee perenni da fiore e alle graminacee. I Berberis hanno fusti legnosi con lunghe spine appuntite e foglie che dopo la colorazione autunnale cadono, lasciando vedere la struttura, la texture dei rami e le bacche che vengono prodotte dopo la fioritura e persistono a lungo sulla pianta. Si coltiva al sole o mezzombra in qualsiasi tipo di terreno, anche se preferisce terreni fertili e drenati. Posizioni troppo ombreggiate non aiutano la colorazione autunnale

L'epiteto generico deriva dal termine arabo barbaris, che ricorda molto il greco Βέρβερι (bèrberi conchiglia), probabilmente in riferimento alla forma dei petali dei fiori di Berberis vulgaris, a coppa, simili a una conchiglia, oppure per la forma arrotondata e il colore delle foglie, lucide come la superficie delle conchiglie. Samuel Bochart, umanista francese del '600, fa risalire infatti l'origine del termine greco Βέρβερι (bèrberi) al fenicio 'barar' che indica la lucentezza della conchiglia. Altri riconducono l'origine al sanscrito varvarata ('ruvidezza') in riferimento alle spine che ricoprono i fusti.

L'epiteto scientifico ricorda il botanico ed entomologo svedese Karl Pehr Thunberg (1743-1828).

10,00 €

Fothergilla latifolia

Scenografico arbusto con fiori a scovolino in primavera e fogliame fiammeggiante in autunno! Originaria del Nord America, più precisamente dei monti Appalachi, è stata introdotta in Inghilterra a scopo ornamentale alla fine del XVIII secolo, ma inspiegabilmente è sempre rimasta una pianta di nicchia, nonostante gli apprezzamenti degli addetti ai lavori per il portamento, per la sua fioritura e per i toni autunnali delle foglie. Si coltiva in pieno sole o mezz'ombra, in terreno fertile, normale o acido. Ama i terreni freschi, ma sopporta periodi di siccità una volta ben radicata.

L'epiteto generico ricorda il fisico e 'cacciatore di piante' John Fothergill (1712-1780), proprietario di una ricchissima collezione di piante nordamericane a Stratford-le-Bow nell’Essex. Fothergill finanziò il lavoro di ricerca del naturalista americano William Bartram chiedendogli di ricercare, collezionare e inviargli in Inghilterra campioni delle specie nordamericane e illustrazioni della flora e della fauna locali, ancora inesplorate. I viaggi di esplorazione di Bartram sono raccontati nel suo 'Report to Dr. John Fothergill', un resoconto dei suoi viaggi in Georgia, Carolina e Florida.

L'epiteto specifico fa riferimento alla dimensione delle foglie, letteralmente 'dalle foglie larghe'.

15,00 €

Salvia 'Otis'

Quello che colpisce di questa Salvia è il color glicine dei fiori, grandi, luminosi. La pianta ha portamento morbido, allargato e cresce in larghezza fino a circa 70cm.

Come per tutte le Salvia arbustive si raccomanda una potatura decisa dopo l'inverno per evitare che la pianta lignifichi perdendo vigore e vuotandosi alla base. Coltivare in pieno sole e terreno ben drenato.

L'epiteto generico deriva dal latino e si trova già in Plinio, usato per la Salvia officinalis, dal verbo salvare (guarire).

9,00 €

Salvia x jamensis 'Violette...

Varietà con foglie particolarmente aromatiche e steli sottili carichi di fiori di medie dimensioni viola intenso, con la gola leggermente più scura, blu-viola. Coltivare in pieno sole o mezzombra(almeno 4 ore di sole), in terreno ben drenato. Come per tutte le Salvia arbustive si raccomanda una potatura decisa dopo l'inverno per evitare che la pianta lignifichi perdendo vigore e vuotandosi alla base.

L'epiteto generico deriva dal latino e si trova già in Plinio, usato per la Salvia officinalis, dal verbo salvare (guarire).  

L'epiteto specifico identifica gli ibridi interspecifici identificati per la prima volta all'inizio degli anni '90 nei pressi del villaggio di Jame nello stato di Coahuila de Zaragoza (Messico) dal botanico e ricercatore James Compton.

8,00 €

Berberis thunbergii 'Golden...

Varietà con foglie verde lime che in autunno virano al rosso. Il portamento è ordinato, a colonna ed è bellissimo in abbinamento alle erbacee perenni da fiore e alle graminacee. I Berberis hanno fusti legnosi con lunghe spine appuntite e foglie che dopo la colorazione autunnale cadono, lasciando vedere la struttura, la texture dei rami e le bacche che vengono prodotte dopo la fioritura e persistono a lungo sulla pianta. Si coltiva al sole o mezzombra in qualsiasi tipo di terreno, anche se preferisce terreni fertili e drenati. Posizioni troppo ombreggiate non aiutano la colorazione autunnale

L'epiteto generico deriva dal termine arabo barbaris, che ricorda molto il greco Βέρβερι (bèrberi conchiglia), probabilmente in riferimento alla forma dei petali dei fiori di Berberis vulgaris, a coppa, simili a una conchiglia, oppure per la forma arrotondata e il colore delle foglie, lucide come la superficie delle conchiglie. Samuel Bochart, umanista francese del '600, fa risalire infatti l'origine del termine greco Βέρβερι (bèrberi) al fenicio 'barar' che indica la lucentezza della conchiglia.Altri riconducono l'origine al sanscrito varvarata ('ruvidezza') in riferimento alle spine che ricoprono i fusti.

L'epiteto scientifico ricorda il botanico ed entomologo svedese Karl Pehr Thunberg (1743-1828).

10,00 €

Perovskia atriplicifolia...

Una varietà dal portamento compatto ed eretto con in più tutte le caratteristiche che hanno fatto apprezzare Perovskia atriplicifolia: fogliame argentato e aromatico, fioritura lunghissima e cerulea, resistenza e vigore. Coltivare in pieno sole, in terreno drenato. 

Anche se è a tutti gli effetti un piccolo arbusto preferiamo trattarla come un'erbacea. Si consiglia quindi di tagliare a circa 15 cm da terra ad ogni primavera per evitare che lignificando perda compattezza e si spogli alla base.

L'epiteto generico ricorda il generale Vasily Alekseevich Perovski (1794-1857), diplomatico russo e finanziatore del Pavlovsk Imperial Garden, nei pressi di San Pietroburgo.

L'epiteto specifico è composto dalle parole atriplex latinizzazione del greco ατραφαξυς (atràfaxus formato dal prefisso privativo a- e da τρέφω trefo, nutrire: non nutriente) e folium foglia: con foglie non nutrienti.

9,00 €

Salvia greggii 'Stormy Pink'

Salvia con foglie rotonde, rugose, aromatiche e fiori rosa ghiaccio molto luminosi che si schiudono da Maggio a Novembre senza sosta. Come per tutte le Salvia arbustive si raccomanda una potatura decisa dopo l'inverno per evitare che la pianta lignifichi perdendo vigore e vuotandosi alla base. Coltivare in pieno sole. Nonostante le Salvia semi-arbustive vengano date per rustiche fino a -10°C abbiamo testato la loro rusticità a temperature inferiori. La condizione fondamentale per una buona riuscita e per garantire il superamento di inverni rigidi è il drenaggio, da ottenere con una base di ghiaia nella buca al momento dell'impianto.

L'epiteto generico deriva dal latino e si trova già in Plinio, usato per la Salvia officinalis, dal verbo salvare (guarire).

L'epiteto specifico ricorda l’esploratore e naturalista statunitense Josiah Gregg (1806-1850).

8,00 €

Salvia microphylla 'Royal...

Varietà con foglie verde scuro e steli scuri con fiori rossi, grandi. Come per tutte le Salvia arbustive si raccomanda una potatura decisa dopo l'inverno per evitare che la pianta lignifichi perdendo vigore e vuotandosi alla base. Coltivare in pieno sole. Nonostante le Salvia semi-arbustive vengano date per rustiche fino a -10°C abbiamo testato la loro rusticità a temperature inferiori. La condizione fondamentale per una buona riuscita e per garantire il superamento di inverni rigidi è il drenaggio, da ottenere con una base di ghiaia nella buca al momento dell'impianto. I fiori hanno un buon sapore dolce e sono ottimi su gelati, torte, insalate, macedonie.

L'epiteto generico deriva dal latino e si trova già in Plinio, usato per la Salvia officinalis, dal verbo salvare (guarire).

L'epiteto specifico è composto dalle parole in greco μικρός (micrós piccolo) e da φύλλον (fiùllon foglia): dalle foglie piccole.

8,00 €

Perovskia atriplicifolia...

Varietà compatta, adatta anche a giardini di piccole dimensioni e alla coltivazione in vaso.

L'epiteto generico ricorda il generale Vasily Alekseevich Perovski (1794-1857), diplomatico russo e finanziatore del Pavlovsk Imperial Garden, nei pressi di San Pietroburgo.

L'epiteto specifico è composto dalle parole atriplex latinizzazione del greco ατραφαξυς (atràfaxus formato dal prefisso privativo a- e da τρέφω trefo, nutrire: non nutriente) e folium foglia: con foglie non nutrienti.

9,00 €

Erica x darleyensis...

Ibrido di Erica dalla forma compatta e cespugliosa, con fiori rosa carico che si schiudono dall'inverno alla primavera. Preferisce posizioni soleggiate e terreni ben drenati, ma sufficientemente umidi almeno nei primi periodi di impianto e nel periodo estivo. Sempreverde, rustica e molto resistente, crea bellissimi cuscini fioriti.

L'epiteto generico deriva dal greco ἐρείκειν (ereíkein tritare, sbriciolare). In tempi antichi gli veniva infatti attribuita la capacità di frammentare i calcoli, come riporta Pietro Andrea Mattioli (umanista del '500) nella sua traduzione del De Materia Medica di Dioscoride (I, 100).

La specie darleyensis nasce spontaneamente intorno ai primi del '900 nel vivaio di James Smith, nel Derbyshire in Inghilterra, dall'ibridazione tra Erica carnea ed Erica erigena (precedentemente nota come Erica mediterranea). Il primo ibrido venne battezzato Erica 'Darley Dale' (la città del Derbyshire in cui si trova il vivaio). Dal nome di questa cultivar prende nome la specie, darleyensis appunto, col significa di 'proveniente da Darley'.

Rispetto ad altre specie di Erica si rivela molto più resistente e vigorosa, capace di tollerare brevi periodi di siccità e terreni non acidi (esigenza vincolante per la coltivazione delle altre specie di Erica), anche se il terreno ideale è leggermente acido.

4,00 €

Berberis thunbergii 'Erecta'

Una selezione del vivaio Walters Garden del 1936, con foglie verdi che in autunno virano all'arancio, al giallo e al rosso creando bellissimi effetti. Il portamento è ordinato, a colonna ed è bellissimo in abbinamento alle erbacee perenni da fiore e alle graminacee. I Berberis hanno fusti legnosi con lunghe spine appuntite e foglie che dopo la colorazione autunnale cadono, lasciando vedere la struttura, la texture dei rami e le bacche che vengono prodotte dopo la fioritura e persistono a lungo sulla pianta. Si coltiva al sole o mezzombra in qualsiasi tipo di terreno, anche se preferisce terreni fertili e drenati. Posizioni troppo ombreggiate non aiutano la colorazione autunnale 

L'epiteto generico deriva dal termine arabo barbaris, che ricorda molto il greco Βέρβερι (bèrberi conchiglia), probabilmente in riferimento alla forma dei petali dei fiori di Berberis vulgaris, a coppa, simili a una conchiglia, oppure per la forma arrotondata e il colore delle foglie, lucide come la superficie delle conchiglie. Samuel Bochart, umanista francese del '600, fa risalire infatti l'origine del termine greco Βέρβερι (bèrberi) al fenicio 'barar' che indica la lucentezza della conchiglia. Altri riconducono l'origine al sanscrito varvarata ('ruvidezza') in riferimento alle spine che ricoprono i fusti.

L'epiteto scientifico ricorda il botanico ed entomologo svedese Karl Pehr Thunberg (1743-1828).

10,00 €