Hesperantha coccinea 'Major'

10,00 €
Iva incl.

Originaria di Sud Africa e Zimbabwe è una perenne rizomatosa a fioritura autunnale che fiorisce quando la maggior parte delle altre piante inizia il riposo vegetativo. Della stessa famiglia delle Iris, richiede posizioni a mezzombra e terreno fertile, drenato, non arido.

L'epiteto generico è formato dalle parole greche ἑσπέρα (espèra, sera) e ἄνθος (anthos, fiore) 'che si schiude la sera'. Il sinonimo Schizostylis deriva dal greco σχίζω (schízo dividere) e στύλος (stiùlos stilo) 'con lo stilo diviso'.

L'epiteto specifico in latino significa 'rosso' in riferimento al colore della specie.

La pianta è in vaso di 16 cm di diametro

Quantità
Disponibile

  • . .

Consegna indicativa da %MINIMAL_DATE% a %MAXIMAL_DATE%

Scheda tecnica

Nome botanico della specie
Hesperantha coccinea (Backh. & Harv.) Goldblatt & J.C.Manning
Accentazione e pronuncia
Schizòstilis coccìnea
Accentazione e pronuncia
Hesperànta coccìnea
Sinonimo
Schizostylis coccinea 'Major'
Altezza Massima
70 cm
Esposizione
Mezzombra
Colore
Rosso
Fogliame
Semi-Sempreverde
Fioritura
Settembre-Novembre

Riferimenti Specifici

Abbinamenti suggeriti

Cenolophium denudatum

Ombrellifera perenne conosciuta come Prezzemolo del Baltico con bellissime infiorescenze ad ombrello formate da piccoli fiori bianchi, leggere ed eleganti. Le foglie sono fini, leggere, simili a quelle delle felci e i fusti sono verdi, glabri, talvolta rossastri. Preferisce posizioni in pieno sole o mezzombra e terreno ricco, fresco, ben drenato.

L'etimologia dell' epiteto generico è poco chiara. Secondo noi l'origine del nome si trova nei termini greci κενός (chenòs vuoto) e λόφος (lòfos ciuffo, criniera, cresta) probabilmente in riferimento alle capsule di semi, cave all'interno. Arriviamo a questa conclusione attraverso il nome comune tedesco di questa pianta, Hohlrippe, traducibile come 'Costola vuota', in riferimento alla morfologia dei semi. L'epiteto generico è stato assegnato all'inizio del '900 da Alfred Fischer, botanico tedesco, che intervenne sul nome precedente perfezionandolo in quello che viene utilizzato oggi, traducendo il nome comune in 'greco botanico'.

L'epiteto specifico fa riferimento agli steli nudi che caratterizzano la specie.

Vincitrice nel 2014 dell'Award of Garden Merit della Royal Horticoltural Society.

10,00 €

Isotoma fluviatilis

Erbacea perenne sempreverde tappezzante della famiglia delle Campanulaceae con fiori a stella, azzurri, profumati che si schiudono da Maggio ai primi geli.

Si può utilizzare per colmare zone difficili del prato, purchè siano raramente calpestate, tra le pietre di un selciato in posizioni ombrose o come ricadente in vasi e coppi. Per uno sviluppo ottimale richiede posizioni a mezzombra, in terreno fertile, drenato, mai arido.

La letteratura riporta diversi nomi alternativi: i più diffusi sono Pratia pedunculata, Laurentia fluviatilis, Enchysia gaudichaudii , Lobelia pedunculata, Rapuntium fluviatile e Lobelia fluviatilis. George Bentham nel suo testo Flora Australiensis (1864) ricondusse questa pianta al genere Isotoma. La nomenclatura accettata oggi è quindi Isotoma fluviatilis (R.Br.) F.Muell. ex Benth, con riferimento alla paternità di Bentham nell'identificazione di questa pianta. Gli altri sinonimi sono da considerarsi non validi.

L'epiteto generico deriva dall'unione dei due termini greci ísos (uguale) e tomé (taglio), per il taglio molto netto che suddivide in modo uguale i 5 lobi della corolla. L'epiteto specifico fluviatilis (in latino 'tipico dei fiumi) fa riferimento all'habitat preferito da questa pianta, terreni ricchi e umidi, in vicinanza di corsi d'acqua. 

7,00 €

Persicaria filiformis

Foglie bicolore, verdi, macchiate di porpora. Perfetta per angoli ombrosi del giardino o del balcone, senza esigenze particolari e ridotta manutenzione. Si dissemina abbondantemente e a fine estate fiorisce abbondantemente con una gran quantità di piccoli fiori rossi portati da lunghi steli flessuosi molto decorativi.
Coltivare in ombra luminosa o mezzombra (al massimo sole del mattino presto).

L'epiteto generico deriva da malus persica (pesco) per le foglie simili a quelle del pesco di molte specie in questo genere.

L'epiteto specifico fa riferimento all'origine nord americana della specie.

8,00 €

Aster turbinellus

Una nuvola di fiori di un bellissimo azzurro tendente al viola portati su rami arcuati. Originario delle praterie asciutte del Nord America, resiste bene a periodi di asciutto e si può coltivare sia in pieno sole che a mezzombra. Come per tutti gli Aster (comunemente chiamati Settembrini), si consiglia di effettuare una cimatura a fine Maggio, per favorire l'accestimento e la produzione di un numero maggiore di fiori.

L'epiteto generico del nome scientifico aggiornato deriva dal greco σύμφῠσις (siùmfiusis, unione) e da ϑρίξ, τριχóϛ (thríx, trichόs capello, pelo), probabilmente riferito a una cultivar europea con peli uniti alla base, osservata da Christian Gottfried Daniel Nees von Esenbeck, botanico tedesco della prima metà dell' 800.

L'epiteto specifico è un diminutivo di túrbo, -inis (turbine, vortice, trottola): per la presenza di organi di forma conica o con andamento elicoide nel fiore.

Vedi gli altri Aster della nostra collezione

9,00 €

16 altri prodotti della stessa categoria:

Dicentra scandens

Insolita e affascinante! Una Dicentra rampicante con fiori giallo zolfo e foglie glauche. Coltivare al sole o mezz'ombra in terreno fertile, non arido.

18,00 €

Ruellia humilis

Chiamata col nome comune 'Wild petunia' è una spontanea nord americana con fiori viola chiaro. Diversamente da altre Ruellia resiste benissimo in terreni anche poveri, ghiaiosi e resiste al freddo. Coltivare in pieno sole, sia in vaso che in terra. Si dissemina molto facilmente.


L'epiteto generico è stato creato da Charles Plumier in onore del medico e botanico francese Jean Ruel (latinizzato in Jean Ruelle o Ioannes/Johannes Ruellius 1474-1537) che tradusse in latino il trattato di Dioscoride Pedacii Dioscoris.

L'epiteto specifico deriva dal termine latino 'humus' suolo, in riferimento al portamento strisciante di questa specie.
7,00 €

Echinacea tennesseensis...

Varietà con abbondante fioritura rosa nei mesi estivi, da Giugno a Settembre. I fiori si comportano come quelli del girasole, seguendo tutti insieme il movimento del sole durante il giorno. I petali( o meglio i fiori ligulati sterili) sono leggermente curvati verso l'alto, a formare una coppa aperta. Il disco centrale, composto dai fiori fertili, ha toni bruniti e quando raggiunge la maturazione è molto decorativo, persistendo a lungo sulla pianta. Le Echinacea preferiscono posizioni soleggiate, terreno drenato e fertile, non arido. Si consiglia di non recidere gli ultimi fiori per favorire l' autodisseminazione.

L'epiteto generico assegnato da Linneo era Rudbeckia in omaggio a Olaus Rudbeck, botanico svedese del XVII sec. Il genere fu poi battezzato da Conrad Moench, nel 1794, con il nome Echinacea, che deriva probabilmente dal greco ἐχῖνος (echînos riccio, porcospino) in riferimento al disco centrale, formato da fiori fertili appuntiti, pungenti.

L'epiteto specifico indica la provenienza geografica, col significato di ' del Tennessee'. Le Echinacea sono infatti in gran parte originarie del Nord America.

12,00 €

Achillea millefolium...

Erbacea perenne della famiglia delle Asteraceae con corimbi di piccoli fiori rosa chiaro, adatta a posizioni soleggiate. Rustica e molto robusta, di facile coltivazione e molto decorativa, fiorisce molto a lungo formando fitti cuscini di foglie aromatiche sormontati da steli rigidi carichi di fiori. Per ottenere ottimi risultati si coltiva in terreno ben drenato. Un taglio regolare degli steli sfioriti favorisce la rifiorenza. Un terreno eccessivamente ricco o troppo irrigato può far perdere compattezza alla pianta.

L'epiteto generico ha origine dal nome dell'eroe greco Ἀχιλλεύς (Achilleùs Achille). Plinio (XXV, 5) riferisce che fu così denominata in quanto Achille, discepolo di Chirone, se ne servì per primo per curare alcuni compagni durante l'assedio di Troia, per le proprietà cicatrizzanti di questa pianta.

L'epiteto specifico deriva dal latino mille e da folium (fòlium foglia) in riferimento alle foglie finemente divise.

8,00 €

Cenolophium denudatum

Ombrellifera perenne conosciuta come Prezzemolo del Baltico con bellissime infiorescenze ad ombrello formate da piccoli fiori bianchi, leggere ed eleganti. Le foglie sono fini, leggere, simili a quelle delle felci e i fusti sono verdi, glabri, talvolta rossastri. Preferisce posizioni in pieno sole o mezzombra e terreno ricco, fresco, ben drenato.

L'etimologia dell' epiteto generico è poco chiara. Secondo noi l'origine del nome si trova nei termini greci κενός (chenòs vuoto) e λόφος (lòfos ciuffo, criniera, cresta) probabilmente in riferimento alle capsule di semi, cave all'interno. Arriviamo a questa conclusione attraverso il nome comune tedesco di questa pianta, Hohlrippe, traducibile come 'Costola vuota', in riferimento alla morfologia dei semi. L'epiteto generico è stato assegnato all'inizio del '900 da Alfred Fischer, botanico tedesco, che intervenne sul nome precedente perfezionandolo in quello che viene utilizzato oggi, traducendo il nome comune in 'greco botanico'.

L'epiteto specifico fa riferimento agli steli nudi che caratterizzano la specie.

Vincitrice nel 2014 dell'Award of Garden Merit della Royal Horticoltural Society.

10,00 €

Hemerocallis 'Crimson Pirate'

Hemerocallis registrata nel 1951 da Hans E. Sass. Ha fiori rossi dalla gola gialla portati da steli alti flessuosi . Dà il meglio di sè in posizioni soleggiate, in terreno ricco e ben drenato, con irrigazioni regolari. Una buona concimazione ad inizio stagione è alla base di un'abbondante fioritura per le Hemerocallis. Si consiglia di recidere i fusti sfioriti per stimolare la produzione di nuovi fiori.

I fiori sono commestibili, ottimi crudi, usati su insalate, gelati o per decorare i piatti.

L'epiteto generico è composto dalle parole greche ἠμέρα (eméra giorno) e κάλλος (cállos bellezza) 'bello di un giorno' in riferimento alla durata di ogni singolo fiore.

10,00 € 15,00 €

Thalictrum actaeifolium...

Fiori piumosi che profumano di mimosa e fogliame che nasce viola, matura in verde e in autunno si tinge di toni dorati. Si consiglia di coltivare a mezzombra in terreno drenato, ricco, fertile. Posizioni troppo ombrose non favoriscono il corretto sviluppo della pianta. La condizione ideale è con sole del mattino.

L'epiteto generico deriva dal nome di questa pianta in greco, θάλικτρον (thálictron, pigamo), citato da Dioscoride nel De Materia Medica.
L'epiteto specifico fa riferimento alla forma delle foglie, simili a quelle di alcune Actaea.

Vedi gli altri Thalictrum della nostra collezione

14,00 €

Iris sibirica 'Dawn Waltz'

Varietà con fiori bianco rosato e gola soffusa di giallo-verde, registrata nel 2007 da Marty Schafer/Jan Sacks. Coltivare in pieno sole o al massimo mezzombra(non meno di 4 o 5 ore di sole al giorno) in terreno fertile, drenato, irrigato regolarmente prima e durante la fioritura. Dopo la fioritura si possono ridurre le irrigazioni.

L'epiteto generico deriva dal nome della dea Iris (Iride, nella mitologia greca Ἶρις Iris), messaggera degli dei il cui nome deriva da quello dell’arcobaleno (ἶρις, iris).

L'epiteto specifico sibirica (dal latino sibiricus, della Siberia) fa riferimento all'origine geografica di questa specie.

Vedi le altre Iris della nostra collezione

20,00 €

Sedum telephium 'Purple...

Bellissima varietà con foglie scure, lucide, fusti viola, molto scuri e fiori rosa. Coltivare in pieno sole, in terreno ben drenato, anche povero. Vincitore dell' Award of Garden Merit assegnato dalla RHS.

L'epiteto generico Sedum deriva dal latino sédo (calmare), per le proprietà calmanti delle foglie di alcune specie o dal latino sèdere (sedere) per il portamento di molti Sedum, che crescono appoggiati direttamente sui terreni sassosi ( in inglese stone-crop, pianta che si raccoglie sulla pietra).

L'epiteto generico Hylotelephium, sinonimo da preferire per questo genere, è composto dalle parole ΰλη (iùle foresta, bosco) e da telephium (dal greco τηλεφιον telèfion portulaca) col significato di Portulaca dei boschi o probabilmente di Portulaca simile a un bosco, per la tipica disposizione dei fusti che nascono dalla base della pianta e si ergono come alberi in verticale, diversamente dai Sedum tappezzanti.

10,00 €

Prunella vulgaris

Una perenne autoctona diffusa in tutta Italia utilissima in giardino come veloce tappezzante. Foglie verdi, tondeggianti e fiori tipici della famiglia delle Lamiaceae. Ha proprietà antinfiammatorie e ipoglicemizzanti e da sempre è utilizzata in erboristeria. Si adatta in diversi tipi di posizioni, al sole e a mezzombra, con irrigazioni regolari o più sporadiche, anche se preferisce posizioni in pieno sole e terreno non arido.

L'epiteto generico deriva da una parola tedesca Bräune, angina, come riporta Alexandre de Thèis nella sua Etimologia Botanica. Questa pianta veniva usata come rimedio naturale. I primi riferimenti scritti di questo nome si trovano nell'opera del botanico francese Joseph Pitton de Tournefort , ma come Brunella vulgaris. È stato successivamente Linneo a modificare il nome in Prunella. Sempre Alexandre de Thèis attribuisce questo cambiamento al fatto che i tedeschi pronunciano la labiale dolce B quasi come la labiale forte P.

L'epiteto specifico deriva dal latino vulgus volgo, popolo, nel senso di molto comune, diffuso.

6,00 €

Salvia greggii 'Stormy Pink'

Salvia con foglie rotonde, rugose, aromatiche e fiori rosa ghiaccio molto luminosi che si schiudono da Maggio a Novembre senza sosta. Come per tutte le Salvia arbustive si raccomanda una potatura decisa dopo l'inverno per evitare che la pianta lignifichi perdendo vigore e vuotandosi alla base. Coltivare in pieno sole. Nonostante le Salvia semi-arbustive vengano date per rustiche fino a -10°C abbiamo testato la loro rusticità a temperature inferiori. La condizione fondamentale per una buona riuscita e per garantire il superamento di inverni rigidi è il drenaggio, da ottenere con una base di ghiaia nella buca al momento dell'impianto.

L'epiteto generico deriva dal latino e si trova già in Plinio, usato per la Salvia officinalis, dal verbo salvare (guarire).

L'epiteto specifico ricorda l’esploratore e naturalista statunitense Josiah Gregg (1806-1850).

8,00 €

Aster pinnatifidus 'Hortensis'

Asteracea originaria di Giappone e Corea, preferisce terreni non aridi e posizione a mezz'ombra, specialmente in luoghi con estati molto calde. E' conosciuta con i nomi comuni di Aster giapponese o falsa Boltonia. Fiorisce ininterrottamente da Giugno fino all'autunno. La cultivar 'Hortensis' ha fiori doppi, bianco puro.

L'epiteto generico del nome scientifico aggiornato deriva dall'unione dei termini καλός(kalòs, bello) e ἡμέρα (emèra, giorno), attinti al greco antico col significato letterale di 'bella di giorno'.
L'epiteto specifico da pinna (penna) e da findere (fendere, tagliare), cioè con foglie divise come una penna.

Vedi gli altri Aster della nostra collezione

9,00 €

Coreopsis verticillata...

Erbacea perenne che si comporta da tappezzante con tantissimi fiori giallo limone simili a margheritine da Giugno fino ad Ottobre. Adatta al vaso e alla coltivazione in bordure miste come prima linea o per macchie di vegetazione effetto prateria. Ha pochissime esigenze e forma cespugli fioriti che si allargano di anno in anno. E' una delle varietà di Coreopsis più resistenti e compatte e, anche se resiste a brevi periodi di siccità, fiorisce in modo ottimale e si sviluppa adeguatamente se viene piantata in terreno fertile, ben drenato, con irrigazioni regolari.

L'epiteto generico deriva dal greco Κοριός (coriòs cimice) e ὄψις (ópsis aspetto, somiglianza) in riferimento alla forma dei semi che ricorda un insetto, concavi su un lato e convessi sull'altro e dotati di due corni ad una sommità, simili ad antenne.
L'epiteto specifico deriva dal latino vertere (vèrtere girare attorno): per la disposizione delle foglie sullo stesso piano attorno al fusto, appunto verticillate.

Varietà vincitrice del Perennial Plant of the Year nel 1992.

8,00 €

Scabiosa columbaria nana

Una varietà compatta, in fiore da Maggio fino a Novembre.

Adatta a posizioni soleggiate e terreni drenati, anche poveri.

Molto amata dagli insetti impollinatori, in particolare dalle farfalle.

L'epiteto generico deriva dal latino scabies (scàbies scabbia) perché la pianta veniva usata in passato come cura contro la scabbia.

L'epiteto specifico potrebbe derivare da calumbarius (columbàrius, colombaria, sepolcreto, un tipo di sepoltura romana in cui le nicchie, semicircolari, erano sovrapposte a file) e riferirsi alla somiglianza del centro del fiore della Scabiosa a questo motivo geometrico. Un'altra possibile (ma dubbia) etimologia riconduce l'origine del nome alla somiglianza del fiore con una colomba.

7,00 €