Cerca nel blog

Migliori vendite

Erigeron karvinskianus

Lo sviluppo rapido, la mutabilità del colore dei fiori che da bianchi assumono sfumature rosa man mano che maturano, la resistenza e l'abbondante fioritura sono caratteristiche che rendono unica questa pianta. Originaria del Messico è ormai diffusa naturalizzata in molte regioni d'Italia. E' una tappezzante che si allarga molto velocemente e può essere utilizzata anche in vaso come ricadente o in muretti a secco negli spazi tra le pietre. Pianta facile, rustica e resistente dà il meglio di sè se riceve regolari irrigazioni, ma tollera periodi di siccità una volta ambientata.

L'epiteto generico è composto dalle parole greche ῆρ (ér qui nel senso di precoce) e γέρων (ghéron vecchio), probabilmente per l'aspetto dei capolini piumosi di semi, che ricordano la testa di un anziano e che si schiudono presto dall'inizio della fioritura in primavera fino ad autunno inoltrato.

L'epiteto specifico è stato assegnato in onore del naturalista, geologo e paleontologo tedesco (nato in Ungheria) Wilhelm Friedrich von Karwinski auf Karwin (1780-1855), esploratore della flora dell'America tropicale (Brasile, Messico).

5,00 €

Cyclamen coum

Ciclamino invernale originario dell'Europa sud orientale e dell'Asia minore con foglie rotonde o a cuore segnate d'argento e fiori rosa, privi di profumo. Preferisce posizioni ombreggiate e terreno ricco, foglioso, ben drenato. Dall'autunno alla primavera fiorisce in abbondanza e durante l'estate va in riposo vegetativo perdendo la parte aerea. E' importante che il terreno sia ben drenato per evitare marciumi durante i mesi estivi, periodo in cui le irrigazioni possono essere ridotte notevolmente. Dopo la fioritura gli steli si attorcigliano a spirale, puntando verso il suolo e spingendo le capsule di semi a contatto col terreno, per proteggerli e favorire la germinazione.

L'esposizione ideale è ombra o mezzombra, ma il riposo vegetativo estivo permette alla pianta di sopportare anche un numero maggiore di ore di sole diretto.

L'epiteto generico corrisponde al nome latino del ciclamino, a sua volta dal greco κύκλος (kiùclos cerchio) in riferimento alla forma rotonda del tubero.


L'epiteto specifico fa probabilmente riferimento a una regione della Cilicia, chiamata anticamente Koa o Quwe, vistoma che in quelle terre questa specie è spontanea.
I Cyclamen si disseminano per mirmecoria : i semi sono resi appetibili per le formiche dalla presenza di appendici ricche di sostanza nutritive. Le formiche trasportano i semi nei nidi, utilizzano gli elaiosomi (le appendici nutrienti usate come esca dalle piante) per nutrire le larve e poi spingono fuori dai nidi il seme. Questo favorisce lo spostamento dei semi attorno alla pianta madre e aumenta le probabilità di germinazione.

Vedi gli altri Cyclamen della nostra collezione

5,00 €

Salvia nemorosa 'Caradonna'

Una delle varietà più affidabili! Spighe blu/viola si susseguono da Maggio fino ad Autunno inoltrato , specialmente se si ha l'accortezza di rimuovere le spighe sfiorite. Coltivare in pieno sole, in terreno fertile, ben drenato. Una volta ben radicata sopporta periodi di siccità, anche se per ottenere una buona rifiorenza l'acqua è fondamentale.

L'epiteto generico deriva dal latino e si trova già in Plinio, usato per la Salvia officinalis, dal verbo salvare (guarire).

L'epiteto specifico da nemus, nemoris (bosco), 'che cresce nei boschi'.

8,00 €

Geranium 'Rozanne'

Una delle perenni più famose per la sua resistenza e per la durata della sua fioritura. Forma dei cespugli morbidi di foglie verde chiaro carichi di fiori blu malva con il centro bianco, luminoso, dalla primavera fino all'autunno inoltrato, per 6 mesi! Spogliante, vegeta nuovamente ogni primavera, raggiungendo in poco tempo le dimensioni finali. Preferisce terreni ben drenati e posizioni a mezzombra,dove può ricevere alcune ore di sole diretto. Può essere utilizzato nelle bordure o in vaso,anche come ricadente.

I fiori sono commestibili e possono essere usati a crudo su insalate, dolci, macedonie.

L'epiteto generico ha origine dal greco γεράνιον (gherànion geranio) come si trova scritto nel 'De Materia Medica' di Dioscoride. Il nome deriva da γέρανος (ghéranos gru): per i frutti simili al becco delle gru.

12,00 €

Euphorbia amygdaloides...

Sempreverde con foglie oblunghe verde scuro, lucide e steli verde chiaro che portano piccoli fiori giallo lime. La posizione ideale è in terreno mediamente drenato, in ombra o sole. Si adatta infatti a diverse condizioni di coltivazione, anche se tollera poco i ristagni di acqua. Una pianta che richiede pochissime attenzioni e non delude mai le aspettative. Si sviluppa rapidamente tramite rizomi sotterranei e forma bellissimi cespugli alti circa 40 cm da cui in primavera spuntano gli steli floreali, molto adatti anche per il reciso, alti fino a 70 cm. Dopo la fioritura gli steli e le brattee sono comunque particolarmente decorativi e persistono fino alla stagione successiva, momento in cui è necessario tagliarli per lasciare spazio alla nuova fioritura.

L'epiteto generico deriva da Εὔφορβος (èuforbos) Eufòrbo, medico greco, che secondo Plinio scoprì le proprietà medicinali di questa pianta. Il nome Eufòrbo deriva dal greco "ἐῧ éu" bene e "φέρβω férbo" nutrire: ben nutrito.

L'epiteto specifico è composto dai termini dal greco ἀμυγδάλη (amiugdále mandorla) e εἷδος (èidos sembianza) per la somiglianza delle foglie di questa Euphorbia con quelle di Prunus dulcis (mandorlo).

Questa sotto-specie di Euphorbia amygdaloides venne raccolta e catalogata da Mary Anne Robb (botanica inglese, 1829-1912) nel 1891 vicino İstanbul e introdotta in Inghilterra. Da quel momento non è stata identificata in nessuna altra località allo stato spontaneo.

Online il nome di questa pianta si trova scritto in modi diversi e la stessa RHS riporta una nomenclatura scorretta. Kew Gardens e www. plantsoftheworldonline.org (uniche fonti autorevoli nella nomenclatura botanica) riportano la nomenclatura adottata dal nostro vivaio e lo fanno con riferimento a chi ha l'ha battezzata, Clive A. Stace (abbreviato Stace) con il nome di M.A. Robb, nella forma latinizzata robbiae (ròbbie, cioè 'di Robb') 

9,00 €

Ranunculus aconitifolius...

Si racconta che questa pianta sia arrivata in Inghilterra con i Protestanti francesi che nel 1500 fuggirono dalla Francia verso i paesi confinanti di fede protestante. Il botanico inglese John Gerard ne scrisse alla fine del '500 tessendone elogi e sappiamo che in età elisabettiana(1558-1603) era una pianta amata e molto diffusa nei giardini, chiamata comunemente Fair Maid of France, 'la bella fanciulla di Francia'. Come molte altre cultivars a fiore doppio non si autodissemina facilmente e questo aiuta a controllarne la diffusione in giardino. Composta, ordinata, è una perenne purtroppo poco diffusa e apprezzata in Italia, ma ha mille qualità! La posizione ideale è a mezzombra, in terreno fertile, drenato. La specie( a fiore singolo) è diffusa anche in Italia.

Dopo la fioritura la pianta entra spesso in dormienza per il periodo estivo, germogliando nuovamente alla fine dell'estate.

L'epiteto generico deriva dal diminutivo del termine latino 'rana' col significato di ranocchio. Il nome è stato assegnato per la diffusione di alcune specie del genere Ranunculus in ambienti umidi, vicino a corsi d'acqua. Plinio scrive 'noi chiamiamo ranuncolo l'erba che i greci chiamano βάτραχος (bátracos rana)'

L'epiteto specifico significa 'con foglie simili a quelle dell'Aconito' da Aconitum e folium (fòlium foglia).

9,00 €

Campanula poscharskyana

Perenne rizomatosa sempreverde dal portamento ricadente o strisciante per posizioni a mezzombra in vaso o in terra. Forma densi cuscini carichi di fiori a stella blu lavanda che si schiudono da Maggio a fine Luglio, specialmente se la pianta viene cimata dopo la prima fioritura. Si adatta facilmente ad ogni tipo di terreno e quando si dissemina nasce anche tra le pietre dei selciati, nei muretti e si rivela molto resistente anche a brevi periodi di siccità. Se vicina a un muro tende ad appoggiarsi e a crescere in altezza per una trentina di centimetri, come se si arrampicasse.

L'epiteto generico è il diminutivo del termine latino campana( campàna, campanella), in riferimento alla forma dei fiori.

L'epiteto specifico è dedicato al botanico tedesco Gustav Adolf Poscharsky (1832-1915).

8,00 €

Geum 'Totally Tangerine'

Varietà di recente introduzione con fiori arancioni sterili. Non dovendo portare a maturazione dei semi la pianta riesce a produrre una quantità maggiore di fiori, formando un cespuglio molto appariscente con alti steli che si autosostengono. Rustica, molto resistente, da coltivare al sole o mezzombra, in terreno fertile e ben drenato. Si può coltivare in piena terra o in vaso. In luoghi con clima fresco riesce a fiorire per tutta l'estate, fino all'autunno.

L'epiteto generico deriva dal greco γεῦμα (gheúma assaggio, gusto, buon sapore). Plinio (XXVI, 7) dice che il geum ha delle radici di odore e sapore gradevoli e che può curare i disturbi della digestione. Questo gusto aromatico nella botanica antica gli aveva fatto attribuire il nome di caryophyllata, cioè 'erba dall'odore di chiodo di garofano'.

9,00 €
Tutte le migliori vendite

Nuovi prodotti

Aster carolinianus

Aster di origine americane,  insolito e poco diffuso. I lunghi rami raggiungono i 250 cm e la pianta si arrampica e sostiene su recinzioni, siepi e arbusti grazie ai rami laterali, che spuntano durante la stagione vegetativa e portano una gran quantità di fiori rosa-violetti, leggermente profumati, dalla fine di ottobre. Coltivare in pieno sole o mezz'ombra, in terreno fertile. Per sostenersi la pianta produce talvolta anche radici avventizie.

L'epiteto generico deriva dal greco ἄμπελος (ámpelos vite) e  da ἀστήρ, -έροϛ (astér, -éros stella) in riferimento alla conformazione dei fiori e all'effetto di insieme della pianta in fioritura che ha fatto guadagnare agli Aster il nome comune di 'cielo stellato'.

L'epiteto specifico fa riferimento alla zona di provenienza della specie.

NB: per spedire questo Aster potrebbe essere necessario accorciare i rami. Questo non interferisce con la salute della pianta nè riduce il suo valore, ma la fioritura può essere interrotta a seconda del periodo in cui viene spedito e quindi tagliato.  Fiorirà comunque l'anno successivo e il taglio dei rami favorirà un precoce accestimento.

12,00 €
Tutti i nuovi prodotti

In saldo

Iris fulva

Specie originaria del Missouri, con appariscenti fiori arancio-rosso venati di scuro, grandi e con i petali curvati verso il basso. In natura sono segnalate anche varianti nate da ibridazione spontanea, con fiori gialli e in diverse sfumature di arancio e rosso. Venne identificata per la prima volta dal botanico inglese J.B. Ker-Gawler nel 1812 nei pressi di New Orleans.

Appartiene al gruppo delle Iris Louisiana(Iris ser. Hexagonae) insieme a Iris hexagona(che dà il nome al gruppo), Iris brevicaulis, Iris giganticaerulea, Iris nelsonii.

Coltivare in pieno sole, in terreno fertile, drenato, umido. Dopo la fioritura si possono ridurre le irrigazioni. In estate le foglie tendono a seccare in caso di irrigazioni ridotte per poi spuntare nuovamente alla fine della stagione calda.

L'epiteto generico deriva dal nome della dea Iris (Iride, nella mitologia greca Ἶρις Iris), messaggera degli dei il cui nome deriva da quello dell’arcobaleno (ἶρις, iris).

L'epiteto specifico fulva deriva dal latino fùlvus (rosso, rossiccio), con riferimento al colore dei fiori.

Sinonimi: Iris cupraea, Iris fulvaurea, Iris rubescens, Iris ecristata, Limniris fulva, Neubeckia fulva. In particolare Limniris è un sottogenere creato per riunire le iris senza barba tipiche di terreni umidi.

Vedi le altre Iris della nostra collezione

17,00 € 20,00 €

Iris sibirica 'Light of Heart'

Varietà con fiori nei toni del viola con la gola soffusa di giallo con venature viola scuro, frutto del lavoro dell'ibridatore Robert Hollingworth, registrata nel 2007. Coltivare in pieno sole o al massimo mezzombra(non meno di 4 o 5 ore di sole al giorno) in terreno fertile, drenato, irrigato regolarmente prima e durante la fioritura. Dopo la fioritura si possono ridurre le irrigazioni.

L'epiteto generico deriva dal nome della dea Iris (Iride, nella mitologia greca Ἶρις Iris), messaggera degli dei il cui nome deriva da quello dell’arcobaleno (ἶρις, iris).

L'epiteto specifico sibirica (dal latino sibiricus, della Siberia) fa riferimento all'origine geografica di questa specie.

Vedi le altre Iris della nostra collezione

15,00 € 20,00 €

Iris sibirica 'Snow Prince'

Bellissima Iris alta, con petali bianchi, venati di blu/viola avvicinandosi alla gola, che presenta evidenti marcature arancioni.

Questa varietà è una selezione di Iris sibirica ed è stata ottenuta da S. Tiffney nel 1988 e registrata nel 1990. 

Coltivare in pieno sole o al massimo mezzombra(non meno di 4 o 5 ore di sole al giorno) in terreno fertile, drenato, irrigato regolarmente prima e durante la fioritura. Dopo la fioritura si possono ridurre le irrigazioni.

L'epiteto generico deriva dal nome della dea Iris (Iride, nella mitologia greca Ἶρις Iris), messaggera degli dei il cui nome deriva da quello dell’arcobaleno (ἶρις, iris).

L'epiteto specifico sibirica( dal latino sibiricus, della Siberia) fa riferimento all'origine geografica di questa specie.

Premi:

Honorable Mention,1992

Award of Merit, 1995

Vedi le altre Iris della nostra collezione

15,00 € 20,00 €

Iris sibirica 'Dawn Waltz'

Varietà con fiori bianco rosato e gola soffusa di giallo-verde, registrata nel 2007 da Marty Schafer/Jan Sacks. Coltivare in pieno sole o al massimo mezzombra(non meno di 4 o 5 ore di sole al giorno) in terreno fertile, drenato, irrigato regolarmente prima e durante la fioritura. Dopo la fioritura si possono ridurre le irrigazioni.

L'epiteto generico deriva dal nome della dea Iris (Iride, nella mitologia greca Ἶρις Iris), messaggera degli dei il cui nome deriva da quello dell’arcobaleno (ἶρις, iris).

L'epiteto specifico sibirica (dal latino sibiricus, della Siberia) fa riferimento all'origine geografica di questa specie.

Vedi le altre Iris della nostra collezione

15,00 € 20,00 €

Iris sibirica 'Regency Belle'

Varietà con fiori blu-azzurri e gola bianca, frutto del lavoro dell'ibridatore Currier McEwen, registrata nel 1985. Coltivare in pieno sole o al massimo mezzombra(non meno di 4 o 5 ore di sole al giorno) in terreno fertile, drenato, irrigato regolarmente prima e durante la fioritura. Dopo la fioritura si possono ridurre le irrigazioni.

L'epiteto generico deriva dal nome della dea Iris (Iride, nella mitologia greca Ἶρις Iris), messaggera degli dei il cui nome deriva da quello dell’arcobaleno (ἶρις, iris).

L'epiteto specifico sibirica( dal latino sibiricus, della Siberia) fa riferimento all'origine geografica di questa specie.

Premi:

Honorable Mention, 1990

Vedi le altre Iris della nostra collezione

15,00 € 20,00 €

Iris sibirica 'Sarah Tiffney'

Varietà alta con fiori rosati, soffusi di viola e gola color caramello, una selezione di Marty Schafer/Jan Sacks, registrata nel 1999. Coltivare in pieno sole o al massimo mezzombra(non meno di 4 o 5 ore di sole al giorno) in terreno fertile, drenato, irrigato regolarmente prima e durante la fioritura. Dopo la fioritura si possono ridurre le irrigazioni.

L'epiteto generico deriva dal nome della dea Iris (Iride, nella mitologia greca Ἶρις Iris), messaggera degli dei il cui nome deriva da quello dell’arcobaleno (ἶρις, iris).

L'epiteto specifico sibirica( dal latino sibiricus, della Siberia) fa riferimento all'origine geografica di questa specie.

Premi:

Honorable Mention, 2003

Vedi le altre Iris della nostra collezione

15,00 € 20,00 €
Tutti i prodotti in promozione

Manutenzione primaverile in giardino ( Veloce, pratica!)

Pubblicato il : 27/02/2018 13:39:42
Categorie : Curiosità


La Primavera è alle porte e le piante iniziano a sentire le temperature che si alzano, dopo i giorni di freddo appena trascorsi.

I lavori da fare sono tanti e per chi si è avvicinato da poco al giardinaggio può essere difficile ricordare le esigenze delle varie tipologie di perenni!

Cosa beneficia di un bel taglio netto? Quali piante devono invece essere lasciate indisturbate? Come preparare le piante per affrontare al meglio la stagione che sta iniziando?

Ecco la nostra guida...for dummies!

COSA TAGLIARE

La maggior parte delle erbacee perenni durante l'inverno avrà perso la parte aerea, cioè tutto ciò che cresce al di sopra del terreno. E' un meccanismo di difesa affascinante: la pianta raccoglie le energie e si concentra sulle parti sotterranee per superare l'inverno in dormienza. Le foglie e i rami seccano, talvolta restando belli per tutto l'inverno (come nel caso di Sedum 'Matrona' o di Miscanthus sinensis), altre volte accasciandosi al suolo e decomponendosi con pioggia, neve, ghiaccio ( come succede alle foglie di Hosta)

Ma facciamo qualche esempio!

SI TAGLIANO LA MAGGIOR PARTE DELLE GRAMINACEE ORNAMENTALI

  • Pennisetum
  • Panìcum
  • Miscanthus
  • Molinia
  • Calamagrostis

devono essere tagliate alla base, a circa 15 cm da terra, lasciando una base piatta nella parte superiore e arrotondata sui lati, per permettere uno sviluppo ideale, rotondo, della pianta nel momento in cui inizierà a vegetare.

 E DELLE ERBACEE DA FIORE

  • Salvia nemorosa
  • Salvia sylvestris
  • Heliopsis
  • Phlox paniculata
  • Helianthus
  • Rudbeckia
  • Eupatorium
  • Filipendula

devono essere tagliate alla base, togliendo tutta la vegetazione ormai secca della stagione precedente.

COSA NON TAGLIARE

Ci sono piante che se tagliate perdono vigore e forma e quindi è bene conoscerle per evitare di farci prendere dall'emozione del giardiniere e fare qualche disastro! Per lo più si tratta di piante sempreverdi, che pur essendo erbacee, mantengono durante l'inverno le foglie della stagione precedente e che producono nuove foglie a partire dalla Primavera.

  • Stipa tenuissima(Nassella tenuissima)
  • Stipa 'Jarava Ichu'
  • Carex (Le Carex sono erroneamente considerate delle graminacee (parlando tecnicamente delle Poaceae), ma appartengono ad un'altra famiglia, quella delle Cyperaceae. Questa confusione nell'assegnazione alla categoria giusta comporta spesso un errore nella manutenzione e le Carex vengono tagliate, causando imbruttimento della pianta, marciumi e perdita della forma.)

COSA TAGLIARE " SOLO UN PO' "

In questi casi dovete contenervi! Lasciate da parte la smania da Edward Mani di Forbice e date solo una ripulita al cespuglio dell'anno precedente, tagliando le foglie vecchie, i rami deboli o secchi e le cime sfiorite, riducendo la lunghezza dei rami per favorire lo sviluppo della nuova vegetazione.

  • Diascia barberae
  • Erigeron karvinskianus
  • Lamiastrum galeobdolon 'Florentinum'

 in questa categoria rientrano anche alcune perenni di tipo semi-arbustivo.

  • Salvia microphylla
  • Salvia x jamensis
  • Salvia chamaedryoides
  • Salvia greggii

devono essere ripulite dai rami più esili e, come si dice solitamente, 'ringiovanite' per evitare che invecchiando legnifichino troppo, perdendo la capacità di germogliare dai rami più vecchi.

Per fare questo si riduce il cespuglio di circa 2/3, evitando di tagliare i rami tutti alla stessa lunghezza, intervenendo con le forbici poco dopo una gemma vigorosa, che ci può servire da riferimento per capire il punto in cui la pianta ha ancora la capacità di germogliare.

COME TRATTARE LE BULBOSE INVERNALI

  • Cyclamen coum
  • Iris histryoides
  • Crocus
  • Hyacinthus

dopo la fioritura devono essere concimati per favorire la formazione e lo sviluppo di bulbilli che saranno fondamentali per la fioritura dell'anno successivo.

Se le coltiviamo in vaso, dopo aver concimato con un concime specifico, riduciamo l'apporto di acqua e riponiamo le piante in una zona ombrosa e fresca del giardino.

Nel caso di Cyclamen coum scegliamo un posto in cui vogliamo creare una colonia perchè, data l'alta capacità di autodisseminarsi, nascerà in quantità. Il posto ideale è sotto ad un cespuglio o a un arbusto che ripari il suolo dal sole durante i mesi estivi e mantenga il suolo fresco, ma non bagnato.

Se vogliamo piantare a terra le bulbose acquistate aggiungiamo al terreno sabbia, ghiaia, pomice per aumentare il drenaggio del terreno, fondamentale per la maggior parte delle piante nell'elenco.

E POI...

Per aiutare le piante a svilupparsi nel modo migliore in vista della stagione che sta iniziando ci sono poche regole da seguire:

Nel caso di piante in vaso

  • Verifichiamo che la pianta abbia ancora terra a disposizione e che le radici non abbiamo riempito completamente il vaso. In tal caso ripuliamo il pane di radici, riducendolo senza danneggiare la pianta, per poi invasare con terra nuova.
  • Nutriamo la pianta con una leggera concimazione, che favorisca lo sviluppo nel modo migliore. La concimazione deve essere sempre ridotta al minimo, ma nel caso di piante coltivate in vaso si rende necessario per fornire il nutrimento che, se coltivata in terra, la pianta riesce a reperire esplorando il terreno attorno a lei, nutrimento che in vaso si esaurisce più velocemente, lasciando la terra come un semplice substrato impoverito.
  • Controlliamo che i fori di drenaggio dei contenitori siano funzionanti e che non ci sia accumulo di acqua nei vasi. Uno dei casi più diffusi di sofferenza delle piante è dato dall'eccessivo apporto di acqua ( o, all'estremo opposto, per l'assenza di irrigazioni). Nel caso di nuovi impianti ricordiamoci di disporre nei vasi e nelle vasche uno strato di argilla espansa e subito sopra uno strato di tessuto non tessuto, a formare un sacco all'interno del quale potremo inserire la terra e le piante. In questo modo la terra non dilaverà con le irrigazioni e il livello di terriccio all'interno del vaso si manterrà più a lungo.
  • La corteccia è un'ottima protezione e permette di ridurre l'evaporazione dell'acqua, le sofferenze dovute a sbalzi di temperatura nella stagione invernale e lo sviluppo di infestanti. Consigliamo quindi di utilizzare uno strato di 3 o 4 cm di corteccia molto fine per coprire la terra nei vasi: oltre a rendere più belle le fioriere, miglioreremo la salute delle piante.
  • Ripuliamo le piante dalla vegetazione ormai secca dell'anno precedente, da eventuali infestanti, alghe e verifichiamo la salute delle nuove foglie e dei fusti per rilevare eventuali patologie e provvedere tempestivamente con trattamenti naturali.

Nel caso di piante in piena terra

In questo caso la manutenzione è 'più semplice': procediamo con il taglio e la pulizia della vecchia vegetazione, sarchiamo la terra in superficie per arieggiarla e verifichiamo la salute delle piante. Non sono necessarie concimazioni ( che, per piante in piena terra, consigliamo solo nel caso in cui insorgano carenze nutrizionali) nè trattamenti preventivi.

Per concludere la regola aurea può essere riassunta in tre parole:

Osservare, assecondare,provare

Buon giardinaggio!

Articles en relation

Condividi